EX FISSA, NELLA COMMISSIONE PARITETICA FNSI-FIEG VA IN SCENA UN’ALTRA COMMEDIA

di Paola Cascella

Una nuova scoppiettante giravolta del sindacato e degli editori, una nuova correzione del tiro, tutte a discapito dei giornalisti che aspettano da anni di vedere concretamente riconosciuto il diritto all’ex fissa.

Ecco la sorpresa delle sorprese: dopo tante rassicurazioni, anche da parte dello stesso segretario Raffaele Lorusso, si scopre che la rata minima del 31 gennaio verrà sì pagata a tutti, anche a chi “ha esercitato l’opzione di incasso anticipato” (la cosiddetta rottamazione), ma per costoro si tratterà di “un’anticipazione della prestazione rimodulata”. Ovvero la somma verrà sottratta a quella che sarà versata con lo sconto (del 50, 55 o 60 per cento) a chi firmerà la transazione proposta con la raccomandata di Natale a tutti i giornalisti in attesa.

In parole povere, soldi in meno per chi aderirà alla proposta. Peraltro senza neanche specificare se la data di incasso sarà anche per loro il 31 gennaio… Dopo un passo avanti, dunque, ecco i due passi indietro che contraddistinguono da sempre la storia di questa penosa vicenda. Due passi indietro che vedono sulla stessa linea, cioè a dire dalla stessa parte, il nostro sindacato e la Federazione degli editori, come testimonia il comunicato pubblicato sul sito della Fnsi, a conclusione della Commissione paritetica Federazione-Fieg che si è svolta oggi.

Apprendiamo che sono ben 1025 su 1948 aventi diritto, i colleghi che hanno espresso una manifestazione di interesse per l’offerta di rottamazione del proprio credito. Prevalgono, ben 924, quelli che hanno scelto l’opzione 50 per cento del capitale residuo in un’unica soluzione. Per il 55 per cento in tre rate annuali si sono espressi soltanto in 34; 67 per il 60 per cento in cinque rate annuali.

La Commissione si aspettava questi numeri? Chissà. Di certo mette di nuovo le mani avanti, spiegando che si sta esaminando “l’entità delle opzioni che sarà possibile evadere sulla base delle fonti di finanziamento disponibili, e secondo un criterio cronologico stabilito dalla data di collocamento in pensione”. E spiega che se la minirata del 31 gennaio verrà pagata (bontà loro) anche ai candidati all’incasso ridotto e anticipato è perchè l’operazione non è ancora stata perfezionata e la transazione non si è conclusa.

Una volta chiuso l’accordo, i 3000 euro verranno comunque considerati a tutti gli effetti soltanto un anticipo. Sempre che ci siano i quattrini, cosa che evidentemente a tutt’oggi ancora non è chiara. Tanto è vero che la commissione sente il bisogno di rassicurare la vasta platea in attesa: tranquilli, se mancheranno le risorse si torna allo status quo ante e la somma erogata a gennaio rientrerà nel vecchio piano di rateizzazione. Si ricomincia con “le regole contrattuali vigenti”. Stesso discorso per chi alla fine deciderà di non firmare la transazione. Con una domandina finale: se si torna alla casella di partenza vuol dire che sarà ridotto l’importo delle rate e pagato il tutto, se va bene, entro i prossimi vent’anni?

1 Commento "EX FISSA, NELLA COMMISSIONE PARITETICA FNSI-FIEG VA IN SCENA UN’ALTRA COMMEDIA"

  1. E’ tutto così opaco, a cominciare dal mistero dei soldi (non ci sono perché non versati? oppure sono stati versati ma qualcuno li ha spesi?….) per finire con il carta-vince carta-perde della rata 2017, che a mio avviso bisogna cominciare a ragionare in termini di responsabilità penale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


14 + 12 =