NASCE “INSIEME PER CASAGIT”, L’APPOGGIO DI PUNTOEACAPO AI CANDIDATI ALLE ELEZIONI DI GIUGNO

“Insieme per Casagit” è il nome del gruppo di  giornalisti che si candida al governo della Cassa sanitaria dei giornalisti italiani. Puntoeacapo lo sosterrà alle elezioni in programma dal 4 all’8 giugno 2021. Ecco i candidati e in poche parole il loro programma.

INSIEME PER CASAGIT
Fare bene. Fare presto.

Casagit avrà un nuovo futuro. Per la sanità dei giornalisti e delle loro famiglie serve un gruppo dirigente idoneo alle necessità della Casagit. Noi siamo un Gruppo nazionale aperto, con esperienze e competenze adeguate a garantire sicurezza e autonomia alla nostra Cassa.

Questi i candidati che finora hanno già aderito e che sottoscrivono gli impegni comuni

Abruzzo: Marco Camplone, Donatella Speranza –
Basilicata: Roberta Nardacchione –
Calabria: Pier Paolo Cambareri, Santa Giannazzo –
Campania: Marisa La Penna, Enrico Scapaticci, Mario Zaccaria –
Emilia Romagna: Paola Cascella, Marco Marozzi –
Lazio: Roberto Ambrogi, Raffaella Ammirati, Mario Antolini, Adalberto Baldini, Giampaolo Cadalanu, Corrado Chiominto, Fiammetta Cucurnia, Francesco Di Mario, Simonetta Di Pillo, Alessandro Gaeta, Francesco Grignetti, Giovanni Innamorati, Carla Manzocchi, Giorgio Pacifici, Vanna Palumbo, Gerardo Pelosi, Stefania Tamburello, Paolo Tripaldi –
Liguria: Enzo Millepiedi –
Lombardia: Laura Barsottini, Sabina Berra, Cristina Berretta, Stefano Biolchini, Paola D’Amico, Vittorio Eboli, Luisa Espanet, Carlo Gariboldi, Andrea Montanari, Costantino Muscau, Franca Porciani, Vincenzo Sansonetti, Tilde Zilio –
Marche: Antonio Filippini, Pietro Frenquellucci –
Piemonte: Daniela Cotto, Carola Vai –
Sicilia: Maria Pia Farinella, Orazio Raffa –
Toscana: Michele Manzotti –
Trentino: Luciano Azzolini –
Umbria: Roberto Sabatini –
Veneto: Valeria Lipparini, Chiara Roverotto –

I NOSTRI IMPEGNI

Prestazioni: niente tagli, ma aumentare gli iscritti tra i giornalisti e all’esterno.
Giovani: migliori prestazioni nei Profili indirizzati ai giovani colleghi meno tutelati.
Famiglia: maggiore attenzione e sostegno a maternità e salute dell’infanzia.
Prevenzione: si è fatto troppo poco, serve assolutamente un progetto.
Patologie neurodegenerative: screening, cliniche specializzate, Case di sollievo.
Tariffario: va adeguato a nuove esigenze sanitarie, puntando anche sulla telemedicina.
Disagio sociale: rafforzare le prestazioni per cassintegrati e disoccupati.
Crisi Covid: rivedere le spese, per recuperare risorse da destinare all’emergenza.
Più donne: abbiamo un equilibrio di genere tra i nostri candidati.
Long term care: deve essere gestita internamente, la esternalizzazione ha fallito.
Tecnologia: attivare finalmente la APP Casagit per gestire rimborsi e prestazioni.
Chiarezza: semplificare una comunicazione istituzionale troppo spesso incomprensibile.
Trasparenza: su bilanci, emolumenti degli amministratori e spese di rappresentanza.
Autonomia: con il sindacato collaborazione sì, interferenze no.

LO SCENARIO FUTURO

Chiusure di intere redazioni, continui prepensionamenti e contrazione delle retribuzioni, mettono in affanno le entrate della Cassa. Per resistere, Casagit deve allargare la propria sfera d’azione, offrendo al mercato competenza specializzata a sostegno di altre categorie. Abbiamo costruito un buon progetto per guardare al futuro, però non sono stati fatti i passi necessari. Anche qui, dunque,

DOBBIAMO FARE BENE – DOBBIAMO FARE PRESTO

Per rinnovare gli organi sociali di Casagit si vota online 4-8 giugno 2021

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*