INPGI, LA CAMERA CAMBIA ANCORA LE CARTE: SCENDE A QUATTRO MESI IL BLOCCO DEL COMMISSARIAMENTO

Sorpresa alla Camera. La maggioranza ha approvato con sostanziali modifiche l’emendamento sull’Inpgi. I mesi di sospensione del commissariamento dell’istituto scendono da sei a quattro: dunque niente commissario almeno fino al 31 ottobre 2019.

Restano 12 i mesi a disposizione per una nuova riforma delle prestazioni,

Viene poi introdotta a partire dal 2023 una copertura  come clausola per salvaguardare l’invarianza di gettito contributivo in caso di eventuale passaggio di lavoratori dall’Inps all’Inpgi per ampliamento della platea contributiva. Si tratta di 159 milioni nel 2023, 163 nel 2024, 167 nel 2025, 171 nel 2026, 175 nel 2027, 179 nel 2028, 183 nel 2029, 187 nel 2030 e 191 a decorrere dal 2031.

Su questa modifica è intervenuta la presidenza dell’istituto. “Con un intervento dell’ultimo minuto è stato nuovamente modificato, su richiesta del MEF, l’emendamento a favore dell’lnpgi creando incertezza e confusione. Infatti, se da una parte si dice che l’Istituto ha 12 mesi di tempo per approntare interventi che siano efficaci per la stabilità di medio-lungo periodo, dall’altra si sospende il possibile ricorso al commissariamento solo fino al 31 ottobre 2019. Come se fosse possibile per il Cda dell’Istituto, che non si è mai sottratto alle proprie responsabilità e continuerà a farlo, fare un lavoro serio in poco più di tre mesi. E ancora”, prosegue il documento dell’Inpgi, “da una parte si riconosce la validità della strada di ampliamento della platea degli iscritti, ma dall’altra si stanziano le risorse per attuarla solo a partire dal 2023. Non vorremmo che dietro queste evidenti contraddizioni ci sia un unico obiettivo: colpire i giornalisti e l’intero settore editoriale attraverso la figura di un commissario che tagli tutele e welfare di un’intera categoria e finisca per deprimere ancora di più il sistema dell’editoriaal quale l’Inpgi ha garantito un sostegno decisivo”.

Da registrare anche la protesta del Partito democratico. “E’ più forte di loro: in Commissione congiunta bilancio finanze governo e maggioranza mettono mani su previdenza dei giornalisti, ennesimo attacco nei confronti della stampa, colpita su ogni fronte: diritti, voce, risorse. Non finisce qui la battaglia”, scrive il deputato del Pd Filippo Sensi su twitter, in relazione ai lavori sul dl crescita. C’era un’intesa anche con la Lega per portare il commissariamento al 31 dicembre 2019. Con il blitz di oggi invece la maggioranza ha spostato il termine al 31 ottobre 2019. In questo modo, rilevano fonti dell’opposizione “mettono una seria ipoteca sulla tenuta delle casse di previdenza. Si fanno scudo della ragioneria generale, ma è evidente che non c’è – al netto dei proclami – la volontà politica di farlo”. Il Pd ha presentato un subemendamento per ripristinare la data convenuta ma è stato respinto.

“Per la Ragioneria è troppo rischioso andare fino a dicembre, se nel frattempo le cose non dovessero andare bene”. Lo ha detto il viceministro dell’Economia, Laura Castelli, durante i lavori delle Commissioni Finanze e Bilancio della Camera che stanno esaminando gli emendamenti al dl crescita. Il riferimento è al pacchetto di ritocchi presentato dai relatori in cui c’è una riformulazione della norma sull’Inpgi – approvata dalle Commissioni – che prevede la sospensione del commissariamento fino al 31 ottobre e non più fino a fine anno. “E’ un rischio – ha spiegato Castelli – che momentaneamente non ci sentiamo di correre” aggiungendo che “più tempo gli si dà e più il rischio esiste. Non riguarda solo la platea ma la tenuta della cassa”. Il viceministro ha osservato inoltre che sulla cassa previdenziale dei giornalisti “si dovrà ulteriormente intervenire”.

Le dichiarazioni di voto sulla fiducia al dl Crescita inizieranno venerdì 21 alle 14,15, mentre la chiama inizierà alle 15,41. A riferirlo in Aula alla Camera la presidente di turno Maria Edera Spadoni. Dopo il voto di fiducia, si procederà con gli ordini del giorno, le dichiarazioni di voto e il voto finale sul provvedimento, che passerà all’esame del Senato e che deve essere convertito in legge entro il 29 giugno.

5 Commenti "INPGI, LA CAMERA CAMBIA ANCORA LE CARTE: SCENDE A QUATTRO MESI IL BLOCCO DEL COMMISSARIAMENTO"

  1. Due domande: in cosa è consistita la protesta del Pd? Altri hanno protestato?

  2. Giuseppe Cipriani | 20 Giugno 2019 ore 21:22 | Rispondi

    Mi confermo in quel che pensavo. Un governo di dilettanti allo sbaraglio che piglia e spaccia lucciole per lanterne sulla nostra pelle… Facile prevedere un commissario appena sarà loro possibile (novembre) essendo impossibile all’Inpgi, dopo questa farsa da operetta, prendere provvedimenti (e magari è una fortuna per noi che in pensione dovremmo andarvi a breve). Da sperare, a questo punto, un rapido trasloco in Inps con quota 100 anche per noi… Vedremo cosa sortirà dal cilindro di chi tanto ha promesso e poco ha mantenuto.

  3. Mario De Scalzi | 21 Giugno 2019 ore 7:53 | Rispondi

    Io credo che l’anticipo dell’ipotesi commissariale – perchè di questo si tratta- sia un chiaro invito alle dimissioni dei responsabili della fallimentare gestione dell’istituto: FNSI e FIEG. Ma che -soprattutto la FNSI- non hanno la minima intenzione di passare la mano. E si capisce il perchè , visto che ormai è stato compiuto un vero e proprio delitto sociale -il massacro del popolo dei pensionati presenti e futuri- senza che nessuno sia stato processato o condannato , che senso ha ammetterlo implicitamente di fronte alla platea dei propri elettori?

  4. I grillini e soprattutto Crimi sono i Pol Pot dei giornalisti. Vogliono il nostro sterminio, e il loro crollo alle europee ha aumentato il loro odio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


uno × tre =