INPGI-RETROSCENA, E PALAZZO CHIGI BLOCCÒ LE NOMINE DI DURIGON NELLA SUPER COMMISSIONE

Claudio Durigon, ex sottosegretario all'Economia

Nell’affaire Durigon c’è un’appendice a prima vista minore ma significativa per i giornalisti. Prima che si dimettesse per l’infausta frase sulla intestazione del parco di Latina, l’ex sottosegretario all’Economia aveva trovato il tempo di mettere il suo zampino sulla commissione che entro il 20 ottobre dovrà dire una parola definitiva sul destino dell’Inpgi.

Di che cosa si tratta? Alla vigilia della convocazione della prima riunione, a Palazzo Chigi si sono accorti che entrambi i componenti della commissione in quota MEF (Ministero dell’Economia e Finanza) erano stati nominati proprio da Claudio Durigon. E che nomine…

Il primo nome era quello di Paola Vittori, capo della segreteria personale del sottosegretario leghista. Il secondo, udite udite, quello del noto avvocato Federico Freni, consulente dello stesso Durigon ma soprattutto dell’Inpgi, per il quale ente ha seguito cause importanti e partecipato a commissioni per l’assegnazione di incarichi.

Quando dalle parti di Draghi si sono resi conto dell’imbarazzante conflitto di interessi che si sarebbe verificato con i due componenti del MEF nominati da un membro di governo spazzato via dalla tempesta politica di Ferragosto, uno dei quali in stretti rapporti con l’Inpgi, da cui tra l’altro ha comprato un bell’appartamento ai Parioli, è scattato lo stop.

Risultato: la riunione che si sarebbe dovuta tenere nei giorni scorsi è stata rinviata a martedì 7 settembre e il gabinetto del ministro Daniele Franco è stato caldamente invitato a riflettere sulle nomine di Vittori e di Freni. Vedremo come andrà a finire.

Per la cronaca, Claudio Durigon è l’esponente politico che quando era sottosegretario al Lavoro nel governo Conte I fiancheggiò la dirigenza Inpgi nella partita dell’ingresso nell’istituto dei comunicatori.

Sembrano intanto cominciate le manovre dei soggetti collaterali all’Inpgi per dilatare i tempi della commissione, con l’appoggio di esponenti pugliesi del Pd e del M5S. Obiettivo, arrivare il 31 dicembre all’ennesimo slittamento del commissariamento.

3 Commenti "INPGI-RETROSCENA, E PALAZZO CHIGI BLOCCÒ LE NOMINE DI DURIGON NELLA SUPER COMMISSIONE"

  1. Graziella Carrera | 5 Settembre 2021 ore 23:33 | Rispondi

    Non ho parole. Non ho parole. Ma dove siamo finiti? In quale Pianeta? Il Pianeta dell’inciucio?
    Ma che VERGOGNA, gente.

  2. E’ lo stesso Federico Freni in corsa per diventare sottosegretario al Mef?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*