INPGI, 78 MILIONI DALLE ULTIME DISMISSIONI IMMOBILIARI. AUMENTO DEL 5% PER I CANONI CONCORDATI

di Alessandra Spitz *

“E la nave va…”. Il titolo di uno degli ultimi film di Fellini riassume la gestione in questi anni del Fondo immobiliare Giovanni Amendola che, pur tra molte difficoltà, procede a ritmo lento ma costante nel perseguimento degli obiettivi che gli ha assegnato l’Inpgi.

Il 29 maggio si è riunito il comitato consultivo di controllo del Fondo che ha espresso il proprio parere positivo (obbligatorio ma non vincolante) al Business Plan 2019, dal quale emerge che il piano di dismissioni, ormai quasi tutto incentrato sulle vendite a terzi, ha registrato 225 richieste di acquisto dal mercato libero con un incasso di 78 milioni di euro.

Di questa cifra, 43 milioni hanno riguardato le unità occupate e 35milioni sono stati incassati dagli appartamenti liberi. Altri 15 milioni di euro si stanno per incassare dagli inquilini delle abitazioni della integrazione della quarta tranche di vendita (l’ultima immessa sul mercato lo scorso anno) e 6 milioni da quegli inquilini che hanno deciso di esercitare il diritto di prelazione nel momento in cui il proprio appartamento aveva trovato un acquirente terzo.

Il mercato terziario, quello che di più ha sofferto la crisi degli immobili, dovrebbe nei prossimi tre anni contribuire in modo più rilevante (si prevedono circa 98 milioni di euro) perché sono in corso trattative, alcune anche in fase avanzata, per quattro immobili importanti a Roma, quello di Lungotevere dei Cenci, di Via Orazio, di Via del Fornetto e di Via Novaro. Un altro immobile terziario di un certo rilievo dovrebbe essere venduto a Palermo.

Molti sono stati i fattori che hanno inciso sul ritmo delle vendite: un mercato molto poco dinamico (tranne a Milano dove si è fatto l’en plein), la concentrazione del patrimonio immobiliare a Roma che ha difficoltà ad assorbire una vasta offerta; stabili vecchi da ristrutturare (i cantieri termineranno nel 2020) o ubicati in zone (come Roma Nord) poco servite dai mezzi pubblici; censimenti catastali da aggiornare quasi in toto; un mercato terziario in caduta libera, tranne che a Milano.

Per il triennio 2022-2024 si è ipotizzato per gli immobili residenziali: di mantenere costanti le vendite a terzi a circa 52 milioni di Euro l’anno (stima prudenziale) e l’esercizio del diritto di prelazione a circa 5 milioni di euro annui; e di ridurre a circa 5 milioni di Euro annui i rogiti con gli inquilini. Si è deciso anche di valutare eventuali frazionamenti di appartamenti dal taglio molto grande che possano integrare i volumi attesi.

A supporto delle vendite residenziali si ipotizza la dismissione, nel triennio, di circa 15 mln di euro di direzionale su piazze secondarie.

Quanto alle case che rimangono nel patrimonio immobiliare Inpgi – dopo lo sblocco degli affitti deciso un anno fa al termine delle procedure sulle quattro tranche di vendita – l’incidenza delle abitazioni sfitte sul totale è scesa al 12% per arrivare, in base alle previsioni, entro il primo trimestre del 2020 a un incidenza del 5% che rappresenta la vacancy strutturale di un portafoglio così ampio.

Nei prossimi anni si è deciso che a Roma, in seguito all’accordo sui Patti territoriali per Roma, i contratti in scadenza a canone concordato vengano rinnovati con un incremento del 5%, mentre quelli a canone libero dovrebbero mantenersi stabili. Una decisione che fa registrare la netta opposizione del Siai, il sindacato degli inquilini Inpgi.

Infine, viste le incognite di un mercato in continua evoluzione, si è deciso che il Comitato si riunisca d’ora in poi ogni tre mesi (prima erano circa 6 in media) per controllare più puntualmente l’andamento reale del Business Plan.

* Consigliera generale per Inpgi Futuro, Comitato di controllo del Fondo Amendola

2 Commenti "INPGI, 78 MILIONI DALLE ULTIME DISMISSIONI IMMOBILIARI. AUMENTO DEL 5% PER I CANONI CONCORDATI"

  1. Corrado Giustiniani | 3 Giugno 2019 ore 8:01 | Rispondi

    Vorrei chiedere qual è stato, a oggi, il valore complessivo delle compravendite andate in porto.

    • L’ultimo dato fornito ai nostri rappresentanti è al 31 marzo 2019. L’introito complessivo è stato a quella data di 233,5 milioni, per un totale di 578 rogiti stipulati. Introiti per 268 milioni in totale si evidenziano alla stessa data se si considerano le proposte raccolte ma non ancora incassate. Entro giugno si prevedono altri 20 milioni.
      A regime erano previsti 650 milioni di valore, con 500-550 di entrate. L’obiettivo resta ma è stato dilazionato in tempi più lunghi (non meglio specificati da Investire).
      E’ uno dei motivi che ci fa dire che l’offerta si è tenuta troppo lontana dalla domanda.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


uno × due =