ATTACCO ALLE PENSIONI, FIRME ECCELLENTI E A SORPRESA PER UN APPELLO BIPARTISAN CHE SCUOTE IL GIORNALISMO

di Alessandra Spitz *

Tantissimi giornalisti in attività, capitanati da svariati direttori di importanti testate, ma anche colleghi pensionati, molti illustri, che, tutti insieme, rappresentano una fetta significativa della storia recente del giornalismo italiano.

E’ questo un primo, seppur parziale, bilancio delle centinaia e centinaia di firme che, in pochi giorni e durante le molte distrazioni delle festività natalizie, il comitato “Salviamo la previdenza dei giornalisti” ha raccolto per sostenere la lettera-appello inviata al Presidente della Repubblica, ma anche al presidente del Consiglio Giuseppe Conte, all’Agenzia dell’Onu per il lavoro (Oil) e ai parlamentari italiani giornalisti e pubblicisti.

La lettera – in cui si sollecita la tutela della garanzia pubblica delle prestazioni perchè giornalisti non liberi economicamente rendono meno libero il sistema democratico – ha già ricevuto una prima, significativa, risposta: il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella – ha fatto sapere il Quirinale – è grato per l’invio e per la forma della missiva e si riserva le opportune valutazioni e iniziative per un approfondimento della situazione in atto.

A scorrere l’elenco dei giornalisti firmatari stupisce non solo la quantità di firme illustri ma anche il fatto che le adesioni siano arrivate da testate di ogni colore politico e da colleghi con opinioni molto diverse e di ogni fascia di età.

La pattuglia dei direttori – Tantissimi i direttori in carica o ex direttori di grande prestigio, a rappresentare sia la carta stampata e le agenzie di stampa, sia la Tv: basti citare Lucia Annunziata, Ernesto Auci, Maria Luisa Agnese, Pino Aprile, Luigi Contu, Lucio Caracciolo, Francesco Damato, Ferruccio de Bortoli, Franco Di Mare, Ludovico di Meo, Vittorio Emiliani, Guido Gentili, Peter Gomez, Paolo Graldi, Gianni Letta, Paolo Liguori, Riccardo Luna, Massimo Martinelli, Marcello Masi, Giancarlo Mazzuca, Clemente J. Mimun, Antonio Padellaro, Marco Travaglio. E ancora, Antonio Bagnardi, Mauro Bene, Ettore Boffano, Dino Boffo, Gabriele Cané, Matteo Cosenza, Maurizio Donelli, Carlo Fusi, Salvatore Giannella, Beppe Lopez, Enrico Romagna Manoja, Enrico Singer, Bruno Socillo, Giancarlo Summa, Antonello Valentini, Giovanni Valentini, Bruno Vespa, Luigi Vicinanza, Pier Luigi Visci, Pietro Visconti, Giuliano Zoppis.

Editorialisti e commentatori politici – Folto anche il gruppo delle cosiddette grandi firme come Bernardo Valli, Pierluigi Battista, Pietrangelo Buttafuoco, Stefano Folli, Marco Follini, Federico Geremicca, Giordano Bruno Guerri, Mario Luzzatto Fegiz, Giovanni Mariotti, Fabio Martini, Massimo Mucchetti, Giancarlo Perna. Da non dimenticare inoltre il quirinalista Marzio Breda, oltre a Ottorino Gurgo, Oliviero La Stella, Sebastiano Messina.

I volti noti dello schermo – Oltre ai già citati Annunziata e Bruno Vespa, hanno firmato anche, tra gli altri, Andrea Purgatori della 7, Osvaldo Bevilacqua di Sereno variabile, Vincenzo Mollica, Duilio Giammaria, Marino Bartoletti e i volti dei Tg Rai Marco Frittella, Mariolina Sattanino e Neliana Tersigni.

La squadra radiotelevisiva – Tantissime anche le firme dei giornalisti che lavorano in radio e tv, divise più o meno equamente tra colleghi in attività e pensionati. Tra queste, ne ricordiamo solo alcune, come Mario De Scalzi, Guido Barendson, Giorgio Zanchini, Massimo Corcione, Pio D’Emilia, Aldo Forbice, Riccardo Gentile, Andrea Pucci, Manuela Cadringher, Dario Laruffa, Stefano Marroni, Paolo Pagliaro, Daniele Renzoni, Giancarlo Santalmassi, Giampaolo Sodano, Dino Sorgonà.

Agenzie di stampa e carta stampata – E’ forse il blocco di firme più massiccio e anche in questo settore è molto nutrito il gruppo di colleghi giovani e ancora in attività, accanto a quelli in pensione. Sono così tanti che scegliere è quasi impossibile. Ne abbiamo scelto uno per tutti perché ha fatto la storia: è Riccardo Ehrman, all’epoca corrispondente Ansa in Germania, che fece la famosa domanda sull’apertura delle frontiere tra Est ed Ovest che portò all’assalto e alla caduta del muro di Berlino nel 1989. Dalla carta stampata tante adesioni, come quella di Carlo Bertini e Jacopo Iacoboni della Stampa, di Paolo Conti, Michele Mezza e Gabriele Romagnoli, di grandi inviati come Francesco La Licata, Daniele Mastrogiacomo, Massimo Nava, Michele Smargiassi, Alberto Stabile.

Le donne – Non possiamo non sottolineare la presenza massiccia di firme femminili , visto anche che il comitato promotore è diviso esattamente a metà tra uomini e donne. Tra le giornaliste donne che hanno aderito figurano, tra l’altro, Chiara Beria d’Argentine, Daniela Brancati, Rina Attar Goren, Rosaria Capacchione, Edgarda Ferri, Rossella Lama, Liliana Madeo, Kicca Menoni, Fiamma Nirenstein, Sandra Petrignani, Elisabetta Rasy, Gloria Satta, Sara Scalia, Donatella Stasio, Fiorenza Vallino, Carla Vanni. Recente e significativa inoltre l’adesione della sottosegretaria alla Salute Sandra Zampa.

Ordine, enti e sindacato – A conferma della trasversalità dell’inziativa del Comitato, hanno aderito anche esponenti , vecchi e nuovi, di Ordine dei giornalisti e sindacato come Bruno Tucci, Filippo Anastasi, Alessandro Caprettini, Giorgio Balzoni, Roberto Carella, Franco Chieco, Innocenzo Cruciani, Lorenzo del Boca, Pierluigi Roesler Franz.

Ma le firme più significative, a nostro avviso, sono quelle non citate e sono quelle di quei tantissimi colleghi che hanno vinto la letargia che da sempre caratterizza la nostra professione e che hanno lanciato un messaggio chiaro alle istituzioni, al governo e ai vertici dell’ Inpgi: è scaduto il tempo dei rinvii ed è il momento di adottare presto una soluzione seria, equa e duratura nel tempo per le nostre pensioni, attuali e future.

* Comitato promotore della raccolta di firme

1 Commento "ATTACCO ALLE PENSIONI, FIRME ECCELLENTI E A SORPRESA PER UN APPELLO BIPARTISAN CHE SCUOTE IL GIORNALISMO"

  1. VENDERE TUTTO…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*