INPGI, BONUS IN PAGAMENTO. SOLDI AL SINDACATO, NONOSTANTE LA CRISI NULLA CAMBIA. IL NO DI INPGI FUTURO

Il bonus da 600 euro a favore dei giornalisti autonomi in difficoltà per l’emergenza Covid 19 è in pagamento da oggi 9 aprile 2020. Lo ha detto la presidente dell’Inpgi Marina Macelloni nel Consiglio di amministrazione che si è tenuto in videoconferenza.

Bonus Covid – Sono 8.194 le domande accolte su più di 9.100 inviate in via Nizza dalla mezzanotte del 31 marzo (il termine scade il 30 aprile). Circa mille dunque sono state escluse per carenza dei requisiti richiesti ai giornalisti che hanno inviato l’autocertificazione. Appena conclusa la verifica delle domande, Inpgi ha inviato ai candidati un’attestazione di idoneità, o meno, a ricevere il bonus. Si stima che l’indennizzo, che verrà pagato al netto, possa essere richiesto in totale da circa 17.000 giornalisti. La ministra del Lavoro Nunzia Catalfo ha assicurato che se i 200 milioni stanziati non basteranno per coprire le domande di Inpgi e delle altre casse private (cosa già acclarata), verrà finanziato un secondo bonus e magari un terzo. Per ora Inpgi anticipa di tasca propria, come anche le altre casse.

Contributi alle associazioni regionali e alla Fnsi – Malgrado la gravità del disavanzo economico, anche quest’anno l’Istituto verserà alle associazioni stampa regionali ben 2.204.209 euro a titolo di rimborso per le prestazioni agli iscritti da parte degli uffici di corrispondenza e dei fiduciari Inpgi. E’ stato approvato anche il contributo alla Fnsi di 266.185 euro, somma alla quale è difficile dare una spiegazione. La delibera è passata con il voto contrario di Inpgi Futuro. Ai consiglieri Paola Cascella e Carlo Chianura che hanno sottolineato l’incongruità delle cifre anche a fronte del profondo rosso dei bilanci dell’ente, la presidente ha ricordato che quattro anni fa venne operato un taglio dei rimborsi, taglio di un risicato 5 per cento, come pure ai compensi della governance.

Sta di fatto che per servizi che potrebbero essere erogati in remoto, e dopo che pratiche come quelle sulla disoccupazione vengono da mesi svolte via internet, resta ingiustificata questa elargizione. Un vero e proprio finanziamento, senza il quale molte associazioni non potrebbero chiudere i propri bilanci. Senonché, il sindacato ha senso se riesce a raccogliere iscrizioni che gli consentano di camminare sulle proprie gambe. Questi denari, è bene ricordarlo sempre, vengono versati da tutti, anche da chi non è scritto al sindacato.

Potenziale commissariamento della cassa – Entro il 30 giugno Inpgi avrebbe dovuto presentare al tavolo del ministero del Lavoro, i propri bilanci attuariali alla luce di un percorso di risanamento (meno uscite e più entrate) richiesto dal governo. Pena il commissariamento. Ma dopo un primo incontro a Palazzo Chigi con il presidente del Consiglio Conte, gli appuntamenti, circa quattro, fissati fino a metà marzo, sono sempre stati rinviati. L’ultimo, ha spiegato Macelloni, per l’esplosione dell’emergenza Covid 19. Per questo Inpgi ha chiesto un rinvio di ogni operazione, chiedendo al governo un provvedimento di legge che prolunghi fino al 31 dicembre le scadenze. Si cerca di capire se questa modifica possa trasformarsi in un emendamento di uno dei prossimi decreti del governo.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


5 × 4 =