CASAGIT, LE SCADENZE DELLE PROSSIME SETTIMANE

di Mario Antolini *

Sono ormai prossimi i termini per la presentazione della dichiarazione dei redditi. Le persone fisiche che dovranno pagare l’Irpef 2011 dovranno predisporre la dichiarazione dei redditi 2011 per il pagamento delle tasse dell’anno 2010 entro la scandenza del 30 aprile 2011 se il modello è presentato al sostituto di imposta, o del 31 maggio se il modello viene presentato al Centro di assistenza fiscale Caf o a un professionista abilitato, in modo da effettuare l’eventuale pagamento delle tasse con modello F24.

Anche quest’anno, per i soci Casagit ci sono importanti punti da tener presente: eccoli in sintesi.

Più detrazioni per chi ha pagato il MAV

Il pagamento del “contributo nucleo familiare” (MAV) aggiuntivo per familiari a carico comporta un beneficio fiscale non irrilevante. Si possono infatti portare in detrazione fiscale a tutte le spese sanitarie sostenute per i familiari per i quali il contributo si riferisce e quindi anche quanto Casagit abbia, in parte o totalmente, rimborsato. Analogamente, resta sempre valido il principio che si possono portare interamente in detrazione anche le spese sanitarie sostenute dai soci volontari o capitari (quindi non da CNLG o INPGI), come il coniuge, e rimborsate dalla Casagit.
 
Soci contrattualizzati e pensionati

Costoro, quando i contributi Casagit siano prelevati direttamente in busta paga o nella pensione, godono della deducibilità fiscale alla fonte da parte del datore di lavoro o dell’Inpgi, fino al limite massimo di 3.615,20 euro (art. 1 comma 2° del Testo Unico imposte sui redditi). La parte di contributo che eccede il limite richiamato concorre alla formazione del reddito da lavoro e di conseguenza va assoggetta a imposizione fiscale.
 
Le spese sanitarie sostenute a fronte del versamento di un contributo obbligatorio (come nel caso di soci contrattualizzati ex CNLG o pensionati INPGI) possono essere portate in detrazione sull’imposta solamente:
a) – per la parte rimasta effettivamente a carico del socio, e non rimborsata dalla Casagit;
b) – per la parte rimborsata dalla Casagit, ma esclusivamente in misura proporzionale alla quota di contributo versato eccedente il limite di 3.615,20 euro, rispetto al totale del contributo versato.
 
Coniuge non a carico

Il coniuge NON a carico (e per il quale si è quindi pagato nel 2010 il “contributo individuale” di 972 euro) nella propria dichiarazione dei redditi può portare in detrazione tutte le spese mediche, comprese quelle eventualmente rimborsate (in tutto o in parte) da Casagit.

Quale documentazione serve per detrarre le tasse?

Occorre produrre al commecialista o al Caf la fotocopia delle spese sostenute e le distinte di liquidazione emesse da Casagit. Prima di spedire gli originali a Casagit, conviene pertanto conservare tutte le fotocopie delle fatture inviate per la richiesta di rimborso.

Per recuperare le distinte di liquidazione eventualmente smarrite basta – anche con l’aiuto delle Consulte regionali, se necessario – entrare nella Area Riservata dei soci  nel sito internet. Chi avesse smarrito la password ne può fare richiesta anche via email scrivendo alla seguente casella di posta elettronica: ars_webmaster@casagit.it o telefonando al numero 06.54883237 dal lunedì al venerdì (dalle 9,30 alle 13,30).
 
Attenzione

Casagit non può fare le fotocopie: nel 2010 le pratiche sono state, complessivamente tra diretta e indiretta, oltre 100 mila e non è umanamente pensabile inviare le copie.
 

DENTISTA

Per la chirurgia parodontale profonda, la Casagit ha introdotto da qualche tempo l’obbligo della foto intraoperatoria: è una misura di controllo sull’effettivo intervento e quindi la mancanza della foto impedisce il rimborso. Attenzione: i dentisti convenzionati dovrebbero sapere dell’obbligo alla foto intraoperatoria, i dentisti non convenzionati semplicemente ignorano questa necessità.

In ogni caso, per essere sicuri, ricordatelo sempre voi al vostro dentista, magari facendogli leggere questa nota.

CENTRALINO SEDE VIA MAROCCO

Resta sempre uno dei punti di doglianza: difficile prendere la chiamata, tempi di attesa troppo lunghi. Ma il problema nasce anche dal fatto che spesso noi giornalisti usiamo male il centralino, intasandolo con richieste futili (è arrivata la pratica che ho consegnato a piazza della Torretta?, alla mia richiesta manca qualcosa?) o per quesiti che potrebbero trovare risposta altrove: per esempio consultando con pazienza il vademecum “Come usare la Casagit”. 

Ora come ora, la squadra che risponde alle telefonate  (ne arrivano 350 al giorno) è di 8 persone fisse: 3 per le “prestazioni”, 2 ai “contributi”, 2 a sistemi informativi e 1 al centralino; nei momenti più caldi diventano 11. Non è praticabile l’ipotesi di deviare le telefonate direttamente al personale degli uffici che liquidano le pratiche: oggi si lavorano oltre 2.000 richieste a settimana e distogliere personale da quell’incarico significherebbe bloccare il lavoro dei rimborsi (attualmente la liquidazione avviene in 50 giorni, cioè in 37 giorni lavorativi). Né, data la necessità di tenere sotto controllo i conti, è pensabile assumere altro personale.

Bisogna piuttosto cercare di razionalizzare le modalità di contatto con la sede centrale: usiamo le e-mail. Se inviata in mattinata a infoprestazioni@casagit.it, la domanda riceverà una risposta entro le 19 della stessa giornata. Se inviata a infoposizioni@casagit.it allora la risposta arriverà entro un paio di giorni, ma solo perché le questioni contributive sono solitamente più complesse e difficili da dipanare. I vantaggi della corrispondenza via e-mail sono molti ed evidenti: non si aspetta inutilmente al telefono, domanda e risposta hanno la chiarezza di un  testo scritto, la questione rimane per così dire “agli atti”.

Sito Casagit

Altro strumento che dovrebbe essere usato con più frequenza è il sito della Casagit e la Area riservata soci: qui c’è, in bella evidenza, almeno il 90 per cento delle informazioni che, statisticamente, i soci chiedono al telefono.

* Fiduciario Casagit per il Lazio

 

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


15 + uno =