INPGI, COMMISSARIO PIÙ LONTANO SE IL GOVERNO VORRÀ. MA LA TEMPESTA È SEMPRE ALLE PORTE

di Gianni Dragoni *

Il Coronavirus affossa l’economia ma dà una mano all’Inpgi. Sembra un paradosso, eppure è quanto potrebbe avvenire se sarà confermata l’anticipazione – riferita dall’Ansa – contenuta nel documento di proposte per il decreto legge “Rilancio”, il decreto che il governo dovrebbe approvare per la ripartenza dell’economia.

Quello che il ministro dell’Economia Roberto Gualtieri aveva chiamato decreto “aprile”, con un termine che vagamente ci riportava alla Rivoluzione francese. Ma siamo già a maggio e ancora quel decreto non ha visto la luce. Qualcosa però si sta muovendo. Nel documento di proposte per il decreto si parla di una proroga di 6 mesi, dal 30 giugno al 31 dicembre 2020, del termine previsto dalla procedura per il riequilibrio finanziario dell’Inpgi.

Di cosa si tratta? E’ il termine entro il quale rischiava di scattare la ghigliottina del commissariamento per l’Inpgi. Il termine verrebbe pertanto rinviato almeno fino alla fine di quest’anno. Ricordiamo che la norma inserita nel decreto legge “Crescita”, convertito nella legge n. 58 del 28 giugno 2019, ha stabilito che entro il prossimo 30 giugno l’Inpgi “è tenuto ad adottare (…) misure di riforma del proprio regime previdenziale volte al riequilibrio finanziario della gestione sostitutiva dell’assicurazione generale obbligatoria che intervengano in via prioritaria sul contenimento della spesa e, in subordine, sull’incremento delle entrate contributive, finalizzate ad assicurare la sostenibilità economico-finanziaria nel medio e lungo periodo”.

Il cda Inpgi è rimasto immobile. Prima perché c’erano le elezioni per il rinnovo degli organi collegiali di vertice dell’istituto, poi è esplosa la pandemia e l’attività si è paralizzata. Va anche detto però che i margini di manovra per il cda dell’Inpgi appaiono alquanto limitati.

Non è immaginabile una manovra che da sola possa rimettere in equilibrio i conti dell’Inpgi (parliamo dell’Inpgi 1), visto il gigantesco deficit della gestione previdenziale e assistenziale. La perdita della gestione del 2019 è pari a -169,1 milioni di euro nel bilancio di assestamento (non è un dato definitivo) e quella del preventivo 2020 è -188,8 milioni.

Certo, alcuni miglioramenti si potrebbero fare, ma è impensabile anche solo avvicinarsi all’equilibrio del bilancio, vista la continua erosione della base contributiva, il calo dell’occupazione giornalistica e la bella pensata del governo Pd-M5S, su pressione degli editori (ma dobbiamo dire anche con la condiscendenza della Fnsi), di riaprire i prepensionamenti dei giornalisti dal 2020. Con queste cifre i conti si potrebbero riequilibrare solo tagliando le spese (comprese le pensioni) del 30% o aumentando le entrate (cioè i contributi) del 50 per cento.

Certo, si potrebbe radicalmente modificare la politica di dismissione degli immobili, ma anche questo passaggio non sarebbe sufficiente, e comunque da questo orecchio i vertici dell’Inpgi – nonostante le continue sollecitazioni in questi anni dei consiglieri di Inpgi Futuro – proprio non ci sentono.

Certo, si potrebbe chiedere al governo di difendere il prodotto giornalistico, con scelte coraggiose di tassazione dei cosiddetti Over The Top, Facebook e Google per primi. Oppure valutare la nostra proposta di introduzione di un gettone mensile di un euro per ogni smartphone, magari per la metà a carico delle stramiliardarie compagnie telefoniche, in cambio del quale leggere gratuitamente i siti di informazione. Ma alle viste ci sono solo le parole del sottosegretario all’Editoria Martella, che vola sempre altissimo tanto da disperdersi il più delle volte nell’iperuranio.

Allo stato attuale delle cose, se l’Inpgi non riuscisse entro giugno a dare indicazioni soddisfacenti per il riequilibrio dei conti, rischierebbe il commissariamento. La norma della legge di conversione del decreto Crescita però dice anche altro. E cioè che entro 18 mesi dall’entrata in vigore, cioè entro il 31 dicembre prossimo, “l’Inpgi trasmette ai ministeri vigilanti un bilancio tecnico attuariale (…) che tenga conto degli effetti derivanti dall’attuazione delle disposizioni del primo periodo del presente comma”, cioè delle misure di taglio di spesa o aumento di entrata.

“Qualora il bilancio tecnico non evidenzi la sostenibilità economico-finanziaria di medio e lungo periodo della gestione sostitutiva dell’assicurazione generale obbligatoria, al fine di ottemperare alla necessità di tutelare la posizione previdenziale dei lavoratori del mondo dell’informazione e di riequilibrare la sostenibilità economico-finanziaria della gestione previdenziale dell’Inpgi nel medio e lungo periodo, il governo adotta uno o più regolamenti, (…) diretti a disciplinare, senza nuovi o maggiori oneri ovvero minori entrate per la finanza pubblica, le modalità di ampliamento della platea contributiva dell’Inpgi”.

Si tratterebbe di anticipare l’ingresso nel perimetro Inpgi dei “comunicatori”, o di parte di questa categoria, che oggi sono iscritti all’Inps e, secondo una norma approvata in precedenza, dovrebbero passare all’Inpgi solo dal primo gennaio 2023.

In realtà l’effettivo funzionamento di queste regole sarebbe da verificare sul campo, anche perché non ci sono automatismi ma sono richiesti ulteriori atti esecutivi del governo. Nulla è scontato. Una parte dei comunicatori sono contrari al passaggio all’Inpgi, e anche all’Inps non fanno i salti di gioia per perdere “donatori” di contributi che valgono circa 150 milioni all’anno, secondo le stime del governo.

Resta il fatto che l’Inpgi corre verso il baratro. Quindi un rinvio di sei mesi del termine-ghigliottina del 30 giugno, a cui immaginiamo dovrebbe essere coerentemente agganciato anche un rinvio del successivo termine per la presentazione del bilancio tecnico-attuariale (quello che ora scade alla fine di quest’anno), nel breve periodo può alleviare la pressione e allontanare il rischio di commissariamento o di altre misure di discontinuità. Misure che diventerebbero comunque inevitabili se, alla fine della storia, non si fosse trovata una soluzione.

* Vice portavoce di Puntoeacapo

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*