Inpgi


GIORNALISTI, MAZZATA SU ATTIVI E PENSIONATI: APPLICATA RETROATTIVAMENTE LA DELIBERA “SALVA INPGI”

di Gianni Dragoni
E’ in arrivo una mazzata per i giornalisti, pensionati e attivi con contratto di lavoro dipendente. Entra in vigore dal primo luglio la delibera che dispone il taglio quinquennale dell’uno per cento su stipendi e pensioni. L’applicazione di questo prelievo straordinario, di fatto un’autentica tassa, sarà retroattivo a partire dal primo gennaio di quest’anno e – salvo come vedremo sorprese – sarà applicato alle buste paga e ai cedolini di agosto.












INPGI NELL’INPS, IL VADEMECUM PER LA TRANSIZIONE. DA FINE MARZO LE DOMANDE PER LE PENSIONI CHE SARANNO MATURATE A LUGLIO

di Alessandra Spitz per l’Ufficio Studi e Ricerche di Puntoeacapo
Entro la fine di marzo l’Inps sarà pronta ad accogliere le richieste dei giornalisti che hanno maturato il diritto alla pensione a partire dal prossimo primo luglio, data in cui, secondo l’ultima legge di bilancio, Inpgi 1 confluirà nell’Istituto nazionale di previdenza sociale.


INPGI, SCHIAFFO AI GIORNALISTI: I MINISTERI APPROVANO LA DELIBERA CHE METTE LE MANI IN TASCA AGLI ISCRITTI

di Carlo Chianura
Portavoce di Puntoeacapo

Più che un giallo di fine anno è una vera e propria coda velenosa della partita Inpgi. Protagonisti i ministeri vigilanti sull’Istituto di previdenza dei giornalisti, vale a dire il ministero del Lavoro e quello dell’Economia. Una coda velenosa che rischia da questo mese di pesare sulle tasche di tutti i giornalisti, sia di quelli in attività che dei pensionati.