Puntoeacapo Tutela

 

Puntoeacapo Tutela, la rete di tutele e convenzioni  pensata per difendere i diritti dei giornalisti. 

 

CAUSE DI LAVORO

ROMA

Lo studio di Carlo Guglielmi è uno dei maggiori studi legali specializzati in Italia nelle cause di lavoro e offre a Puntoeacapo condizioni particolarmente vantaggiose e garantiste.

MILANO

Lo studio di Giovanni Giovannelli, cassazionista, si occupa di diritto del lavoro dal 1977. Puntoeacapo ha stabilito con Giovannelli le medesime condizioni concordate con lo studio Guglielmi.

Lo studio di Ezio Monaco, cassazionista ed ex vice procuratore della Repubblica, è in attività dal 1991. Con Puntoeacapo tutelerà i giornalisti coinvolti in cause penali o civili di diffamazione a mezzo stampa.

TORINO

Lo studio di Roberto Lamacchia, storico giuslavorista e presidente dell’Associazione italiana giuslavoristi democratici, seguirà alle medesime condizioni degli altri legali convenzionati non solo le cause di lavoro e di materia previdenziale, ma anche quelle penali e civili.

GENOVA, PAVIA, VOGHERA, VIGEVANO, ALESSANDRIA, ASTI, CREMONA

Lo studio dell’avvocato Ilaria Sottotetti seguirà in un numero considerevole di città i colleghi coinvolti in querele per diffamazione. Con una novità di gravde rilievo: l’avvocato Sottotetti, non solo nelle città sopra elencate ma anche a Milano, seguirà con il gratuito patrocinio i giornalisti con redditi non superiori agli 11.500 euro.

Sintesi

  • Consulenza legale: gratuita.
  • Attività giudiziaria: a carico del giornalista solo le spese vive e giustificate (es: contributo unificato) sino ad esito del giudizio.
  • Transazione giudiziaria: nulla a carico del giornalista, spese di lite a carico della controparte.
  • Buon esito del giudizio: spese a carico della controparte e quindi nessun onere a carico del giornalista; se la liquidazione delle spese decisa dal giudice è però inferiore alla media del tariffario parametri forensi, sarà chiesta al giornalista una integrazione fino alla quota della tariffa media, e comunque non oltre il limite del 20 per cento delle somme riconosciute nella sentenza.
  • Cattivo esito del giudizio: nessun costo; eventuale impugnazione senza oneri (eccetto spese vive), pagamento onorario a tariffario forense condizionato a buon esito integrale o parziale della controversia.
  • Attività extragiudiziale: a carico del giornalista costo euro 250 omnicomprensivo spese, onorari e competenze.

Nota bene: costi indicati al netto di Iva (22 per cento) e Cassa Previdenza (4 per cento)

 

 CAUSE PENALI DI DIFFAMAZIONE

La nostra associazione ha stipulato convenzioni con i prestigiosi studi di Giovanna Corrias Lucente a Roma, Ezio Monaco a Milano e Roberto Lamacchia a Torino, che hanno dedicato la propria attività professionale e formativa al diritto penale, spesso in prima linea nella difesa dei giornalisti. Lamacchia segue anche i giornalisti imputati in cause diverse dalla diffamazione.

Anche in questo caso le condizioni proposte da Puntoeacapo sono senza uguali nel panorama italiano. Vediamole.

Sintesi

  • Consulenza legale: gratuita.
  • Procedura extragiudiziale: euro 250 comprensivi di spese, onorari e competenze.
  • Procedimento a carico. Indagini preliminari: euro 300; udienza preliminare o udienza camerale: euro 300; dibattimento: euro 150 ad udienza.
  • Appello. Redazione atto di appello in caso di condanna: euro300; difesa in grado di appello: euro 250; redazione ricorso per Cassazione: euro 400; assistenza in Cassazione: euro 500.
  • Redazione denuncia o querela: euro 200.
  • Esito negativo del giudizio; soltanto i costi sopraelencati.
  • Esito positivo del giudizio: spese a carico della parte soccombente; se le spese liquidate in sentenza sono inferiori alla linea mediana tra minimi e massimi tariffari, a carico del giornalista resta la quota fino a concorrenza della misura mediana, e comunque non oltre il limite del 20 per cento delle somme liquidate.
  • Transazione: spese a carico della controparte.

 

 CAUSE CIVILI DI DIFFAMAZIONE

L’assistenza civile nei casi di querela per diffamazione è un altro cardine della proposta di Puntoeacapo. Per questo ci siamo affidati allo studio dell’avvocato Michele Clemente a Roma.

Sintesi

  • Consulenza legale: gratuita.
  •  Attività giudiziaria: a carico del giornalista solo le spese vive e giustificate (es: contributo unificato) sino a esito del giudizio.
  • Transazione giudiziaria: nulla a carico del giornalista, spese di lite a carico della controparte.
  • Buon esito del giudizio: spese a carico della controparte e quindi nessun onere a carico della controparte e quindi nessun onere a carico del giornalista; se la liquidazione delle spese decisa dal giudice è però inferiore alla media del tariffario parametri forensi, sarà chiesta al giornalista una integrazione fino alla quota della tariffa media, e comunque non oltre il limite del 20 per cento delle somme riconosciute nella sentenza.
  • Cattivo esito del giudizio: nessun costo; eventuale impugnazione senza oneri (eccetto spese vive), pagamento onorario a tariffario forense condizionato a buon esito integrale o parziale della controversia.
  • Attività extragiudiziale: a carico del giornalista costo euro 250 omnicomprensivo spese, onorari e competenze.

Nota bene: costi indicati al netto di Iva (22 per cento) e Cassa Previdenza (4 per cento)

 

CONSULENZA DEL LAVORO

Il controllo della correttezza della propria retribuzione è spesso necessario per capire se ci sono le condizioni per una vertenza di lavoro o più semplicemente per capire se la busta paga è compilata correttamente.

Per questo è indispensabile l’apporto di un consulente del lavoro. Puntoeacapo è riuscito a stipulare una convenzione molto vantaggiosa con uno studio di consulenza, quello della dottoressa Giorgia Dattilo.

Ecco i particolari

  • Controllo buste paga e elaborazione conteggi: euro 50 primo anno contribuzione.
  • Controllo buste paga e elaborazione conteggi: euro 40 per 2° anno contribuzione euro 40 per 3° anno contribuzione

Possibile forfettizzazione per periodi più lunghi.

Nota bene: costi indicati al netto di Iva (22 per cento) e Cassa previdenza (4 per cento).

 

ASSISTENZA FISCALE E PREVIDENZIALE

Un altro servizio essenziale nell’ambito della rete di tutele aperta da Puntoeacapo riguarda l’assistenza fiscale e quella previdenziale, grazie alla convenzione con la società M&D Consulting service srl.

In sintesi

Dichiarazione dei redditi

  • Modello 730 base: euro 35
  • Modello 730 congiunto: euro 45
  • Modello unico:  euro 90
  • Modello unico professionisti, incluso contabilità anno: euro 300

Assistenza previdenziale

Il Ced della società M&D è convenzionato con il Caf nazionale del Lavoro ed è in collegamento con il patronato Enas per la trattazione di pratiche previdenziali e assistenziali.

COME ACCEDERE ALLE CONVENZIONI DI PUNTOEACAPO TUTELA

Per usufruire delle condizioni proposte dalle varie convenzioni, è sufficiente inviare una mail a uno dei seguenti indirizzi di Puntoeacapo. Dopo una breve istruttoria, metteremo in contatto diretto i giornalisti interessati con le strutture convenzionate.

giornalistipuntoeacapo@gmail.com