ATTACCO ALLE PENSIONI, IL COMITATO “SALVIAMO LA PREVIDENZA” SCRIVE A DEPUTATI E SENATORI GIORNALISTI

Il comitato “Salviamo la previdenza dei giornalisti” scrive anche ai deputati e ai senatori giornalisti professionisti e pubblicisti. Una nuova iniziativa per sensibilizzare chi ha la possibilità di chiedere che il governo e il Parlamento prendano atto della gravità della crisi previdenziale. Di seguito il testo della lettera.

Gentile collega,
vorrei segnalare a te che ricopri la carica di parlamentare e sei giornalista la grave situazione dell’Inpgi.
Il nostro istituto di previdenza continua a perdere centinaia di milioni all’anno per lo squilibrio tra numero di contribuenti e numero di assistiti.
Se le condizioni strutturali del mercato del lavoro non dovessero cambiare, l’istituto è destinato al fallimento e non sarà in grado in breve tempo di pagare prestazioni e pensioni a tutti i giornalisti.
E’ per questo motivo che un gruppo di colleghi di buona volontà, dopo avere dato vita al comitato “Salviamo la previdenza dei giornalisti”, ha sollecitato un intervento di Mattarella a tutela della garanzia pubblica delle prestazioni. Sono già centinaia le firme raccolte, tra cui quelle di giornalisti prestigiosi.
Giornalisti non liberi economicamente rendono meno libero il sistema democratico.
Vorrei dunque sollecitare il tuo impegno a portare questo caso all’attenzione del governo e del Parlamento e, se lo ritieni, chiederti di firmare la lettera-appello al capo dello Stato. Sarebbe un’adesione di grande rilievo che aiuterebbe molto tutti noi.

Augurandomi una tua risposta positiva, ti mando un cordiale saluto.

Carlo Chianura
per il comitato “Salviamo la previdenza dei giornalisti”

La lettera, con allegato l’appello al presidente della Repubblica, è stata inviata ai deputati:

Alessandro Amitrano
Michele Anzaldi
Deborah Bergamini
Massimiliano Capitanio
Emilio Carelli
Luigi Casciello
Vito De Filippo
Rosalba De Giorgi
Gregorio Fontana
Andrea Frailis
Roberto Giachetti
Igor Giancarlo Iezzi
Elena Maccanti
Bernardo Marino
Giorgia Meloni
Alessandro Morelli
Giorgio Mulé
Nicola Pellicani
Gianfranco Rotondi
Alessia Rotta
Andrea Ruggieri
Filippo Sensi
Walter Verini
Federica Zanella

e ai senatori:

Alberto Barachini
Luca Briziarelli
Andrea Cangini
Adriano Cario
Tommaso Cerno
Danila De Lucia
Primo Di Nicola
Maurizio Gasparri
Gabriella Giammanco
Elio Lannutti
Gianluigi Paragone
Mario Pittoni
Isabella Rauti
Sandro Ruotolo
Matteo Salvini
Armando Siri
Adolfo Urso

2 Commenti "ATTACCO ALLE PENSIONI, IL COMITATO “SALVIAMO LA PREVIDENZA” SCRIVE A DEPUTATI E SENATORI GIORNALISTI"

  1. Gentile redazione,
    come volevasi dimostrare solo qualche riga per i non ristori ai free lance inpgi 2 non garantiti di nulla, e valanghe di appelli a destra e a manca per all’inpgi dei garantiti. Dimenticati e trasparenti, fermi da mesi non che versiamo all’inpgi2 gli stessi che versano all’Inps con i ristori. Altro che ” nessuno sarà lasciato indietro” se nessuno dei nostri enti ci difende e fa la voce grossa per nostro conto, neanche al sesto, settimo ristori vedremo nulla. “La legge è uguale per tutti ma non tutti sono uguali” e noi freelance siamo quelli per niente tutelati, ma con la cassa inpgi2 in attivo, mentre l’inpgi dei garantiti, con prospettive cupe, in rosso di 253 milioni, e parte subito la solidarietà degli enti preposti. Per i freelance non ristorati, viaggi annullati presstour cancellati c’e qualcuno?

  2. Sarà anche importante ricordare al Governo che la Costituzione lo obbliga a contrastare il lavoro irregolare, che in campo giornalistico raggiunge livelli spaventosi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*