ORDINE NAZIONALE, UN PORTALE PER DENUNCIARE GLI ABUSI E RACCONTARE LA VITA DIFFICILE DEI PRECARI

Un portale dell’Ordine nazionale dei giornalisti contro il precariato e l’abusivato dilaganti. Si chiama http://precariato.odg.it e da alcune settimane raccoglie segnalazioni e denunce di tanti colleghi precari sfruttati da pseudo-editori, ma spesso anche da grandi editori.

Stabilire “norme ferree” da rispettare per gli editori, per arginare il “dilagante precariato dell’informazione”: è quanto si prefigge la Carta di Firenze, lo strumento deontologico a cui si lavorerà a Firenze il 7 e l’8 ottobre in occasione della manifestazione “Giornalismi e giornalisti per la dignità della professione”, al teatro Odeon. Lo hanno annunciato alla Festa Democratica Enzo Iacopino, presidente nazionale dell’Ordine dei Giornalisti, Fabrizio Morviducci, coordinatore dell’Osservatorio sul Precariato Ordine dei Giornalisti, Stefano Fabbri, vicepresidente della Associazione Stampa Toscana, nel dibattito coordinato da Giulio Caselli della segreteria Pd Firenze.

“Esistono pochi editori puri in Italia, ormai il conflitto d’interessi è dappertutto – ha detto Iacopino – Sono desolanti i dati emersi dalle ricerche su i compensi dei giornali italiani: gli editori pensano solo al guadagno, perchè devono pagare un pezzo 100 euro se lo possono pagare 3?“.

“Gli editori difficilmente parlano di precari, preferiscono dividere giornalisti in contrattualizzati e ‘autonomi’, senza affrontare mai il problema – ha aggiunto Fabbri – La parte più alta della gerarchia giornalistica è stata ormai in un certo senso risucchiata dagli editori: servono strumenti che consentano di rifiutarsi di fare pagamenti ridicoli”. “E’ necessario fare rete per farsi sentire e lottare – è l’opinione di Morviducci – e la manifestazione di ottobre, serve anche a questo.

Condividere esperienze, e provare a trovare gli strumenti per risolvere una situazione che diventa sempre più difficile di giorno in giorno. La Carta di Firenze servirà proprio a questo”.

Al dibattito è intervenuta anche una rappresentanza del Coordinamento giornalisti precari Firenze: “Quale e quanta la capacità di pressione dell’Ordine per quanto riguarda l’equo compenso, che la legge Bersani del 2006 ha cancellato e a che punto è l’iter in corso in Parlamento per regolamentare il tariffario?”, ha chiesto Giulio Gori, collaboratore precario, “E perchè – ha aggiunto – non è possibile inserire dei precari nei comitati di redazione dei giornali, non creando mai, in questo modo, un rapporto di solidarietà tra i giornalisti”. “L’esistenza di un tariffario è fondamentale, le regole dei cdr sono da riformare”, ha risposto Fabbri.

“Su entrambe le questioni discuteremo per inserirle nella Carta di Firenze”, ha concluso Iacopino.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


dieci + 19 =