GIORNALISTI, UN SINDACATO TRASFORMISTA. SMASCHERIAMOLO CON L’ASTENSIONE, A DIFESA DEL WELFARE

di Carlo Chianura

Il trasformismo è la malattia senile del sindacalismo giornalistico. A quattro mesi dalla firma di un contratto disastroso che apre le porte alla scomparsa della professione come l’abbiamo finora considerata, la Federazione della Stampa e le associazioni regionali celebra in questi giorni le elezioni dei candidati ai congressi.

Un rito stanco, anzi stanchissimo. E’ lo stesso sindacato che porta sulla coscienza lo scalpo di migliaia di posti di lavoro persi in cinque anni. Un favore di proporzioni storiche concesso a editori che negli ultimi venti anni avevano accumulato ricchezze straordinarie e che hanno pensato solo a distruggere posti di lavoro, nella illusione che ciò li avrebbe riparati dalla crisi innegabile della editoria. Neanche un cent dei soldi intascati negli anni delle vacche grasse è stato speso in investimenti produttivi e tecnologici e soprattutto in risorse umane.
Il sindacato ha ingoiato tutto e di tutto. In una posizione subalterna, degna di miglior causa, le classi dirigenti da almeno un quindicennio hanno di fatto svenduto la professione.
Oggi però ne pagano le conseguenze. L’uscita di Puntoeacapo dalla Fnsi ha cominciato a produrre risultati: ci constano centinaia di disdette tra i giornalisti in attività e in pensione. Sfidiamo le associazioni regionali a darci conto di questo esodo da luglio a oggi.
Le stesse realtà regionali pagano dazio nei modi più vari. Ci risulta che ci sono liste storiche, ad esempio in Lombardia ma anche nel Lazio, che sono riuscite con grandi difficoltà a raccogliere le firme necessarie per la presentazione delle rispettive liste.
Ma il risultato politicamente più significativo è quello che abbiamo sottolineato all’inizio: il trasformismo. Improvvisamente sono diventate scomode e rottamabili le componenti sindacali, che pure negli anni hanno garantito posti di potere e prebende, alimentando le ambizioni personali a discapito dell’interesse comune. Lo slogan di giornata è: superiamo le componenti. Comodo dirlo. Ma soprattutto indispensabile.
Autonomia e solidarietà (Nuova Informazione in Lombardia) è stata terremotata dall’ultimo rinnovo contrattuale. Quarto Potere in Lombardia preferisce cambiare nome e polverizzarsi per dissimulare la propria presenza e forse una certa impopolarità. Le piccole associazioni regionali si sono ricompattate come sempre, perché sanno che storicamente la propria forza discende solo da questo, ma lo hanno fatto, come dire?, obtorto collo. Siddi lavora nelle retrovie per garantirsi la sopravvivenza anche dopo la sua uscita dalla Fnsi e c’è chi ipotizza per lui direzioni di giornali amici se non la mai abbandonata ideuzza dell’Inpgi. Componenti di lotta e di governo che combattono la propria marginalità elettorale alleandosi con il neocapo di una potenziale (molto potenziale) opposizione, vale a dire il romano Paolo Butturini. Grillismi di risulta che si riconvertono al movimentismo purchessia.
Cambiano le parole e le sigle, dunque, ma i protagonisti sono sempre gli stessi: è la logica del trasformismo. Diffidiamone tutti.

Lasciando la Fnsi, dolorosamente, Puntoeacapo ha dichiarato la irriformabilità di questo sindacato. Sul “mercato” la nostra componente lascia in libera uscita un trenta-quaranta per cento dei voti nel solo Lazio, percentuale da depurare dei nostri simpatizzanti che hanno nel frattempo stracciato la tessera del sindacato.
Invitiamo i nostri elettori ad astenersi, a lasciare soli questi signori che non hanno a cuore il futuro della professione (certo, con doverosi distinguo).
Continueremo come Puntoeacapo a lavorare sui due cardini veri della professione: il welfare e le istituzioni. Significa una attenzione sempre più pressante e sempre più nazionale sul futuro e sulla sopravvivenza dell’Inpgi e della Casagit e sul lavoro riformatore dentro l’Ordine dei giornalisti.
Al sindacato che riscuote ogni anno da Inpgi e Casagit MILIONI DI EURO di tutti i colleghi (anche dei non iscritti alla Fnsi) garantiamo un supplemento di vigilanza. E un lavoro che punterà a risparmi sempre più evidenti, tagliando i costi e non riducendo ma semmai aumentando i servizi e ridiscutendo alla radice il ruolo e il potere delle forze sociali all’interno degli enti.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


diciannove − due =