ORDINE DEI GIORNALISTI, APPELLO FINALE: VIENI A VOTARE I CANDIDATI DI “INDIPENDENTI PER LA RIFORMA”

Vieni a votare per l’Ordine dei giornalisti dalle 16 alle 21,30 di lunedì 27 maggio nel centro Coni Acqua Acetosa, in largo Giulio Onesti 1. Ne vale la pena.

Ti abbiamo proposto due liste piene di professionisti che hanno dato e danno lustro alla nostra categoria. Quella del Consiglio nazionale è guidata dal presidente uscente Enzo Iacopino, quella del Consiglio regionale dal presidente uscente del Lazio Bruno Tucci.
Abbiamo coinvolto assieme a Enzo e a Bruno tanti settori dell’informazione, gli stabilizzati e i precari, le piccole redazioni, le grandi e le grandissime, la carta stampata, Internet e la radio-televisione.

Ma ciò che più conta è che abbiamo rispettato lo spirito che anima da sempre Puntoeacapo: valorizzare la professione, difenderla dagli attacchi all’autonomia che in questi dieci anni l’hanno messa a grave rischio.
Ecco alcuni punti forti della leadership Iacopino e Tucci, dunque delle nostre liste, punti su cui basterà fare una semplice ricerca su Google e su www.odg.it per capire di che cosa stiamo parlando.

1) Approvazione della Carta di Firenze
2) Legge sull’equo compenso giornalistico
3) Riduzione da 21 a 11 delle costose scuole di giornalismo, spesso fabbriche di disoccupati

Le cose da fare:

1) Una riforma vera dell’Ordine a 50 anni dalla legge istitutiva: meno consiglieri, norme deontologiche più rigorose, controlli su chi effettivamente svolge la professione. Ma serve una legge dello Stato! Chi dice il contrario, mente.
2) Formare e aggiornare costantemente i giornalisti
3) Combattere le commistioni ormai selvagge tra pubblicità e informazione
4) Difendere i diritti dei precari
5) Affermare i principi della deontologia professionale.

Chi vuole abolire l’Ordine non sa:

1) che scomparirebbe il riferimento legislativo all’autonomia professionale, il che sottoporrebbe i giornalisti a un potere di indirizzo esclusivo da parte delle aziende editoriali;
2) che verrebbe a cadere il soggetto giuridico titolato a riconoscere la natura giornalistica della professione;
3) che si toglierebbe ai direttori il ruolo di garanti dell’autonomia professionale;
4) che ci sarebbero ricadute negative anche per Inpgi e Casagit, i cui statuti prevedono espressamente per l’adesione l’iscrizione all’Ordine.

Chiediamo ai colleghi che in questi anni ci hanno dato fiducia di darci ancora il loro consenso VOTANDO IN BLOCCO le due liste nelle votazioni che si concludono il 27 maggio.
Vogliamo un Ordine davvero rinnovato, vogliamo continuare e concludere un’opera cominciata tre anni fa che ha già dato risultati eccezionali.

Tutti alle urne, cercando di fare davvero gli interessi dei giornalisti a dispetto di chi in questi anni non ha voluto ma soprattutto non è riuscito a tutelare la professione.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


18 − 8 =