EX FISSA, IL COMITATO: FIEG E FNSI SPIEGHINO COME INTENDONO FARE FRONTE AI PAGAMENTI

Garanzia di chiarezza e di trasparenza sulla effettiva corresponsione delle somme dovute per l’ex fissa. E’ il senso della lettera che il Comitato Diritto Ex Fissa ha scritto alla Commissione paritetica Fnsi-Fieg, al presidente e al segretario della Fnsi. Di seguito il testo.

Gentili signori,
a seguito del comunicato apparso sul sito della FNSI che enuclea le nuove decisioni prese dalla commissione paritetica FIEG-FNSI circa la proroga al 20 gennaio del termine per l’eventuale adesione all’opzione per il pagamento in misura ridotta, vi poniamo i seguenti quesiti (che avremmo voluto proporvi nell’incontro richiesto ed in merito al quale non avete inteso offrire alcun riscontro) a cui vorremmo fosse data una opportuna ed esauriente risposta prima della ratifica delle proposte maturate oggi dalla Commissione paritetica.

E’ infatti necessario chiarire per tutti coloro che avessero sottoscritto o volessero ancora sottoscrivere la manifestazione di assenso ad una delle tre opzioni di incasso abbreviato:

1) Se la decurtazione in percentuale sarà operata sul capitale iniziale, stralciate le 2 rate già ricevute, o, invece, sul capitale residuo;

2) Quali interessi saranno applicati alla luce dei contenuti dei cosiddetti “accordi segreti” del 4 ottobre 2016 e 6 aprile 2017 – di cui abbiamo avuto notizia dai vari siti mai ufficializzati dalla FNSI – che prevedono l’azzeramento retroattivo degli interessi al 2015;

3) Quale significato giuridico attribuire all’inciso: ”…fermo restando che le eventuali adesioni saranno accolte nei limiti delle risorse” (torniamo, forse, indietro al comma VI dell’art.6 del Regolamento EX FISSA del 1994?) e quali saranno le garanzie riconosciute ai pensionati da far eventualmente valere giudizialmente (senza incorrere in sgradite interpretazioni difensive dell’INPGI che il Tribunale di Roma asseconda);

4) Quale è il piano economico che garantirà la sostenibilità della soluzione di rientro delle posizioni debitorie una volta che le adesioni verranno formalizzate;

5) Quale soluzione è prevista per coloro che non aderiranno all’opzione di incasso abbreviato, tenendo conto che il 31 gennaio 2018 sarà pagata a tutti una rata di identico importo di 3 mila euro lordi, ma che in molti casi risulta largamente inferiore a quella pagata nel dicembre 2015 e dicembre 2016 (costo complessivo non superiore a 4 milioni di euro). Inoltre quali risorse saranno preventivate per farvi fronte e quali garanzie saranno offerte ai giornalisti creditori;

6) chi sarà il soggetto giuridico che avrà la responsabilità giuridica e patrimoniale della gestione dell’operazione di risanamento.

7) nel Comunicato apparso ieri sera sul sito della FNSI non si parla dei 170 giornalisti che saranno fra breve prepensionati in tutta Italia in base alla legge sull’editoria n. 416 del 1981, né di molti altri giornalisti che nel 2018 percepiranno per la 1^ volta la pensione di vecchiaia o di anzianità INPGI 1. Vuol dire, forse, paradossalmente, che non percepiranno più la EX FISSA?

8) Quali concrete garanzie di incassare la EX FISSA avrebbero tutti gli altri colleghi che oggi lavorano in redazione e che andranno in pensione dal 2019 in poi?

Auspichiamo dunque un’esauriente ed immediata risposta scritta ai quesiti rivolti.

Distinti saluti

Comitato Diritto Ex Fissa

 

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


1 × 1 =