CASAGIT, ALLA ASSEMBLEA NAZIONALE ATTENZIONE AI DIRITTI E AI TEMI CONCRETI

di Mario Antolini *

E’ vero: questa 62.a Assemblea nazionale dei delegati, a Saint Vincent, è stata un successo. Un successo per la Casagit (che con un bilancio riassestato ed una buona riforma statutaria può guardare con maggior tranquillità – ma pur sempre con la dovuta attenzione – all’immediato futuro), un successo per la delegazione romana (che sicuramente si è imposta come gruppo attivo e responsabile, al punto che qualche delegato ci ha già ribattezzato “la terza gamba” di Casagit), un successo per la componente di Puntoeacapo, che ha saputo convincere e raccogliere su molte delle sue posizioni una bella quota di consenso.

In alcuni casi, anzi, come sulle due nostre mozioni, il consenso è stato assoluto. Nata per stimolo di Cinzia Romano e di Silvana Mazzocchi, illustrata in assemblea dalla passione di Rossella Lama, la mozione sulla parità di genere aveva raccolto molte sottoscrizioni già durante i lavori congressuali, ed è stata poi votata all’unanimità dai delegati. Con la nostra mozione, l’Assemblea Casagit “sollecita il Cda ad impegnare ogni sforzo per definire le soluzioni possibili affinché negli organismi della Cassa si realizzi la massima parità di rappresentanza e di responsabilità tra uomini e donne”.

Più difficile, ma ugualmente vincente, il percorso della mozione sulla prevenzione. Qui, a fare da stimolo – nella riunione della delegazione romana prima, a Saint Vincent poi – è stato in particolare Giorgio Pacifici: ha avuto la accortezza di trasformare un emendamento destinato alla bocciatura in una mozione trionfante e fin da subito piena di contenuti concreti, come l’impegno formale della presidenza Casagit a preparare un manualetto informativo in materia.

Diverso il discorso sulle questioni più tecniche della riforma statutaria. Gli emendamenti su alcuni aspetti importanti dei compiti e degli obblighi del fiduciario, come su alcuni problemi delle procedure elettorali, si presentavano in Assemblea con la adesione convinta di tutta la delegazione romana, che li aveva appunto valutati nella riunione preparatoria dell’appuntamento congressuale. E davvero le idee, quando sono buone e logiche, si fanno strada da sole: basta spiegarle con calma e riproporle con pazienza fino a superare il muro della diffidenza.

Così, le soluzioni proposte da Roma sono passate dal no assoluto e distratto del vertice Casagit ad una accoglienza plebiscitaria in Assemblea, con la totalità dei Fiduciari regionali che dichiarava la propria piena e convinta adesione. Strada obbligatoriamente spianata, poi, anche dalle puntuali indicazioni arrivate dal nostro Pierluigi Franz, al quale il vertice della Casagit e la Consulta dei fiduciari riconoscevano sapiente perizia: oltre ad una lunga teoria di correzioni tecniche, si deve a Pierluigi – per esempio – se nello Statuto si continua a ricordare la intitolazione della nostra Cassa ad Angiolo Berti.

Più articolata, invece, la valutazione sugli emendamenti di carattere politico avanzati da Roma. Diciamo subito che su questi la Delegazione del Lazio si era divisa: la componente di Autonomia non era d’accordo (anche se con qualche maldipancia e qualche distinguo al suo interno), mentre Puntoeacapo e Alternativa sostenevano con convinzione la proposta di qualificare la Casagit come “nata per volontà del sindacato” (al posto di “costituita dal sindacato”) e la tesi di concedere il diritto di parola ma non di voto in Cda al membro designato dalla Fnsi, appunto perchè la sua legittimazione non nasce dal voto dei delegati come per gli tutti altri undici componenti il Cda.

Qui lascio il giudizio politico e sindacale ad altri: ma vorrei comunque far notare come entrambi gli emendamenti – con molta forza il primo, un po’ meno il secondo – alla fine abbiano incassato consensi ben al di là dei numeri che avevamo sulla carta. I 19 sì più una astensione (in pratica un terzo dell’Assemblea) raccolti dal primo emendamento dimostrano davvero una certa buona capacità di convincimento messa in campo dalla nostra componente. In sostanza, grazie anche al particolare impegno di Corrado Chiominto, abbiamo imposto alla attenzione di tutti il tema del rapporto Casagit-Fnsi, di cui si dovrà inevitabilmente tornare a parlare in un futuro non lontano.

C’è infine un ultimo aspetto che mi preme porre in risalto. In Assemblea abbiamo presentato posizioni pacate, abbiamo ascoltato con attenzione, abbiamo partecipato con calore: abbiamo riempito di contenuti il dibattito sulla riforma statutaria, abbiamo riempito di tesi e proposte la discussione generale sulla Casagit e sul suo bilancio. Siamo sicuramente stati più presenti di molte altre componenti, e sempre con efficacia e determinazione. Ma, forse, il nostro miglior risultato sta nell'”effetto squadra” che siamo riusciti a mettere in campo, anche coinvolgendo colleghi di altre componenti: e questo è un merito di ciascuno di noi, che ora dobbiamo far diventare capitale fruttifero.

* Fiduciario della Casagit per il Lazio

 

 

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


sedici − tredici =