ORDINE DEI GIORNALISTI, NON BASTANO LE MENZOGNE PER INGANNARE I COLLEGHI

di Enzo Iacopino
Segretario dell’Ordine nazionale dei giornalisti, esponente di Puntoeacapo

Alle 16,23 del 21 maggio 2010, le nostre mail sono state contaminate da una menzogna scritta da Ignazio Ingrao. Il titolo è “Intercettazioni: il silenzio assordante dell’Ordine nazionale”.

Con uno stile che ricorda le liste di proscrizione, Ingrao – consigliere dell’Ordine regionale, consigliere dell’Inpgi, fiduciario dell’Inpgi nel Lazio e coordinatore di Autonomia e solidarietà – ipotizza che “il presidente Lorenzo Del Boca  e il segretario nazionale Enzo Iacopino forse hanno dimenticato che il primo compito dell’Ordine dei giornalisti è difendere la libertà di informazione e il corretto esercizio del diritto di cronaca”. I vertici, afferma “non dicono una parola”. E si dimostrano “più interessati ai rapporti con i partiti che alla difesa dei diritti dei giornalisti e dei cittadini”.

Si tratta di una menzogna.

Ci sono, tra noi, i cultori delle dichiarazioni,. Quelli che sono così pronti a commentare qualunque cosa fino a precipitare nel ridicolo, esprimendo indignazione a proposito della approvazione di un emendamento, proprio sulle intercettazioni, che non era stato neanche votato in Senato.

C’è chi, invece, pensa che bisogna esperire ogni tentativo non per la riduzione del danno (che sarebbe logica miope), ma per una soluzione capace di tutelare il diritto dei cittadini (non dei giornalisti) di essere informati.

Ma nel caso specifico si tratta di una menzogna senza equivoci. Giovedì, il senatore Roberto Centaro ha annunciato il ritiro dell’emendamento sul raddoppio delle sanzioni ai giornalisti proprio in un dibattito televisivo su Sky al quale, assieme a Peter Gomez, partecipava il segretario dell’Ordine. Il quale, per nulla contento, gli ha detto che non andava bene neanche così, perché insopportabile ancor prima della sanzione è il divieto non già di pubblicare le trascrizioni delle intercettazioni, ma quello di riferire ai cittadini il contenuto delle stesse, elemento indispensabile per capire perfino perché una persona viene arrestata o perché il comportamento di un’altra non è corretto.

Ma la furia elettorale ha spinto Ingrao a ignorare la dura presa di posizione dell’Ordine che l’Ansa ha trasmesso questa mattina alle ore10,45 (il testo lo si trova sul sito www.odg.it) quasi sei ore  prima che egli avvertisse la necessità di diffondere una menzogna.

P.S.: Ho preannunciato al giornalista Ingrao l’intenzione di presentare al Consiglio dell’Ordine del Lazio un esposto disciplinare per le sue affermazioni e per le altrettanto gravi insinuazioni. Ha replicato pubblicamente che lo “stavo minacciando”.


Questa è la nota diffusa ieri pomeriggio da Autonomia e Solidarietà-Giornalisti Uniti

 

INTERCETTAZIONI: IL SILENZIO ASSORDANTE DELL’ORDINE NAZIONALE

Con la legge sulle intercettazioni la politica e’ scesa in campo contro i cittadini e il loro diritto ad essere informati. Ma i vertici del Consiglio nazionale dei giornalisti non dicono una parola. Il presidente Lorenzo Del Boca e il segretario nazionale Enzo Iacopino forse hanno dimenticato che il primo compito delll’ordine dei giornalisti e’ difendere la liberta’ di informazione e il corretto esercizio del diritto di cronaca. Colpisce il silenzio assordante dei vertici nazionali dell’ordine dei giornalisti mentre il Paese e gli organismi di categoria dei giornalisti scendono in piazza affinche’ la casta dei politici non tolga ai cittadini il diritto elementare di sapere e ai giornalisti quello di informare. D’altronde i vertici dell’ordine nazionale avevano gia’ scritto una brutta pagina per la categoria con le assenze e i distinguo espressi in occasione della manifestazione dello scorso 3 ottobre, quando 300 mila persone erano scese in piazza del Popolo a Roma per difendere la liberta’ di stampa. Anche ora il presidente Del Boca e il segretario Iacopino mostrano di essere più interessati ai rapporti con i partiti che alla difesa dei diritti di giornalisti e cittadini. Ignazio Ingrao

 

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


quattro × 5 =