COLLEGATO LAVORO, UN MODELLO DI LETTERA PER CHI VUOLE IMPUGNARE IL PROPRIO CONTRATTO

Di seguito pubblichiamo il testo di un modello di lettera predisposta dall’avvocato Bruno Del Vecchio, su incarico dell’Associazione Stampa Romana, utile per tutti coloro che hanno intenzione di impugnare il proprio contratto di lavoro. In coda, una serie di consigli pratici, a cura dello stesso Del Vecchio.

                    A………….

Raccomandata con avviso di ricevimento
(oppure: Raccomandata 1 con prova di consegna)

(Luogo e data)

Oggetto: impugnazione e contestazione.

 Il sottoscritto, ______________________, domiciliato in _______ alla Via (Piazza) ________________, n. ________, impugna e contesta i seguenti contratti di lavoro intercorsi con l’impresa in indirizzo ed i relativi termini apposti ai medesimi:

 1. contratto decorrente dal ________________ al _____________________
 2. contratto decorrente dal ________________ al _____________________
 3. contratto decorrente dal ________________ al _____________________
 4. contratto decorrente dal ________________ al _____________________
 5. contratto decorrente dal ________________ al _____________________
 ecc.
 
(indicare tutti i contratti intercorsi).

Il sottoscritto rimane a disposizione per l’immediato servizio a tempo indeterminato e subordinato.

Distinti saluti

(nome e firma)

 

Mittente:
_________________

_________________

 


 

CONSIGLI UTILI PER L’IMPUGNAZIONE DEI CONTRATTI “PRECARI”
IN VIRTU’ DELLA LEGGE N. 183 DEL 4 NOVEMBRE 2010
(COLLEGATO LAVORO)

PER TUTTI I CONTRATTI SCADUTI IN DATA PARI O PRECEDENTE AL 24 NOVEMBRE 2010, INVIARE L’IMPUGNAZIONE IN MODO CHE LA MEDESIMA SIA RICEVUTA DALL’EDITORE  ENTRO IL TERMINE  PERENTORIO DEL 23 GENNAIO 2011. TALE GIORNO CADE DI DOMENICA;  ANCHE SE LO STESSO E’ PROROGATO AL SUCCESSIVO LUNEDÌ 24 GENNAIO, SECONDO LA GIURISPRUDENZA, È COMUNQUE PREFERIBILE FAR PERVENIRE  L’IMPUGNAZIONE ENTRO IL SABATO PRECEDENTE, 22 GENNAIO.

PER I CONTRATTI SCADUTI  (O CHE SCADRANNO) DOPO IL 24 NOVEMBRE 2010, IMPUGNARE I CONTRATTI ENTRO SESSANTA GIORNI DALLA LORO SCADENZA.

IMPUGNARE, NEI PREDETTI TERMINI, TUTTI I CONTRATTI DI LAVORO, A PRESCINDERE DALLA LORO FORMALIZZAZIONE (CONTRATTI A TERMINE, CONTRATTI DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA, CONTRATTI DI SOMMINISTRAZIONE A TERMINE, CONTRATTI DI LAVORO AUTONOMO, ECC.)

IN CASO DI CONTRATTO A TERMINE PROROGATO, INVIARE L’IMPUGNAZIONE ENTRO SESSANTA GIORNI DALLA SCADENZA DEL TERMINE DEL CONTRATTO ORIGINARIO (O ENTRO IL 23 GENNAIO 2011 SE IL MEDESIMO E’ SCADUTO IN DATA PARI O PRECEDENTE AL 24 NOVEMBRE 2010), PER POI INOLTRARE UNA NUOVA IMPUGNAZIONE ENTRO  SESSANTA GIORNI DALLA CESSAZIONE DEL PERIODO DI PROROGA.

SPEDIRE L’IMPUGNAZIONE CON RACCOMANDATA CON AVVISO DI RICEVIMENTO PRESSO LA SEDE LEGALE DELL’EDITORE

SE IL GIORNALISTA SI TROVA IN PROSSIMITÀ DELLA DATA DEL 23 GENNAIO 2011, LO STESSO DEVE SPEDIRE L’IMPUGNAZIONE CON “RACCOMANDATA 1 CON PROVA DI  CONSEGNA”.

FARE LA FOTOCOPIA, DOPO AVERLA FIIRMATA, DELLA LETTERA DI IMPUGNAZIONE. “SPILLARE” ALLA MEDESIMA LA DISTINTA POSTALE E, APPENA RIENTRA, L’AVVISO DI RICEZIONE. CONSERVARE IL TUTTO CON CURA.

SE SI È TROPPO A RIDOSSO DEL TERMINE, OLTRE LA RACCOMANDATA 1 CON PROVA DI CONSEGNA, E’ CONSIGLIABILE INVIARE ANCHE UN TELEGRAMMA CONTENENTE IL MEDESIMO TESTO. IL TELEGRAMMA DEVE ESSERE FATTO PERSONALMENTE DALL’INTERESSATO ALL’UFFICIO POSTALE  (E NON, AD ESEMPIO, PER TELEFONO)  IN QUANTO  IN QUELLA SEDE SI POTRÀ RICEVERE IMMEDIATAMENTE IL TESTO CON IN CALCE GLI ESTREMI DELL’INVIO E APPORRE LA PROPRIA SOTTOSCRIZIONE. ANCHE IN QUESTO CASO, CONSERVARE TUTTO CON CURA.

L’UTILIZZO DELLA PEC (POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA) È CONSIGLIABILE SOLO IN AGGIUNTA AI MEZZI DI INOLTRO PRIMA INDICATI.

IL RICORSO GIUDIZIALE DOVRA’ ESSERE IMPROROGABILMENTE DEPOSITATO ENTRO 270 GIORNI DALLA DATA IN CUI L’EDITORE HA RICEVUTO L’IMPUGNAZIONE.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


2 × quattro =