EX FISSA, IN GIUDIZIO INPGI SPARIGLIA E CHIAMA IN CAUSA L’EDITORE. FNSI SEMPRE CONTRO I GIORNALISTI

Sulla ex fissa e sulla pioggia di cause in cui è stato coinvolto, ora l’INPGI cambia strategia e con una mossa a sorpresa scaricabarile prova in tribunale (a Pavia) a coinvolgere non solo la Fnsi e la Fieg, ma soprattutto l’azienda del giornalista che reclama il pagamento immediato dell’indennità.

“Se tu giudice mi condanni a pagare, devi autorizzarmi a rivalermi sull’editore del giornalista”. E’ una svolta (clamorosa), mentre la Fnsi continua a costituirsi contro il giornalista che reclama il pagamento dell’indennità. La vicenda allontana Fnsi e Fieg, che trattano il rinnovo del Cnlg.
E’ infatti una mossa a sorpresa che rischia di provocare la rottura dei rapporti tra Fieg-Fnsi e Inpgi e che può avere imprevedibili effetti a cascata perché in lista di attesa di pagamento della ex Fissa da parte di aziende Fieg vi sono ben 1400 giornalisti pensionati che vantano un credito complessivo di circa 130 milioni di euro.
Nel 3° punto, terza eccezione subordinata, a pag. 15 del ricorso dell’Inpgi rappresentato dal suo vice presidente vicario Paolo Serventi Longhi (assistito dalla dirigente dell’Ufficio Legale dell’istituto avvocato Elisabetta Angelini) in opposizione al decreto ingiuntivo n. 797 di euro 75 mila emesso dal tribunale civile di Pavia il 29/11/2014 a favore del giornalista L. F., già dipendente della società EAG Spa (assistito dagli avvocati Sabina Mantovani e prof. Ugo Minneci di Milano) si legge che se il tribunale adito “dovesse ritenere che il giornalista abbia diritto all’immediato pagamento della prestazione relativo al Fondo integrativo (cioé all’EX FISSA, ndr) si chiede che venga autorizzata a cura della parte più diligente l’integrazione del contraddittorio nei confronti dell’azienda datrice di lavoro, nella specie l’E.A.G. Spa, – alla quale, come si é visto (nelle pagine precedenti dello stesso ricorso in opposizione, ndr), fa capo l’obbligo del trattamento – per rispondere in via diretta e/o in garanzia del trattamento della somma ingiunta dal ricorrente (cioé dal giornalista, ndr)”.
Più avanti, nelle conclusioni finali del ricorso, si chiede che il Tribunale di Pavia voglia disporre “in via preliminare e pregiudiziale la chiamata in causa della Fieg e della Fnsi a cui è comune il presente giudizio; nonché disporre la chiamata in causa dell’azienda datrice di lavoro (EAG Spa in persona del suo legale rappresentante) per rispondere, in via diretta ovvero in garanzia, del pagamento della somma ingiunta da parte ricorrente (cioé dal giornalista, ndr) per i motivi illustrati ai paragrafi 2 e 3 della presente opposizione”.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


12 − dodici =