COVID, IN BILICO IL NUOVO BONUS INPGI 2. DUE ARTICOLI DEL DECRETO RILANCIO SI SMENTISCONO

di Andrea Bulgarelli *

“M’ama, o non m’ama?”: del Decreto Rilancio i professionisti se lo stanno chiedendo. Se da un lato l’articolo 78 del Decreto Rilancio pubblicato martedì 19 maggio in Gazzetta Ufficiale, per compensare la crisi lavorativa generata dall’emergenza Covid-19, dovrebbe garantire anche per i mesi di aprile e maggio un bonus economico, dall’altro l’articolo 86 dello stesso Decreto rende l’indennizzo percepito a marzo incompatibile con quello dei mesi successivi.

Stando al recente Decreto, infatti, la misura prevista per i giornalisti che non siano titolari di pensione o di contratto di lavoro subordinato a tempo indeterminato se già percepita in forza del Decreto Cura Italia non è più dovuta.

Vari presidenti di casse professionali, tra i quali quelli degli architetti o dei commercialisti sono insorti a livello nazionale, mentre da parte della Federazione della Stampa Italiana non abbiamo contezza di azioni a tutela dei colleghi giornalisti. Dura anche la protesta di Alberto Oliveti, presidente dell’Adepp, vale a dire dell’associazione che raggruppe le casse previdenziali privatizzate dallo Stato.

Come scrive il Corriere della Sera, a rimanere tagliati fuori sono circa 500 mila professionisti, «da un lato il Governo ha rifinanziato gli indennizzi statali per i mesi di aprile e di maggio – dice Oliveti – dall’altro un codicillo, che speriamo sia frutto di un errore materiale, ha stabilito che chi ha preso i 600 euro a marzo, non potrà ottenerli nei mesi a venire. Confidiamo che si tratti di un errore materiale e a tal proposito abbiamo chiesto chiarimenti ai ministeri e un’eventuale correzione».

Ma il caso si tinge di giallo, perché nella newsletter inviata dall’Inpgi non si fa cenno a questa eventualità e si dà per scontata l’applicazione dell’art. 78 che, nei fatti e nello stesso Decreto, viene smentita dal successivo articolo 86.

Per l’istituto insomma il bonus è garantito anche per i mesi di aprile e maggio, senza se e senza ma, mentre dal dibattito in corso tra associazioni e ordini dei professionisti e Governo sembra proprio di no.

In ogni caso ancora non è dato a sapere se sarà necessaria una nuova richiesta o sarà sufficiente quella già presentata.

Per la definizione della procedura e quindi per partire con l’erogazione dei bonus è infatti necessario un decreto attuativo del ministero del Lavoro i cui tempi di emanazione passano dai trenta giorni indicati nel decreto Cura Italia ai sessanta inseriti nel nuovo Decreto Rilancio.

* Consigliere generale Inpgi per Inpgi Futuro

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


5 − quattro =