LO SAI CHE? PICCOLA GUIDA ALLE VERITA’ SUL VOTO PER L’ORDINE DEI GIORNALISTI

 

Lo sai che “Indipendenti per la riforma” ha rispettato la parità assoluta di genere nella formazione delle liste? Parità vuol dire 50/50 tra uomini e donne. E’ da sempre una delle caratteristiche delle liste sostenute da Puntoeacapo. Gli altri la scoprono adesso (e magari esagerano candidando più donne che uomini).

Lo sai che “Indipendenti per la riforma” ha candidato giornalisti provenienti da tutte le diverse realtà dell’informazione? Tutte: i quotidiani, i periodici, la radio, la televisione, internet. Da sempre guardiamo a come si evolve la professione e i colleghi lo sanno.

Lo sai che “Indipendenti per la riforma” ha candidato sia per il consiglio regionale che per il consiglio nazionale tanti precari?

Lo sai che per tre anni la battaglia di Enzo Iacopino come presidente dell’Ordine nazionale si è indirizzata al riconoscimento della dignità e della professione di chi non viene tutelato dalla Fnsi e dal sindacato se non a chiacchiere?

Lo sai perché criticano “Indipendenti per la riforma” per aver scelto come capolista nel consiglio regionale il presidente uscente del Lazio Bruno Tucci? Perché vige la regola della “doppia morale”. Quando Tucci ha corso con le liste di Autonomia, fino a 3 anni fa, andava bene come presidente. Ora si è staccato da Autonomia e dunque va demonizzato. E tu, sei d’accordo con la doppia morale? O Tucci va giudicato per quel che ha fatto all’Ordine del Lazio?

Lo sai che la lista ContrOrdine ha organizzato servizi di navette tra alcune redazioni e la sede delle votazioni? Chi paga questi costosi servizi che durano anche mezza giornata? Il sindacato interno Rai Usigrai afferma di usare le quote versate dai propri iscritti per un analogo servizio tra Saxa Rubra e il centro Coni. E’ un modo di organizzare il consenso? Così, per caso, si condiziona il libero voto?

Lo sai che la campagna elettorale di “Indipendenti per la riforma” è costata 350 euro, il costo dei volantini e dei manifesti, per i quali hanno fatto una colletta i candidati?

Lo sai che dal telefonino di un dipendente della Federazione arrivano Sms che invitano a votare ContrOrdine? Sai per caso chi paga quel telefonino?

Lo sai che dal 20 aprile Enzo Iacopino ha chiesto all’Ordine nazionale di addebitargli tutte le spese del telefonino di servizio?

Lo sai infine, questo lo sai senza punto interrogativo: lo sai che la rappresentanza dei giornalisti è oppressa da una cappa di potere disinvolta e onnivora che ha un solo obiettivo: completare la mappa con la conquista dell’Ordine.
Ci rivolgiamo a te che sei una persona libera, che hai sempre votato le nostre liste o hai scelto in passato Autonomia turandoti il naso: quando sarai nella cabina ricorda qualcuno di questi “Lo sai” e vota bene.

Quando uscirai con le due schede chiuse e votate ti sentirai più libera e più libero.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


diciannove − 11 =