INPGI, CONTRO LA GUERRA TRA GENERAZIONI RISCOPRIAMO RIGORE E SOLIDARIETA’

di Maurizio Andriolo e Mariagrazia Molinari *

Una bella squadra, proprio bella, fatta di colleghi motivati, grintosi, decisi. Anche a tener testa a ministri “sbadati”, per ricordar loro che fare giornalismo non è come produrre dadi per brodo. E che il nostro Istituto è frutto delle nostre fatiche (solidali anche verso il resto del Paese) e perciò intendiamo difenderlo e se possibile migliorarlo e se possibile rilanciarlo.

Il nostro Istituto di previdenza non può e non deve essere quello dei “giovani” contro i “vecchi”. Deve essere rafforzato su legami solidi e di reciproco rispetto.  Il modo per far sì che questo accada, passa largamente dal sindacato,  che non può continuare ad accettare contratti alla svendita. I “contratti alla svendita” significano riduzione drastica dei contributi e grande danno all’Inpgi come alla Casagit.

Il lavoro fatto dal Consiglio di amministrazione Inpgi nel quadriennio trascorso è stato positivo, ma, affinché un ente previdenziale sia efficace (oltre che efficiente) deve rispondere a 2 fondamentali situazioni: adeguatezza dei trattamenti, sostenibilità finanziaria.

Tutto deriva dalla crescita economica, dallo sviluppo del settore, dal numero dei tutelati, dall’andamento del mercato del lavoro. E perciò tiriamo in ballo anche il sindacato: che “deve” blindare gli Editori con impegni precisi sulle iniziative di sviluppo.
Basta con le Aziende che nascono e durano sei mesi, per prendere soltanto un po’ di provvidenze, un po’ di pubblicità con pochi schiavizzati precari.

E’ il caso di cambiare rotta. E’ necessario lavorare su più fronti per difendere le pensioni, per far sì che queste esistano anche in futuro, per dare tutta l’assistenza necessaria a chi, in arttività,  è costretto a cercare sul dizionario il significato della parola “pensione”.perchè questa parola non può apparire in un cedolino-paga che non esiste.
E non soltanto: noi diciamo anche “stop alla filosofia ideologica”. Importante è pensare al problema assistenza ai pensionati (ma non costruendo “Villa Arzilla”, come vorrebbero alcuni).

A come riguadagnare il 30% di valore perduto.

A introdurre una fiscalità valida ed efficace.

A tutelare i pensionati come soggetti sociali che molto ancora possano dare al nostro Paese. Ma la tutela deve andare anche alle famiglie di fatto, alle pensioni di reversibilità.

Insomma, bisogna puntare a un nuovo Welfare.Con un Inpgi che potrebbe diventare più forte anche con la confuensza della Casagit, così da poter meglio resistere alle pretese del “potere burocratico” che vorrebbe infilarci in un “superInps”. E peraltro già un primo passo in questa direzione è stato compiuto con l’accordo Inpgi-Fondo complementare per l’erogazione delle pensioni integrative.

L’INPGI è innegabilmente sotto attacco. Da una parte la burocrazia vuole inglobarlo, dall’altra c’è chi tende a “conquistarlo” nel più illiberale piano di egemonia della categoria. Purtroppo la grande sacrificata sembra essere la democrazia, nonché le intenzioni anche singole più generose e spontanee: accade quando, più che il ricercare un vero cambiamento, cioè rinnovare l’INPGI questo vale anche per il sindacato) si cerca di consolidare l’egemonia. Infatti abbiamo una cappa sulle elezioni che è stata stesa da una maggioranza che intende far votare solo i suoi uomini, gli apparentati, i “sicuri”. Peccato dover notare che la nostra categoria degenera anch’essa come avviene per le caste più conosciute.

L’ente non è una cassaforte – così come l’intendono alcuni –  ma un istituto dei giornalisti e per i giornalisti. L’INPGI non è un fondo qualsiasi che distribuisce miseri dividendi. Il CdA uscente ha ben operato per stabilizzarlo pur nel momento più disastroso del Paese. Ora può essere una piattaforma per lo sviluppo e l’autonomia della categoria, per la libertà d’informazione. Non può essere il trampolino per legarlo a partiti, a Sindacati nazionali, magari a faccendieri.

* Candidati di Inpgi Futuro nel collegio nazionale dei giornalisti pensionati

 

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


15 − sette =