INPGI, CASE: 10 DOMANDE SULLE DISMISSIONI GESTITE DA INVESTIRE

 

Riceviamo dal Comitato inquilini Inpgi e volentieri pubblichiamo

C’è chi si diverte ad “infilzare” Franco Abruzzo, sindaco dell’Inpgi, uno dei pochissimi a cercare di capire e far capire. Vecchio gioco di indicare la pagliuzza altrui per non occuparsi della propria trave, enorme…

Noi preferiamo rivolgere queste, prime 10 domande alla presidente dell’Inpgi e non solo, in merito ai tanti punti da chiarire sulla dismissione degli immobili. La presidente Macelloni ha risposto alla lettera del nostro legale, tuttavia gli interrogativi sono aumentati (invitiamo tutti a ri-leggere con attenzione la replica dell’avvocato Pizzi).

Riteniamo che le questioni poste (determinazione dei prezzi, ruolo dell’”esperto indipendente”, chi ha guadagnato finora dal Fondo, ecc.) non possano essere esaurite via lettera, per quanto garbata, ma che per legge sia tenuto il Comitato di comparto ad esprimersi con un formale parere. Alcune risposte alle nostre domande di fatto sono già contenute nella lettera della presidente, però vogliamo essere sicuri di aver capito bene. Ci auguriamo che alle 10 domande siano date risposte chiare. Non vogliamo polemiche, non vogliamo fare la “guerra” a chicchessia, vogliamo chiarezza e trasparenza, questo sì.

1)   A quanto ammontano le commissioni – fee – versate per la gestione del Fondo immobiliare “Inpgi” alla Sgr InvestiRE, corrisponde al vero che tale importo è di circa 2 milioni annui e quanto è costato complessivamente il Fondo dal 2013 ad oggi?

2)      E’ vero che gli addetti direttamente riconducibili alla Sgr e che si occupano del Fondo sono 3 o in ogni caso quanti sono gli addetti di Sgr dedicati al Fondo “Inpgi”?

3)      E’ vero che in caso di dismissione di immobili, come sta effettivamente avvenendo, le commissioni pagate dal Fondo “Inpgi”, ovvero dall’Inpgi, alla Sgr InvestiRE raddoppiano, passando dallo 0,2 allo 0,4%?

4)      E’ vero che le commissioni – fee – riconosciute a Sgr InvestiRE sono proporzionali al volume delle “attività”, cioè al valore del Fondo: significa che più alte sono le valutazioni degli immobili effettuate dal cosiddetto “esperto indipendente” maggiore è il guadagno per Sgr?

5)      E’ vero che le valutazioni degli immobili apportati al Fondo dal 2013, basate sulle stime degli uffici interni dell’Istituto relative al 2012, sono rimaste invariate negli anni successivi nonostante la grave crisi del mercato immobiliare?

6)      Per quale ragione Sgr InvestiRE, Cda dell’Inpgi e Comitato di gestione che dovrebbe essere l’organo di controllo, per determinare i prezzi di vendita ritengono di non adottare i valori delle reali compravendite registrate dall’Agenzia delle entrate attraverso l’osservatorio Omi?

7)      E’ vero che la pletora di tecnici e addetti esterni incaricati da Sgr per tutte le esigenze relative al Fondo e alla vendita degli immobili sono pagati dal Fondo, ovvero dall’Inpgi, ovvero con risorse provenienti direttamente dagli affitti versati dagli inquilini sul conto corrente gestito dalla Sgr?

8)      E’ vero che anche i lavori di miglioria e di ristrutturazione previsti sugli immobili inseriti nella prima tranche di vendita sono o saranno pagati dal Fondo, ovvero dall’Inpgi, con soldi provenienti dal suddetto conto su cui affluiscono i canoni di affitto?

9)      E’ vero che il cosiddetto “esperto indipendente” Protos Check srl dapprima ha certificato i valori degli immobili Inpgi nella gara per la selezione del gestore del Fondo svoltasi nell’estate 2013? Poi, nel novembre 2013, è stato incaricato da InvestiRE, vincitrice della gara, di stabilire il corretto valore degli immobili da apportare, cioè trasferire, al Fondo medesimo e, qualora ciò corrisponda al vero, non si ritiene che si sia determinata un’evidente quanto inopportuna confusione tra controllore e controllato?

10)   Chi dei tre membri della apposita commissione tecnica – presidente dott.ssa Maria Immacolata Iorio, direttore generale dell’Istituto, dott. Filippo Manuelli, dirigente dell’Ufficio finanza dell’istituto, prof. Stefano Ciccarone, preside di Economia all’Università di Tor Vergata – che nel 2013 ha sovrinteso all’intero svolgimento della gara pubblica europea per la selezione del gestore del Fondo “Inpgi”, aveva competenze specifiche nel settore immobiliare e in particolare nel campo dei fondi immobiliari?

 

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


14 + due =