INPGI, SUI RISCHI DI OCCUPAZIONE DELLE CASE LE NON RISPOSTE DELLA PRESIDENTE

 

E’ rimasta senza risposta la lettera che Carlo Chianura e Paola Cascella, consiglieri di amministrazione Inpgi che fanno capo a Inpgi Futuro (il gruppo sostenuto da Puntoeacapo), hanno inviato alla presidente dell’Inpgi Marina Macelloni.

La lettera riguardava l’emergenza delle occupazioni abusive degli alloggi sfitti e Cascella e Chianura esprimevano le loro preoccupazioni per gli immobili dell’istituto vuoti e in particolare per lo stabile di Largo Loria a Roma e chiedevano a Macelloni “quali tempestivi provvedimenti intenda porre in atto l’Inpgi per mettere in sicurezza i propri immobili vuoti”.

In assenza di risposte, Alessandra Spitz, membro del comitato consultivo di controllo della Sgr “Giovanni Amendola” e dell’esecutivo di Puntoeacapo, ha rivolto direttamente le stesse domande di Chianura e Cascella ai vertici Inpgi e di InvestiRe in occasione della riunione del comitato del 7 settembre.

La risposta è stata che a Largo Loria a Roma è stato attivato un rigoroso servizio di sorveglianza per evitare occupazioni abusive, considerato anche che pochi mesi fa si è verificato un tentativo di occupazione, sventato dall’intervento della polizia. Nel corso del tentativo è stato anche ferito un agente di polizia che è dovuto ricorrere a cure ospedaliere.

Si tratta con tutta evidenza di una non-risposta, in quanto il servizio di vigilanza era già attivo al momento dell’assalto dello scorso gennaio. Un servizio che non ha scoraggiato i potenziali occupanti.

Per Largo Loria è stato approvato nei mesi scorsi dal comitato Inpgi un progetto di ristrutturazione che prevede la riconversione dello stabile in appartamenti residenziali da vendere sul mercato.

Resta invece senza risposta il quesito dei due consiglieri a proposito dei circa 300 appartamenti sfitti in varie zone di Roma, ma anche in altre città italiane, che rischiano di scatenare appetiti di organizzazioni dedite alle occupazioni abusive. Sembra forse più comodo, in questa fase, mettere la testa sotto la sabbia.

 

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


undici + 14 =