INPGI, PENSIONATI DELLA CAMPANIA PRONTI AI RICORSI

 

Una decisione “inspiegabile”. Una delibera “illegittima”. Se il prelievo forzoso a danno dei giornalisti  pensionati dovesse essere approvato dai ministeri vigilanti i giornalisti pensionati della Campania sono pronti a ricorrere alla magistratura.

E’ la decisione presa al termine della riunione della componente campana della Ungp. In un documento si ribadisce la “netta contrarietà a un provvedimento già bocciato in prima istanza dai Ministeri vigilanti e contrastante con ripetute, recentissime pronunce della Cassazione”. Nel sottolineare “l’inspiegabile decisione” adottata invece ora, nel cda, dai rappresentanti indicati dagli stessi Ministeri, si decide che, “una volta che fosse approvata definitivamente la iniqua manovra, venga dato incarico ai legali di intraprendere contro l’Inpgi, e gli stessi Ministeri vigilanti, tutte le azioni in difesa dei diritti acquisiti e ingiustamente conculcati”.
Nel criticare duramente, poi, i comportanti tenuti da Carlo Muscatello per la Fnsi e Giuseppe Gulletta vice presidente vicario dell’Inpgi, venuti clamorosamente meno, nei ruoli svolti, agli impegni presi e “tradendo così apertamente le aspettative della categoria”, l’assemblea dà mandato al proprio rappresentante nazionale nell’Ungp, di censurare il comportamento tenuto dal presidente Guido Bossa, “non escludendo la possibilità di chiederne le dimissioni nel prossimo Consiglio nazionale”.
Infine l’assemblea ribadisce “forte preoccupazione” per l’iniziativa del Cda Inpgi che “viola un principio sacrosanto presente in tutti gli ordinamenti giuridici e che, proprio nella deprecabile prospettiva di un futuro passaggio dell’Istituto alla previdenza pubblica, rappresenterebbe un pericolosissimo e autolesionistico precedente”.

Ai lavori, coordinati dal  presidente Ermanno Corsi e dal segretario Sergio Gallo, hanno partecipato Armando Borriello presidente del Sindacato della Campania, Lino Zaccaria e Enzo Colimoro rispettivamente componente del Consiglio generale dell’Inpgi e fiduciario regionale dell’Istituto di previdenza.

 

2 Commenti "INPGI, PENSIONATI DELLA CAMPANIA PRONTI AI RICORSI"

  1. Giuseppe Cipriani | 16 Ottobre 2016 ore 18:10 | Rispondi

    Una curiosità: ammettiamo che i ministeri sconfessino i loro rappresentanti che, all’interno del consiglio di amministrazione dell’ Inpgi, hanno votato per il prelievo forzoso… Che succede? Cade tutta la riforma o la stessa passerà per tutto il resto tranno che per il prelievo? E se sarà così, come la metteranno riguardo al fatto che l’Inpgi avrà ancora più problemi di risanamento senza l’obolo dei nostri poveri pensionati in trincea?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


17 + quattordici =