INPGI, PRONTO IL BLITZ IN PARLAMENTO: RINVIARE IL COMMISSARIAMENTO AL 31 DICEMBRE

Il riserbo è massimo, la notizia corre nelle chat riservate di Controcorrente, l’ex Autonomia, vale a dire la corrente di maggioranza della Fnsi, che gestisce quasi tutti gli enti della categoria.

Il deputato Pd Filippo Sensi, già autore di un emendamento alla legge di bilancio che ha alleggerito alcune spese per ammortizzatori sociali dell’istituto, si è deciso a intervenire di nuovo.

Questa volta l’emendamento sarebbe stato depositato nei giorni scorsi al Decreto Sostegni Bis del 25 maggio scorso. In poche parole Sensi, non si sa se a nome personale, di tutto il Pd, di tutta la maggioranza, compreso il governo, propone che il commissariamento dell’Inpgi, che potrebbe scattare a partire dal 1. luglio prossimo, sia rinviato al 31 dicembre.

L’obiettivo, nobile e in assoluta buona fede, sarebbe quello di dare tempo allo stesso Inpgi di porre in atto i correttivi necessari per correggere la rotta e ridurre il disastroso sbilancio di circa duecentocinquanta milioni.

Senonché il nobile obiettivo si scontra con la realtà, vale a dire la totale inazione del Cda Inpgi di fronte alla crisi, inazione mitigata solo dal carattere strutturale dello squilibrio.

E allora, si chiede l’uomo della strada, a che cosa servirebbe allungare di sei mesi l’agonia? Evidentemente a tenere sotto controllo da parte della maggioranza Inpgi-Fnsi il maggiore ente di categoria e aspettare gli eventi. Un campare alla giornata che tutela le rendite di posizione ma sicuramente umilia una intera professione. Fino all’ultimo centesimo.

Ma speriamo di sbagliare e di avere letto male la chat.

Aggiornamento del 15 giugno 2021.

Purtroppo non sbagliavamo. Ecco il testo dell’emendamento presentato dai deputati Pd Sensi e Pellicani.

Dopo il comma 9, aggiungere il seguente:
9-bis. All’articolo 1, comma 31, della legge 30 dicembre 2020, n. 178, le parole: «30 giugno 2021», sono sostituite dalle seguenti: «31 dicembre 2021».
67.50. Sensi, Pellicani.

 

9 Commenti "INPGI, PRONTO IL BLITZ IN PARLAMENTO: RINVIARE IL COMMISSARIAMENTO AL 31 DICEMBRE"

  1. Giuseppe Cipriani | 14 Giugno 2021 ore 10:59 | Rispondi

    Se così sarà, propongo, in alternativa alle dimissioni dimostrative del cda, una nuova riforma tutta sangue che salassi le pensioni oltre i 3.000 euro (sono sufficienti per vivere dignitosamente la terza età), elimini le pensioni anticipate (mantenendole solo per chi raggiunge i 41 anni di contributi senza figurativi), tenendo solo quelle di vecchiaia a 67 anni (con almeno 30 anni di contributi). E se l’istituto non di sana manco così, tutti in Inps subito!!!

    • Il problema della previdenza non si risolve con le fustigazioni. Le strade per risanare ci sono purché si vogliano vedere. Il comitato “Salviamo la previdenza dei giornalisti” le ha presentate al governo e alle istituzioni.

  2. Giuseppe Cipriani | 14 Giugno 2021 ore 13:32 | Rispondi

    Certo, io provocavo. Ma se quel che è stato presentato rimane lettera morta, come sembra, bisognerà prenderne atto. Che facciamo? Inseguiamo le chimere e ci illudiamo con le promesse da marinaio del governo? Mi sembra che il tempo sia scaduto e che logica imponga azioni immediate e non altra attesa del deprimente Nulla.

  3. Mario De Scalzi | 15 Giugno 2021 ore 11:01 | Rispondi

    perché non troviamo un onorevole “pasdaran” a noi più vicino di Sensi al quale chiedere di presentare un contro-emendamento? Tra l’altro in sede di votazione il sottosegretario all’editoria potrebbe-dovrebbe dare parere negativo alla proposta Sensi!

  4. Raul Wittenber | 15 Giugno 2021 ore 11:55 | Rispondi

    Ha ragione Cipriani in quella che definisce provocazione. L’attacco alle pensioni dei giornallisti l’anno fatto i giornalisti e non un complotto dei nemici dei giornalisti.

  5. Giuseppe Cipriani | 15 Giugno 2021 ore 19:28 | Rispondi

    L’impressione che il tutto dà, con lo scudo anticommissariamento che prosegue, è quello di un tizio che continua a guardarsi allo specchio senza decidersi se uscire o meno. L’agonia dei prossimi sei mesi produrrà altro calo della riserva pensioni, altri licenziamenti e casse integrazioni, quindi calo di contribuenti e aumento di pensionati… A meno che nel frattempo qualcuno (la fatina dai capelli turchini) decida di smascherare inettitudini e finte promesse di interesse e dia il via a un ciclo virtuoso, al momento non prevedibile: convincere i comunicatori, riformare l’ordine, ritrovare il sindacato, rompere le scatole a Mattarella, capire se Moles e Orlando ci sono davvero, bloccare casse integrazioni e prepensionamenti… Una bazzeccola!!! Scommettiamo che nulla si muoverà e che magari continueranno con lo scudo di sei mesi in sei mesi fino a cassa prosciugata? Gradite smentite.

  6. Giuseppe Cipriani | 18 Giugno 2021 ore 10:17 | Rispondi

    Credo che sia ora di farci sentire in modo deciso. Se Draghi e il suo governo non sono in grado di prendere decisioni forti su categoria e Inpgi, è giunto il momento dello sciopero, unica maniera io credo di far capire l’importanza della nostra categoria. Siamo in grado di organizzare uno sciopero carta.radio.tv di una settimana intera? Vorrei vedere dove scopiazzerebbero le notizie i diversi blog che saccheggiano quotidianamente giornali e agenzie stampa. E come se la caverebbero gli editori che ci hanno sottratto la dignità nel nome del profitto facile. Il tempo delle sole parole e della diplomazia è scaduto: è giunto il tempo dei fatti di una categoria di nuovo unita come ai bei tempi. Fnsi batti un colpo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*