CASAGIT, ARROGANZA E BULIMIA DELLA MAGGIORANZA FNSI SCIPPANO IL POSTO AL DESIGNATO DI “INSIEME PER CASAGIT”

di Stefania Tamburello *

Sono molto delusa. Delusa e arrabbiata, molto. Non mi aspettavo, pur con il bagaglio di una non breve esperienza sindacale, il comportamento così arrogante e di completa chiusura da parte dei componenti della cosiddetta maggioranza (8 componenti su 11) del consiglio di amministrazione della Casagit.

Si trattava della prima vera riunione operativa dopo la nomina e pensavo che si potesse sin da subito avviare un comune proficuo lavoro. Invece ha vinto l’arroganza di chi ha il potere dei voti e non vuole cedere nulla a chi rappresenta non la minoranza dei soci, anzi, ma la minoranza, di stretto numero, dei delegati all’assemblea nazionale.

Colpa del distorto meccanismo elettorale, sicuramente. Ma altrettanto certamente del motto “prendo tutto io” imposto dal segretario della Fnsi Raffaele Lorusso anche, purtroppo, alla Casagit.

Ieri 20 luglio ho potuto verificarlo direttamente. Dovete sapere che il rappresentante Fnsi è presente come componente effettivo al consiglio di indirizzo della Fondazione Casagit (che poi sarebbe lo stesso Cda), socio unico di Casagit servizi che gestisce l’ambulatorio romano di Piazza Apollodoro.

Ebbene ieri alla riunione del Consiglio di indirizzo, seguita a quella del Cda, è intervenuto in prima persona il segretario che ormai non perde occasione di partecipare direttamente a tutti i consessi in cui è richiesta la presenza della Fnsi, dall’Inpgi alla Casagit, a convegni e seminari. Ovunque ad esercitare il suo credo: “occupo ciò che posso”, pensando così, a dire il vero un po’ ingenuamente, di frenare se non bloccare l’emorragia degli iscritti.

Bisognava nominare il consiglio di gestione composto da 5 persone. Per statuto ogni componente del consiglio di indirizzo può indicarne 4 e si tratta di un evidente meccanismo per assicurare almeno 1 posto alla minoranza.

Ieri invece, alla presenza di Lorusso, che è componente anche del Cda Inpgi, una maggioranza bulimica (8 + il segretario Fnsi) ha deciso di giocare con le preferenze per vanificare l’effetto dei 3 voti di chi la pensa diversamente da loro (Carlo Gariboldi e Carola Vai e la sottoscritta) e che aveva deciso di indicare il collega Giorgio Pacifici, giornalista Rai, superesperto della materia e supervotato dai soci romani.

Alla fine, tra gli eletti, è risultato solo un romano, Gianpiero Spirito, peraltro tra i meno votati dai soci suoi corregionali ma comunque destinato alla presidenza della Fondazione. E qui arriva quella che a me è apparsa quasi una gag (purtroppo non lo era) dell’ineffabile Lorusso.

Al termine dell’elezione, non sono riuscita a trattenere, seguita da Gariboldi e Vai, rimostranze e proteste. Sono molto “incazzata”, ho detto, perché non avete rispettato le ragioni della minoranza, perché avete ignorato un collega stimato e per giunta romano che avrebbe potuto proficuamente collaborare allo sviluppo dell’ambulatorio Apollodoro grazie alla sua approfondita conoscenza delle esigenze del pubblico – soci e non soci -romani.

Apriti cielo! O meglio apriti Lorusso, seguito a ruota dai due principali emuli. “Non potete dire che il voto è stato una vergogna!” ha tuonato, anche se io ho detto solo che ero “incazzata”. E poi “l’ambulatorio è patrimonio di tutti non solo dei soci romani!”, ha aggiunto continuando ad intervenire con voce esagitata su presunti intenti di “clientelismo” (?!?) della minoranza. E questo solo perché avevo detto che un collega romano (uno non quattro) sarebbe stato più operativo di altri più lontani.

E poi il refrain del richiamo alla democrazia, come se la democrazia fosse il puro esercizio del potere dato dal numero dei voti e non il rispetto del pluralismo, del dibattito e dell’azione concertata.

* Cda Casagit con “Insieme per Casagit”

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*