ORDINE DEI GIORNALISTI, “INDIPENDENTI PER LA RIFORMA” PER UNA OPPOSIZIONE A UN SISTEMA DI POTERE

 

Un buon recupero di voti al ballottaggio, quattro consiglieri eletti, una rete di alleanze tra movimenti indipendenti in alcune importanti regioni italiane. La certezza di rappresentare l’opposizione nei confronti di un sistema di potere che tenta di assicurarsi con l’Ordine nazionale l’ultimo feudo disponibile.

In estrema sintesi potrebbe essere questa l’analisi del voto che i giornalisti elettori del Lazio hanno consegnato ai prossimi tre anni dell’Ordine dei giornalisti.

 

Puntoeacapo ha appoggiato con convinzione le due liste di “Indipendenti per la Riforma”. Nel Lazio la decisione era stata di allearsi con Bruno Tucci, il presidente uscente che aveva lasciato dopo molti anni la corrente maggioritaria di Autonomia e Solidarietà. Questa scelta ha scatenato le critiche ipocrite di chi ha governato per molti anni con Tucci che, adesso che non era più un alleato, diveniva improvvisamente un vecchio arnese da rottamare. Questo per dire l’eleganza, il rispetto delle persone e delle storie professionali.

Nel Consiglio nazionale, Iacopino, Franz e Conti hanno recuperato nel ballottaggio molte posizioni e hanno portato da due a tre i seggi conquistati. Non solo: i candidati di “Indipendenti per la riforma”, tutti, hanno fatto registrare incrementi dei voti molto elevati, superiori a quelli della lista avversaria, anche se non sufficienti, a volte per una manciata di voti, ad assicurarsi più seggi. In ogni caso, un risultato molto più convincente del 2010.

***

Alcune considerazioni. Ha vinto il voto di blocco, cioé le schede votate integralmente con tutti o quasi i nomi dei candidati dell’altra lista. Una manifestazione di forza o, a seconda dei punti di vista, di potere.

Un potere che si esercita con la occupazione manu militari di tutti, TUTTI, gli organismi di rappresentanza dei giornalisti. Si dovrebbe aggiungere chapeau, se non fosse per le condizioni drammatiche in cui versa la professione giornalistica proprio a causa di questa ventennale occupazione dei posti di potere. Salvo dire che questa volta questo stesso blocco rappresentava il “nuovo”.

Vorrà dire che dovremo lavorare per rendere sempre più consapevoli i colleghi della classe politico-sindacale-istituzionale “unfit” che li rappresenta.

Ha colpito ancora una volta un assurdo sistema di voto a maggioranza secca che, al contrario di altri sistemi elettorali, consente di esprimere un numero di preferenze pari ai consiglieri da eleggere, con ciò impedendo una adeguata rappresentanza democratica delle opposizioni.

Ha vinto un gruppo di potere, che si è inspiegabilmente agitato quando abbiamo semplicemente ricordato i metodi di cooptazione del voto con pullmini “autofinanziati”, con una Usigrai sempre più al centro di questo meccanismo di potere, praticamente senza competitor interni, quasi soggetto di cogestione con l’azienda, centro decisore di destini e carriere.

Prima e dopo il voto abbiamo assistito alla applicazione di un metodo che in altri contesti è stato definito macchina del fango e che qui ci limiteremo a descrivere come miserabile. Un sistema fatto di minacce a giornalisti Rai che si volevano candidare con noi e che si sono tirati indietro per questo, temendo magari vendette postume. Fatto di lettere piene di spunti diffamatori fatte circolare reiteratamente. Di direttori di Tg che dileggiano candidati dopo il primo turno. Di prepensionati deskisti abusivi che insultano volgarmente candidati precari.

Noi ne abbiamo preso nota e agiremo come è necessario. Ma la nostra azione sarà inutile se i giornalisti, la maggioranza dei giornalisti romani e italiani, non apriranno gli occhi su quanto si agita alle loro ignare spalle.

 

***

Guardiamo il buono: le liste “Indipendenti per la Riforma” hanno proposto candidature prestigiose di colleghi provenienti da tutti i settori dell’informazione, dando visibilità al precariato, con uno sguardo inter-generazionale, rispettando come è consuetudine di una componente fondata da donne liste improntate alla parità di genere.

Diciamo che si pone nel Lazio una questione di democrazia, ma non ci nascondiamo quanto occorra lavorare per cambiare questo stato di cose. Siamo sempre fiduciosi che i colleghi si accorgano in tempo di quanto l’orlo del burrone sia vicino.

Vorremmo finire con un ringraziamento forte. Ai candidati di “Indipendenti per la Riforma” che hanno accettato il ruolo difficile di candidati in una lista di minoranza, sfidando per spirito di libertà e non solo di appartenenza il blocco di potere che abbiamo cercato di descrivervi. Alle centinaia di colleghi che ci hanno dato la loro fiducia: cercheremo di ripagarla, come sempre facciamo negli enti e nelle organizzazioni in cui siamo presenti, cioé tutte, a dispetto dei sostenitori del pensiero unico.

 

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


tre × 5 =