INPGI, COME CAMBIA DAL 2019 AL 2021 LA RIVALUTAZIONE DELLE PENSIONI DEI GIORNALISTI

Ufficio Studi e Ricerche di Puntoeacapo

Rivalutazione a scartamento ridotto anche per i giornalisti dal 2019 al 2021. La previdenza Inpgi non si sottrae alle disposizioni della Legge di Bilancio 2019, previste per regolare la materia che deve (dovrebbe) restituire potere di acquisto all’intera platea di chi è uscito dalle redazioni. L’adeguamento automatico rispetto al sistema generale è statibilito nello stesso Regolamento dell’istituto.

Dunque il meccanismo di calcolo della cifra che va a integrare l’assegno dei colleghi che hanno lasciato il lavoro sarà a fasce, raggiungendo il totale di quell’ 1,1 per cento fissato dalla Legge di stabilità solo nei casi in cui l’importo pensionistico di partenza non superi i 19.789,38 euro, ovvero tre volte il minimo Inps.

Al di sopra di questa somma, il calcolo automatico della perequazione scende al 97 per cento fino a 26.385,84 euro; al 77 fino a 32.982,30; al 52 fino a 39.578,56; al 47 fino a 52.771,68; al 45 per cento fino a 59.368,14. Oltre questo scaglione la rivalutazione sarà del 45 per cento.

La tabella sotto indica quali sono gli importi che saranno riconosciuti scaglione per scaglione e che andranno sommati. Per esempio se si somma la perequazione delle pensioni fino a 19.000 circa a quella prevista per gli assegni fino a 26.000 circa, sarà corrisposta una perequazione di 217,68+281,54, vale a dire di 499,22 euro annui. E così via sommando fino alla aliquota di 59.000 circa di pensione. Oltre questo importo viene riconosciuta una perequazione dello 0,44% sulla sola quota eccedente.

PEREQUAZIONE – Modalità di calcolo valida per il triennio 2019-2021 – Articolo 1, comma 260, legge 145/2018 (Legge di Bilancio 2019)

Importi pensionistici complessivi Aliquota Importo massimo riconosciuto in euro
FINO A 19.789,38 1,100% 217,68
DA 19.789,38 A 2.385,84 1,067% 281,54
DA 26.385,84 A 32.982,30 0,847% 279,36
DA 32.982,30 A 39.578,76 0,572% 226,39
DA 39.578,76 A 52.771,68 0,517% 272,83
DA 52.771,68 A 59.368,495 0,495% 293,87
OLTRE 59.368,14 0,440%
Fonte: Inpgi

Si procederà a scaglioni anche nel computo della rivalutazione (pure qui fino al cento per cento dell’1,1 per cento) delle pensioni di reversibilità, con percentuali via via in calando, a fronte di assegni più pesanti. Il meccanismo prevede che si parta da una pensione dello scomparso pari a 44.000 euro. Con 44.103 la perequazione assegnata al superstite sarà del 75 per cento; da 44 a 51.000 euro del 70 per cento; da 51 a 58.000 il 60 per cento; oltre il 58 il 44. Fermo restando che, secondo una regola varata con l’ultima riforma, la pensione di reversibilità subisce un abbattimento percentuale qualora il superstite abbia altri redditi.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


17 − sette =