SOLE 24 ORE: LA FINE DI UN GRANDE SOGNO. DIARIO DALL’INTERNO

 

di Edgar*

Come in un dramma shakespeariano anche nelle ultime vicende del Sole 24 Ore il sorriso spesso si confonde con le lacrime, ma è la tristezza e un grande senso di vuoto e di impotenza a dominare su tutto.

Per chi come molti di noi ha trascorso quasi metà della propria esistenza dentro alle mura prima di via Lomazzo e poi di via Monte Rosa, a Milano, c’è un senso di rabbia e di dolore quasi fisico nel vedere distrutto con consapevole, reiterata, determinazione un patrimonio di valori e di principi che appartenevano alla parte migliore dell’economia e del Paese e di cui noi giornalisti del Sole ci sentivamo gelosi custodi oltre che i più autentici interpreti.

È la rabbia di chi sa di essere stato tradito proprio da chi doveva garantire la sacralità di quei valori (competenza, concorrenza, meritocrazia, libertà di mercato) e che mentre mostrava all’esterno i paramenti da grande sacerdote, nell’ombra imbastiva squallidi marchingegni per truffare azionisti e mercato ritagliandosi bulimicamente fette sempre più grandi di potere e interessi privati.

Comportamenti che hanno portato a conteggiare centinaia di migliaia di copie digitali fantasma sulle quali il management vendeva poi gli spazi pubblicitari e si autoassegnava ricchi bonus aziendali. Alla fine sono venuti al pettine (come era prevedibile) problemi antichi, che si aggravavano giorno dopo giorno.

Da “bancomat” usato per le più svariate esigenze di Confindustria e dei suoi presidenti (in meno di dieci anni bruciati oltre 300 milioni di euro) il Sole è diventato d’un tratto un “problema” al quale sembra quasi impossibile trovare una soluzione a cominciare dal necessario (ma finora sempre rimandato) aumento di capitale. Il danno che la dirigenza del Sole 24 ore, dall’editore ai suoi amministratori al direttore Roberto Napoletano hanno causato all’immagine del quotidiano economico e alla credibilità personale e professionale di chi vi lavora con impegno e dedizione è difficilmente quantificabile.

Di certo da molti mesi un piccolo ma indomito gruppo della “vecchia guardia” del Sole che ora si vorrebbe ridurre al silenzio prepensionandolo (dalla responsabile Giustizia Donatella Stasio a quello del settore Sanità Roberto Turno, dall’inviato di Esteri Alberto Negri al corrispondente da Francoforte Alessandro Merli a quello di Parigi Marco Moussanet, dall’inviato per l’economia Gianni Dragoni al corrispondente diplomatico Gerardo Pelosi solo per citarne alcuni) si è rivolto al professor Donini come “persone offese” per le conseguenti necessarie mosse legali da intraprendere nei confronti di tutti coloro che hanno avuto un ruolo in tale disastro.

Se è vero che l’indagine di Milano individua in Napoletano la “figura preponderante” del disegno criminoso il quale si difende parlando di “linearità” del suo comportamento, per anni il Cda e l’editore hanno come minimo fatto finta di non vedere cosa stava avvenendo in via Monte Rosa. Da circa venti anni il vicepresidente della società è un ex presidente di Confindustria come Luigi Abete, tra l’altro editore di AskaNews. E non è un mistero che i giovani stagisti che lavorano nella redazione americana de il Sole 24 Ore un giorno lavorano per l’agenzia del gruppo Radiocor e il successivo per l’agenzia di Abete AskaNews. Solo uno dei tanti, troppi conflitti di interesse collezionati dalla dirigenza del gruppo che nel frattempo non risparmiava strali e reprimende contro i ritardi della politica e le tante storture della burocrazia statale al grido di battaglia: “Fate presto!”.

In un film di qualche tempo fa, “I sogni segreti di Walter Mitty”, la nuova direzione di Life è a caccia della foto per l’ultima copertina dell’edizione cartacea della rivista che possa racchiudere tutto il senso di anni di lavoro. L’ha trovata in quella di un archivista (Walter Mitty, appunto) impegnato sulle scale di Life a selezionare tra i tanti scatti inviati dai fotoreporter in giro per il mondo quelli meritevoli di essere pubblicati.

Ebbene, se l’attuale presidente del Sole Giorgio Fossa e l’amministratore delegato Franco Moscetti fossero chiamati a scegliere quale foto potrebbe sintetizzare l’età d’oro del Sole 24 ore, quello che sfiorava il mezzo milione di copie (VERE!), non potrebbero che manifestare imbarazzo. Di quella storia di successo loro non sanno nulla, non ne hanno fatto parte e probabilmente non sono interessati a conoscerne i dettagli.

E invece, un’istantanea significativa in grado di riassumere bene il senso di quegli anni, le scelte di rigore coniugato a geniali intuizioni potrebbe essere a pieno titolo quella di Lodovico Besozzi (figlio del mitico Tom, autore dello scoop di Salvatore Giuliano ucciso da Gaspare Pisciotta) che sul bancone del bar da Stefano in via Lomazzo, davanti alla vecchia sede del giornale (quella di proprietà del Sole, a differenza di via Monte Rosa), illustra al direttore Gianni Locatelli il menabò del primo numero del Domenicale. Non era affatto scontato che un giornale economico potesse vincere quella sfida contro i quotidiani generalisti sul terreno della cultura. Ma la forza delle idee e della squadra guidata da Locatelli riuscirono a trasformare un piccolo e onesto house organ della Confindustria nel terzo quotidiano italiano.

Ma per chi ha vissuto quella stagione bella e avvincente, la fine del sogno non può prescindere dalla richiesta di verità e giustizia. Ora come non mai valgono per chi ha ancora a cuore certo valori le parole che Shakespeare, alla fine del “Re Lear”, mette in bocca a Edgar: “Noi dobbiamo accettare il peso di questo tempo triste, dire ciò che sentiamo, non ciò che conviene dire”.

* Edgar è un giornalista (o una giornalista) del Sole 24 Ore

 

 

4 Commenti "SOLE 24 ORE: LA FINE DI UN GRANDE SOGNO. DIARIO DALL’INTERNO"

  1. La realtá e che per la Confindustria di Boccia il Sole potrebbe benissimo tornare a essere un piccolo house organ

  2. Un altro tradimento….

  3. Luigi de Nicola | 12 marzo 2017 ore 21:39 | Rispondi

    Peccato restare senza il Domenicale. Luigi de Nicola

  4. L’ennesimo ineluttabile segno del tramonto a cui è avviato questo paese.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


due × cinque =

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.