STATI DI CRISI, AMMORTIZZATORI, CONTRIBUTI, MERCATO PUBBLICITARIO: DUE O TRE COSE SU NOI GIORNALISTI

di Carlo Chianura

Pubblichiamo una sintesi dell’intervento del portavoce di Puntoeacapo alla riunione del Consiglio di amministrazione dell’Inpgi e della giunta Fnsi sulle risposte comuni alla crisi dell’editoria.

E’ positivo il fatto che in numerosi interventi questa mattina sia stato messo in evidenza il fenomeno degli abusi di stati di crisi nelle aziende editoriali, abusi che negli ultimi 3 anni hanno provocato molte delle attuali difficoltà dell’Inpgi. E’ la conferma della giustezza di un’analisi che non è ferma al passato, anzi come vediamo e sappiamo è radicata nel presente e nel futuro della nostra professione.

E’ necessario riconoscere che il protocollo aggiuntivo del contratto del 2009 grazie al quale è stata messa in atto una sostanziale deregulation degli stati di crisi è una specie di peccato originale della categoria, che in quella circostanza a mio avviso non ha guardato lontano.
Se dunque è vero che siamo qui per dare il nostro contributo fattivo alle politiche che ci attendono e che urgono come Fnsi e come Inpgi, mettiamo in pratica l’analisi che sta emergendo oggi. Poniamoci tutti l’obiettivo di contrastare per il futuro questa deregulation. E’ possibile farlo se saremo tutti d’accordo con il tentativo di modificare nella prossima tornata contrattuale il protocollo del 2009 e mettere in atto una politica che spinga il governo a ratificare futuri accordi meno penalizzanti per i giornalisti.
Ci sono altri punti di proposta.
Il primo riguarda gli ammortizzatori sociali, il cui costo negli ultimi anni è letteralmente esploso. Facciamoci questa domanda: è giusto ricorrere ai contratti di solidarietà riconoscendo l’intera quota a carico dell’Inpgi e dello Stato per qualsiasi reddito, anche per quelli milionari di qualche direttore? Prendiamo uno stipendio da 4.000 euro netti al mese: con la decurtazione derivante dal contratto di solidarietà e con le relative integrazioni, di fatto il collega viene a perdere qualche decina di euro, a fronte magari di tre giorni di lavoro in meno al mese. E’ giusto, se questo poi provoca esborsi milionari per l’Inpgi? Non sarà, questo tipo di ricorso ai contratti, una forma surrettizia e inaccettabile di riduzione del costo del lavoro da parte delle aziende? Noi riteniamo ineludibile che si affronti il nodo dell’abuso di questo istituto e che si valuti l’opportunità di introdurre un tetto oltre il quale il contributo dell’Inpgi non sia più erogato: ne va della salvaguardia dei diritti di tutti, anche dei colleghi che si vedrebbero riconoscere qualcosa in meno.
Un’altra questione che a mio avviso ci dobbiamo porre riguarda i livelli contributivi dei giornalisti e degli editori. In occasione del rinnovo economico del contratto, l’anno scorso, è stato stipulato un patto che prevede in cinque anni un aumento di 3 punti percentuali dei versamenti contributivi all’Inpgi da parte degli editori. Chiediamoci se non sia interesse di tutti, dell’Inpgi ma anche dei giornali e della stessa Fieg, concordare un’accelerazione di questo percorso. Magari chiamando a contribuirvi moderatamente gli stessi giornalisti.
Per finire vorrei porre anche soltanto come riflessione una questione che non esiterei a definire strategica. Riguarda l’eterno conflitto d’interessi della politica italiana e si riflette pesantemente sul destino di tanti giornalisti. Mi riferiscono alla abnorme distribuzione della torta pubblicitaria, che vede concentrarsi nelle mani di una sola azienda televisiva il fatturato dell’intera carta stampata.
Non ci sono bacchette magiche che possano mutare questi gravi squilibri, che sono nello stesso tempo causa ed effetto della chiusura di tante testate non in grado di drenare risorse sul mercato pubblicitario, o per meglio dire impossibilitate a farlo. Allora credo che la Fnsi che nel recente passato ha svolto una positiva azione politica di contrasto delle derive contro la libertà d’informazione, come è accaduto ad esempio per la legge sulle intercettazioni, possa rendersi protagonista di un’azione di lobbing virtuoso nei confronti della politica e delle istituzioni. Io ritengo che questa azione possa essere svolta assieme all’Inpgi e alla stessa Fieg e che dovrebbe costituire una colonna portante delle iniziative dei prossimi quattro anni.

 

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


5 + uno =