SOPAF, I CONSIGLIERI CARELLA E CHIANURA:SUBITO UN CDA PER LA COSTITUZIONE DI PARTE CIVILE DELLINPGI

Convocazione d’urgenza del Cda Inpgi per deliberare sulla costituzione di parte civile dell’istituto nel processo Sopaf a carico del presidente Andrea Camporese. E’ la richiesta inoltrata ieri alla presidenza dai consiglieri di amministrazione Carlo Chianura (Inpgi Futuro) e Roberto Carella.

La vicenda Sopaf è nata dopo l’acquisto da parte dell’istituto di previdenza dei giornalisti di titoli Fip. Secondo l’accusa, la Sopaf, che cedette i titoli, ottenne un indebito vantaggio di circa 7 milioni di euro. Sul sito di Puntoeacapo un’ampia panoramica di documenti, commenti, ricostruzioni, sul caso.
Il 4 febbraio scorso il gup di Milano ha rinviato a giudizio per truffa e corruzione anche il presidente dell’Inpgi Andrea Camporese, fissando la prima udienza per il 21 aprile.
Nella lettera in cui i due consiglieri chiedono la convocazione urgente del Cda Inpgi si propone di deliberare sulla costituzione di parte civile, di nominare un legale che assista l’istituto nel procedimento penale, di stanziare la relativa spesa con eventuale rivalsa sulla compagnia assicuratrice Unipol Sai con cui l’Inpgi ha da tempo stipulato a sue spese una polizza relativa alla responsabilità civile dei propri amministratori.
La scelta dell’urgenza è motivata dalla considerazione che la prima udienza è il termine tassativo entro il quale deve essere esercitata la richiesta di costituzione di parte civile. Considerando le imminenti elezioni e i tempi tecnici necessari per l’insediamento del consiglio generale e del consiglio di amministrazione, considerando inoltre che il futuro Cda dovrebbe istruire in pochi giorni una pratica di cui non si è mai occupato prima, risulta evidente che l’Inpgi potrebbe non essere messo in grado di prendere in tempo utile una decisione sulla costituzione di parte civile. Con ciò prefigurando un ipotetico danno per l’istituto.
Le firme di Carella e di Chianura non sono però sufficienti per ottenere una certa convocazione del Cda: a termini di statuto ne occorrono infatti almeno quattro.
Nessun commento sulla vicenda da parte dei due consiglieri. Al momento, nessuna reazione ufficiale o decisione neanche da parte della presidenza o della direzione generale, che è stata informata della richiesta.

 

AGGIORNAMENTO

Il vicepresidente vicario dell’Inpgi Paolo Serventi Longhi ha scritto nel pomeriggio a Roberto Carella e Carlo Chianura una lettera di risposta a quella inviata ieri alla presidenza dai due consiglieri. “La vostra richiesta non può essere accolta”, scrive Serventi, “poiché sottoscritta solo da due consiglieri di amministrazione, rispetto ai quattro richiesti dalla specifica norma di riferimento”.

In questo modo il Cda dell’Inpgi non verrà messo nelle condizioni di esprimere un voto, positivo o negativo, sulla costituzione di parte civile nel processo Sopaf che inizia il 21 aprile.

 

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


diciannove − 17 =