INPGI, L’UOVO DI COLOMBO DOPO IL FLOP IMMOBILIARE: VENDERE LE CASE A INPGI 2/Dossier

di Gianni Dragoni*

Un altro dato negativo è il rendimento del patrimonio complessivo dell’istituto. In otto mesi, fino al 31 agosto, il rendimento è stato -0,80%, mentre il rendimento preso a riferimento (il cosiddetto “Benchmark”) nelle proiezioni pluriennali interne dell’Inpgi avrebbe dovuto essere positivo per 3,67 per cento.

C’è pertanto una differenza negativa (-4,47%) rispetto al “Benchmark”. L’Inpgi dice che questo è dovuto a un’incidenza ancora troppo alta dell’immobiliare sul totale del patrimonio, pari al 66% del valore, rispetto al 50% stimato nella pianificazione finanziaria, nella quale evidentemente si pensava che si sarebbero venduti prima più immobili (e forse anche a prezzi più alti). Ma questo non cambia la sostanza, cioè il rendimento negativo del patrimonio. Un dato molto preoccupante.

L’Inpgi: “E’ un portafoglio ormai in liquidazione”

Negativo anche il rendimento nei 12 mesi: -2,10%, contro un +4,96% del “Benchmark”. La differenza negativa in questo caso è più alta, sale a -7,06 per cento.

Gli uffici finanziari e il vertice dell’Inpgi hanno affermato che “il valore della quota del Fondo Amendola ha un calo del 3,62% sull’anno, l’allocazione del patrimonio è subottimale. Se si esclude l’immobiliare il resto del patrimonio ha un rendimento positivo del 2,87% nell’anno. Se non fossimo costretti a dismettere il rendimento sarebbe positivo. E’ un portafoglio che ormai è in liquidazione”.

Gestione separata, il patrimonio aumenta di valore ma cala il rendimento

Diverso il discorso per la gestione separata, o Inpgi 2. Il patrimonio non diminuisce, ma si incrementa di valore. Al 31 agosto 2017 il valore del patrimonio era pari a 576,72 milioni, cioè 17,44 milioni in più rispetto al 31 dicembre 2016 (quando valeva 559,28 milioni). L’anno scorso il patrimonio si era incrementato di 46 milioni (valeva 513,1 milioni a fine 2015).

La quota dell’immobiliare però sta perdendo valore anche nella gestione separata. Il valore della voce Fondi immobiliari e immobili è pari a 74,68 milioni al 31 agosto 2017, diminuito di 4,38 milioni rispetto a fine 2016 (quando valeva 79,06 milioni). Già durante il 2016 il valore del patrimonio immobiliare dell’Inpgi 2 era diminuito di 3,2 milioni rispetto a fine 2015 (quansdo valeva 82,25 milioni).

Il rendimento del patrimonio complessivo quest’anno fino ad agosto è stato positivo, +1,66%, anche se quasi mezzo punto inferiore al “Benchmark” (stimato a +2,14%). Il rendimento di 12 mesi è +0,77%, inferiore al “Benchmark” che è 1,41% (dunque -0,64%).

Nell’analisi del portafoglio fatta dall’Inpgi si osserva che “la redditività attesa degli impieghi finanziari è progressivamente diminuita negli ultimi 5 anni” e “la rischiosità è aumentata sensibilmente soprattutto per l’investimento obbligazionario (governativo e corporate) che vede una progressiva forte esposizione al rischio di tasso”.

Pertanto secondo gli uffici finanziari dell’Inpgi si deve “aumentare la redditività attesa di medio e lungo periodo del portafoglio; ridurre la sensibilità del portafoglio alla volatilità e direzionalità dei mercati; ridurre o contenere il rischio di tasso del portafoglio”.

L’Inpgi intende “vendere” quote del Fondo Amendola alla gestione separata

La gestione separata possiede circa il 2,3% del Fondo Giovanni Amendola, per un valore di 23 milioni al 31 agosto (il 98% è della gestione principale). E questo è il fondo che è andato meno bene tra gli immobiliari, hanno spiegato gli uffici finanziari dell’istituto.

Tuttavia durante la commissione Bilancio è emerso che gli uffici dell’Inpgi suggeriscono di far comprare alla gestione separata nuove quote del Fondo Amendola “che oggi _ è stato spiegato _ ha un rendimento interessante”. Un’affermazione che ci ha sorpreso.

Abbiamo chiesto: come si concilia quest’affermazione con il fatto che il Fondo Amendola è stato svalutato e l’immobiliare ha un rendimento negativo? Ci è venuto un sospetto: visto che la gestione principale ha un drammatico bisogno di liquidità, ci vuole tempo a vendere gli immobili e il patrimonio liquido si sta consumando rapidamente, non sarà che questo “suggerimento” è come quello di chi, dovendosi disfare di qualcosa che trova scarso interesse sul mercato, consiglia a una zia o a una cugina di comprarlo, assicurando che è un affare?

Una domanda all’Inpgi: è un salvataggio?

La presidente Marina Macelloni lo ha escluso seccamente, visto che l’Inpgi si è dotato di un nuovo Regolamento sugli investimenti, documento peraltro che i ministeri vigilanti hanno chiesto al consiglio di amministrazione di modificare e approvare nuovamente, come racconteremo in un prossimo articolo. Macelloni ha spiegato che la gestione separata, investendo adesso, comprerebbe quote del Fondo Amendola “a un prezzo interessante”.

Però abbiamo una domanda: se il prezzo è “interessante” per la gestione separata, perché le quote non se le tiene la gestione principale, che ha già sopportato le perdite e le svalutazioni del Fondo Amendola? Forse la risposta è la seguente: la gestione principale ha l’acqua alla gola, non riesce a vendere rapidamente gli immobili e quindi per fare cassa si sta pensando di trasferire quote alla gestione separata, che dispone di circa 500 milioni di patrimonio liquido.

Cosa ne pensano i giornalisti co.co.co e le partite Iva, ai quali la gestione separata dovrebbe garantire le pensioni? Possono stare tranquilli?

* Consigliere generale per Inpgi Futuro

(2 – Fine)

A questo link la prima puntata del dossier

 

 

 

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


17 − 16 =