ORDINE, AL BALLOTTAGGIO I GIORNALISTI DI “RIFORMA & DIGNITÀ”. VOTALI IN BLOCCO NEL SECONDO TURNO

di Alessandra Spitz *

Si allarga la platea degli elettori per l’Ordine dei giornalisti e si accende la concorrenza tra le liste, con la squadra di “Riforma & Dignità” che porta i suoi candidati al ballottaggio.

Qui il nostro programma

Qui il programma in pillole

In basso i nostri candidati da votare in blocco

È questo, in poche parole, il bilancio della prima tornata di elezioni per il rinnovo, nel Lazio, degli organi dirigenti dell’Ordine dei giornalisti.

L’introduzione del voto on line ha esteso la partecipazione, storicamente molto bassa. Su poco meno di 7 mila aventi diritto al voto tra i professionisti, questa volta hanno partecipato al voto 1.674 colleghi di cui 1.242 on line contro i 432 andati al seggio, mentre nel 2017 furono circa 300 in meno (1382 per la precisione).

Certo, è sempre poco ma certamente l’uso del pc per votare ha dato un segnale positivo rispetto all’atavica abulia della categoria nei confronti dell’Ordine professionale.

L’aumento dei votanti ha avuto l’effetto positivo di consentire anche una maggiore competizione tra i candidati. La lista civica “Riforma & Dignità” ha infatti conseguito un buon risultato portando i suoi candidati consiglieri professionisti al ballottaggio del 3 e 4 novembre on line e 7 novembre al seggio fisico. Si tratta, più in particolare, di sei candidati più due revisori per Ordine del Lazio e di sette candidati per l’Ordine nazionale.

Coraggiosa e sfortunata la battaglia dei candidati pubblicisti di “Riforma & Dignità”, Tommaso Polidoro, Renata Palma, Elisabetta Palmisano, Ugo Baldi, Mauro De Vincentiis, cui va il nostro ringraziamento per la generosità con cui hanno sostenuto questa campagna.

La distanza di voti tra i candidati della attuale maggioranza che governa l’Ordine e quelli che sono all’opposizione si è decisamente ridotta, se non annullata in alcuni casi, dando così vita ad una corsa al ballottaggio del tutto aperta.

Va sottolineato che, nonostante l’aumento dei votanti, i candidati della lista di maggioranza hanno perso, rispetto alle elezioni del 2017, una media di circa 200 voti. In pratica, l’aumento dei votanti non ha inciso minimamente sui voti raccolti dalla maggioranza. Per fare un esempio: nelle elezioni per il Consiglio nazionale la loro prima classificata delle preferenze nel 2017, Roberta Serdoz, aveva raccolto 607 voti, mentre Paola Spadari, presidente uscente dell’Odg del Lazio e capolista, prima ieri nelle preferenze, ne ha raccolti 454. E gli altri risultati sono in linea con questo esempio sui capolista.

L’invito che rivolgiamo a tutti i giornalisti del Lazio è quello di votare ancora più numerosi per sostenere sia al Consiglio nazionale che a quello regionale una lista che vuole porsi come alternativa al gruppo di potere che governa tutti gli enti e gli organi di categoria e che – tanto per citare l’esempio più clamoroso – ha retto negli ultimi venti anni le poltrone di potere dell’Inpgi.

Tutti al voto nel ballottaggio online del 3-4 novembre e di persona domenica 7 novembre!

* Candidata per “Riforma & Dignità” alle elezioni per il Consiglio nazionale dell’Odg

 

I NOSTRI CANDIDATI ALL’ORDINE DEL LAZIO. VOTALI IN BLOCCO

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*