INPGI, PIU’ DONNE IN LISTA. UN’OCCASIONE PER STABILIRE LA GIUSTA RAPPRESENTANZA

di Cinzia Romano *

Il tema della rappresenza paritaria di uomini e donne nella vita politica e istituzionale, nei vertici aziendali e in ogni luogo dove si decide per tutti e anche per noi, è al centro del dibattito e della battaglia di molti movimenti di donne.

Giusto lamentare la scarsa presenza nelle istituzioni , nei partiti,  denunciare come la giunta comunale di Roma e di Viterbo siano sotto accusa dai Tar o quella della Regione Lombardia del Consiglio di Stato. Ma è ora di dare una sguardo anche a ciò che ci appartiene e mi riferisco agli organismi rappresentativi dei giornalisti. Fra meno di un mese (dal 27 febbraio) si voterà per eleggere il nuovo Consiglio generale e i sindaci dell’Istituto nazionale di previdenza dei giornalisti (INPGI) e del Comitato amministratore e sindaci della gestione separata (Inpgi 2). Alcune riflessioni mi sembrano importanti e non eludibili.

Intanto la fotografia dell’esistente. L’Inpgi è guidato da un vertice tutto maschile (Presidente e due vice presidenti); in cda le donne sono il 18,7% (3 su 16); nei sindaci il 28% (2 su 7); in consiglio generale il 13,4% (9  su 67). Nella Gestione separata sono invece il 44% (4 su 9 ). I 20 fiduciari (rappresentano l’Istituto nelle 20 regioni) sono TUTTI uomini. Nel sindacato, la FNSI,  la musica non cambia: Presidente, Segretario e Segretario aggiunto sono maschi.

In Giunta rappresentanza femminile al 18,7%  (3 su 16) ; in consiglio nazionale  il 18,8% (22 su 117); Probiviri 12% (6 su 50); Revisori dei conti 14,2% (1 su 7). Vertice rigorosamente maschile anche per la Casagit (la nostra cassa integrativa sanitaria) con Presidente e vice; in Cda una sola donna su 12 membri, quindi rappresentanza dell’8,33%; zero donne tra i sindaci; 6 su 20 tra i fiduciari (30%).Nel Fondo complementare di previdenza , una donna alla Presidenza ma rappresentanza femminile sempre bassissima, al 16,6% (2 su 12) e zero presenza tra i sindaci.

Stessa musica per l’Ordine nazionale dei giornalisti, Presidente, vicepresidenti, segretario e  tesoriere maschi. Le donne nell’esecutivo sono il 22,2% (2 su 9), zero nei revisori dei conti ; 14% nel consiglio nazionale  (21 su 150).
Un quadro, ammetterete, sconfortante! Peggio anche del Parlamento, per una categoria che denuncia  cio’ che non va nelle altre Istituzione, anche per quel che riguarda la presenza di genere.

Dal 27 febbraio si voterà per eleggere il nuovo consiglio generale e i sindaci (voteranno i colleghi con contratto  e i pensionati) dell’Inpgi e il Comitato amministratore e sindaci della gestione separata (voteranno i colleghi libero professionisti o che lo sono stati o che, pensionati, continuano a lavorare).

A differenza che nel passato, stavolta nelle grandi città come Roma e Milano, e nel voto nazionale (pensionati, sindaci, gestione separata) molte donne si sono candidate. Molte, per formazione sindacale ed esperienza negli enti vengono appoggiate da schieramenti in competizione fra loro. Quindi non voglio fare un generico appello al voto femminile, visto che molte si troveranno – evviva! – anche a competere tra loro!

Voglio invece invitare tutte le colleghe (siamo ormai la metà delle iscritte) a partecipare al voto, a rinunciare alla delega fin qui consegnata soprattutto agli uomini che, non sempre l ’hanno esercitata in nome di tutte e tutti, occupando ogni posto lasciato libero, anche per la nostra pigrizia e disinteresse.

Se davvero crediamo nella presenza delle donne nelle  Istituzioni, non dobbiamo rinunciare al nostro diritto al  voto. Le liste di Inpgi Futuro rispecchiano questo regola di democrazia paritaria e di civiltà. E per quel che riguarda Puntoeacapo, la storia e la rappresentanza che la componente ha sempre avuto negli organismi di categoria, potrebbero indicare un lieve squilibrio a danno degli uomini.

Per cambiare pagina anche rispetto alla rappresentanza è importante votare le donne e gli uomini  che possano rappresentarci al meglio. Quattro anni fa, votarono circa il 22 % per l’Inpgi e il 16% per l’Inpgi 2.

Stavolta non rinunciamo al voto, (cerchiamo la nostra password che ci permetterà di votare per via telematica!). Non rinunciamo ad essere, insieme, donne e uomini a garantire il futuro dell’Inpgi!

* Candidata di Inpgi Futuro nelle liste del Comitato amministratore Inpgi 2

 

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


due × 4 =