INPGI, TRE PASSI NELLA REALTÀ. LA ROAD MAP PER LA SOPRAVVIVENZA DELL’ENTE

di Carlo Chianura

Portavoce di Puntoeacapo

L’Inpgi è chiamato a decidere sulla propria sopravvivenza. Sarebbe un errore dimenticare che la strada che abbiamo davanti è stretta, poiché il Decreto Crescita chiede a noi che non abbiamo potestà legislativa di aumentare le entrate e ridurre le uscite.

La decisione è che lavori a questo tentativo di salvataggio il Cda, vale a dire il massimo organo rappresentativo dell’istituto. Ma dovrà essere sostanziale e tempestivo il coinvolgimento del consiglio generale. In ogni caso il mio gruppo darà il suo contributo di proposte e di idee. Di certo non ci faremo portavoce né complici di provvedimenti che colpiscano diritti acquisiti e pezzi del nostro welfare.

Cerco di mettere in ordine alcuni fatti che ci riguardano.

Il primo riguarda l’emendamento che prescrive una nuova riforma. Si tratta di una norma di legge e stabilisce, per la prima volta dal 1994, che una cassa professionale privatizzata si aprirà a una categoria non iscritta al nostro Ordine, vale a dire i comunicatori. Lo Stato si impegna a versare dal 2023 all’Inps i contributi che perderebbe con l’ingresso dei comunicatori nell’Inpgi. Ergo, se la legge nel frattempo non cambierà, la strada è già segnata e almeno per il momento non si prevede in alternativa un nostro ingresso nell’Inps.

Casomai bisogna auspicare che la politica corregga in meglio l’emendamento e anticipi questo travaso. Anche ammesso che ciò accada, avremmo risolto i nostri problemi?

Entriamo nella seconda parte del ragionamento. No, nessuno oggi può dire con certezza che risolveremmo con una norma di tal fatta i problemi del nostro ente previdenziale, anche se va ricordato che l’attuario pensa il contrario, cioé che questo ingresso sarebbe risolutivo. In ogni caso, è evidente che i nostri problemi strutturali potrebbero essere risolti solo in caso di ripartenza del mercato del lavoro. A questo sono chiamati le parti sociali e il governo, pure presenti nel Cda dell’istituto, e in generale il nostro sistema industriale. E comunque solo in caso di fallimento di questa manovra sarebbe all’ordine del giorno un ingresso nell’Inps.

Il terzo fatto che mi preme sottolineare riguarda il futuro immediato e a medio termine della previdenza di tutti noi. E’ fondamentale che l’istituto tranquillizzi i propri iscritti sulla garanzia delle prestazioni: pagamento delle pensioni, delle indennità di disoccupazione, degli ammortizzatori sociali, delle prestazioni facoltative. Il nostro patrimonio, pur penalizzato pesantemente dalla crisi, supera il miliardo e mezzo complessivo e garantisce la solvibilità dell’istituto almeno fino al 2023. Agitare dubbi e coltivare paure, oltre che sbagliato, è irresponsabile e non porta dividendi.

Sintesi dell’intervento in Cda e durante la conferenza stampa sulle misure dell’istituto dopo il Decreto Crescita

A questo link di Radio Radicale la conferenza stampa del 18 luglio 2019.

7 Commenti "INPGI, TRE PASSI NELLA REALTÀ. LA ROAD MAP PER LA SOPRAVVIVENZA DELL’ENTE"

  1. Giuseppe Cipriani | 19 Luglio 2019 ore 6:52 | Rispondi

    In parole povere: solvibilità dell’Istituto fino al 2023 e poi ingresso dei “comunicatori” per me significherebbe che si può andare avanti senza altre manovre penalizzanti… Ma saranno capaci i nostri eroi di resistere alla tentazione e mettere cosi il governo (quello che ci sarà, visto che questo non dà troppe garanzie) nella necessità/dovere di compiere atti politici pro domo nostra? Magari anticipando l’allargamento della platea? Se invece produrremo requisiti per la pensione addirittura peggiorativi di quelli Inps, beh allora qualche bella responsabilità riguarderà tutti.
    Mi chiedo e vi chiedo infine anche come mai a noi non spetti quota 100, non siamo sostitutivi dell’ago in tutto e per tutto?

