INPGI, DUE POSTI IN CDA A INPGI FUTURO. MA SCOPPIA IL GIALLO DEL TERZO SEGGIO NEGATO

Carlo Chianura e Mario Antolini di Inpgi Futuro sono stati eletti nel nuovo consiglio di amministrazione dell’Inpgi. Giallo per una interpretazione dello statuto che ha impedito per ora l’elezione di Paola Cascella. La maggioranza Camporese si riconferma sotto diverse spoglie. Ma troverà l’opposizione di Inpgi Futuro e il controllo del collegio sindacale.

Le votazioni per il nuovo Cda hanno visto eleggere per la lista Inpgi siamo noi otto consiglieri giornalisti: Marina Macelloni e Giuseppe Gulletta (presidente e vicepresidente vicario in pectore) e in ordine di preferenze Massimo Zennaro, Giuseppe Marzano, Paolo Serventi Longhi, Claudio Scarinzi, Edmondo Rho, Maria Pia Farinella. Non eletti Domenico Marcozzi e Mauro Lozzi. Proprio Lozzi era il candidato attribuito al presidente della Casagit Daniele Cerrato, a lungo in predicato di diventare il nuovo presidente dell’Inpgi, ma che prima si è visto chiudere la porta in faccia dalla maggioranza uscente, poi ha accettato di convergere sul listone di Inpgi siamo noi e ora ritorna mestamente al suo incarico.

Inpgi Futuro ha presentato quattro candidati, nel pieno rispetto della parità di genere come è tradizione per Puntoeacapo, che ha ispirato e sostenuto la lista elettorale: Carlo Chianura, Paola Cascella, Mario Antolini, Stefania Conti.

Con la attribuzione iniziale dei quozienti interi e dei relativi resti, conteggiando le cinque schede bianche, Inpgi Futuro aveva totalizzato 3 seggi, eleggendo Chianura, Antolini e Cascella. Ma una contestata interpretazione dello statuto ha eliso dal conteggio le schede bianche. Il ricalcolo ha alla fine assegnato l’ottavo seggio a Inpgi siamo noi, come ha deciso il seggio elettorale presieduto dalla direttrice generale dell’istituto Mimma Iorio.

Chianura, portavoce di Puntoeacapo e coordinatore della lista, ha preannunciato su questa decisione una riserva espressa che potrebbe portare il caso davanti alla magistratura.

Inpgi Futuro conserva per il momento la propria precedente quota di rappresentanza nel massimo organo amministratore dell’istituto.

 

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


tre × 2 =