INPGI, IL SENSO DI STAMPA DEMOCRATICA PER LA DEMOCRAZIA E LA CADUTA DI STILE DI CAMPORESE

In una breve nota diramata tramite Puntoeacapo e poi rilanciata su FB, avevamo scritto che in queste elezioni dell’INPGI  “la grande sacrificata sembra essere la democrazia, non ché le intenzioni anche singole più generose e spontanee”.

Sottolineavamo che ciò accade quando “più che ricercare un vero cambamento, cioé rinnovare l’INPGI, si cerca di consolidare l’egemonia” (il che vale anche per il sindacato).

Oggi, purtroppo, abbiamo avuto la conferma di ciò che dicevamo: in una riunione di Stampa democratica – la componente cui noi, seppure respinti, continuiamo ad appartenere moralmente – il presidente dell’Associazione Lombarda dei giornalisti ha affermato che l’obiettivo della grande coalizione per gli attivi ( Stampa democratica/Nuova Informazione/Impegno Sindacale/Quarto Potere) punta ad avere dodici consiglieri sui  dodici da eleggere.
Impudenti. 

Lo Statuto Inpgi prevede, per tutte le categorie, che 1/3 dei posti sia riservato alle minoranze. Ebbene per il Presidente della Lombarda e alleati, ciò è irrilevante. Molto semplice: con una distribuzione scientifica delle preferenze, non è impossibile raggiungere l’en plein. Coerentemente, il  presidente Alg afferma infatti che le minoranze sono ininfluenti (inesistenti?).

L’Inpgi è una cassaforte nel senso che lì confluiscono circa 450 milioni di euro l’anno per contributi mentre il valore del patrimonio immobiliare è stimato in circa 700 milioni di euro (dati 2010). Senza contare i valori mobiliari.

Come non sentirsi attratti – se in maggioranza – dalla possibilità di gestire questo Ente indipendente?

Noi riteniamo che gli Enti di categoria, la nostra, dovrebbero essere asettici, impermeabili alla appartenenze.I colleghi dovrebbero votare in libertà i colleghi che stimano di più, anche in termini di competenze.

Non sarà così. I meccanismi del sindacato, dello scambio, delle alleanze e controalleanze sono infinitamentepiù allettanti. Un esempio?

Il Presidente dell’Inpgi dovrebbe essere Presidente sopra le parti. Però a Milano è scivolato male male: ha partecipato infatti a una riunione dove la maggioranza la faceva da padrone tanto che nella saletta del Circolo della Stampa erano presenti solo candidati e strettissimi supporters della maggioranza regionale e nazionale.

Peccato. Perché il presidente Camporese ha lavorato bene, ha certamente un riferimento sindacal-politico  e però ha fatto l’interesse dell’Istituto. Doveva riuscire ad essere particolarmente “neutro” in campagna elettorale. Forse si è distratto.

C’è nelle sale un film interessante sulla signora  Margareth Thatcher, la “Signora di ferro”, prima donna ad essere Premier inglese. Le viene attribuito questa affermazione:  gli uomini devono lavorare non per diventare imprtanti ma per fare cose importanti. E’ un monito per tutti noi.

Maurizio Andriolo, Toni Mirabile, Mariagrazia Molinari

Candidati alle elezioni Inpgi per Inpgi Futuro

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


9 + 13 =