    • Rispondiamo relativamente alla tua domanda finale: Quota 100 è applicabile ai lavoratori che hanno accumulato contributi presso l’Inps e le sue varie gestioni. Essendo l’istituto autonomo, non è obbligato ad applicare questo istituto, introdotto come è noto a livello sperimentale per tre anni dal governo.

  2. stefania conti | 19 Luglio 2019 ore 18:30 | Rispondi

    bravo carlo

  3. Giuseppe Cipriani | 20 Luglio 2019 ore 7:27 | Rispondi

    Faccio una domanda diretta e gradirei una risposta onesta. Premesso che per quanto riguarda le possibilità di taglio delle spese l’Inpgi ha solo due vie, ovvero il taglio dei costi del personale e dei componenti del consiglio di amministrazione e la riduzione dell’esborso per le pensioni in essere e di quelle future, e considerato che i diritti acquisiti saranno difesi con i denti, non resta che una ulteriore manovra lacrime e sangue contro i diritti non ancora acquisiti. Ecco la domanda. C’è qualcuno qui (Chianura?) che si sente di escludere che sarà questa la via? E se non sarà questa, come spero, cosa presenteremo al governo se non ridicoli risparmi di spesa ininfluenti? Per me non ce la raccontiamo giusta e i 12 mesi prossimi vedrete che ci sarà il rischio grosso di ritrovarci senza più la pensione di anzianità…

    • Risponde Carlo Chianura.
      Gentile Cipriani,
      posso naturalmente rispondere per me e per il mio gruppo. Hai ragione quando affermi che i margini di manovra sono ridottissimi, a meno di non toccare diritti acquisiti e peggiorare il trattamento riservato a chi versa all’Inps. Detto che io mi opporrei e voterei contro, credo che – volendo guardare il bicchiere mezzo pieno – l’aspetto positivo della questione sta nell’approvazione di una norma di legge che prevede l’allargamento della base previdenziale a partire dal 2023. Bisogna lavorare per avvicinare quel termine.

  4. Caro Carlo, come sai i pensionati hanno già versato il loro tributo di lacrime e sangue in tre diverse occasioni, facendo “risparmiare” l’Istituto oltre 30 milioni di euro con il blocco della perequazione da oltre 9 anni. Cioè la loro pensione non ha avuto alcun aumento, neppure dell’indice Istat, per nove anni!!! Ma c’è di più, purtroppo: i pensionati, circa 9000, hanno già avuto due tagli, uno per effetto della legge Letta sulle pensioni oltre 91.250 euro lordi l’anno (gennaio 2014-2016) dal 1 marzo 2017 con scadenza a fine febbraio 2020, l’altro voluto dal Cda dell’INPGI, credo anche col tuo voto, ma smentiscimi pure se sbaglio, che ha imposto un taglio sui trattamenti di quiescenza a partire da 38mila euro l’anno. Insomma il salasso ai pensionati è già stato fatto. Vogliamo penalizzare anche i futuri pensionati? Perché invece non fai una seria disamina delle operazioni finanziarie dell’era Camporese con la società Investire Sgr, che ha la gestione del patrimonio immobiliare, fumosa quanto fallimentare. Perché non chiedi una relazione dettagliata sulle vendite degli appartamenti a prezzi fuori mercato, fallita, così come gli appartamenti sfitti che aumentano di mese in mese a causa del prezzo delle locazioni troppo alto? Perché non chiedi un intervento delle autorità competenti, anche interne all’Istituto, come il collegio dei sindaci, affinché si possa fare chiarezza sulle spese di gestione dell’Istituto, delle consulenze ad avvocati esterni, a commercialisti, ad operatori finanziari, architetti, ecc…? Carlo come voterai e cosa dirai nel tuo intervento in merito a tutto ciò?

    • Risponde Carlo Chianura.
      Gentile Fabrizio, hai perfettamente ragione sul fatto che l’Inpgi ha potuto e può fare cassa sulle pensioni. Anche se non va dimenticato per onestà intellettuale che le condizioni e il calcolo degli assegni sono stati per decenni più favorevoli per i giornalisti rispetto al sistema generale. Certo non voterò provvedimenti che considero contra legem.
      Per quanto riguarda i tuoi suggerimenti, ti ringrazio e ti posso garantire che i nostri sindaci sono molto attenti sugli elementi che tu sottolinei e che comunque possono essere oggetto di ulteriori approfondimenti.
      Continua a seguirci.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


20 + 10 =