FERIE FORZATE, ILLEGITTIMA LA DECISIONE DELLA  RAI.  UNA SENTENZA DEL TRIBUNALE DEL LAVORO  DI BARI CHE PUO’ INTERESSARE I GIORNALISTI COINVOLTI NEGLI STATI DI CRISI

La Rai e’ stata condannata dal giudice del lavoro del Tribunale di Bari a riammettere immediatamente in servizio, con le stesse mansioni svolte in precedenza,  un proprio giornalista che era stato forzatamente messo in ferie, in vista del suo pensionamento.

La decisione del tribunale di Bari e’ importante perché riguarda la questione delle ferie arretrate e della decisione unilaterale dell’azienda di obbligare il giornalista a smaltirle tutte in una unica soluzione. Il giudice sottolinea che la Rai e l’associazione sindacale di categoria hanno siglato un accordo per l’individuazione delle modalità con cui procedere allo smaltimento delle ferie e dei riposi arretrati, accordo in cui le parti concordarono anche una sorta di “graduazione” dello smaltimento.

“Ciò significa che, sulla base di tale accordo, il datore di lavoro – secondo il giudice- può legittimamente pretendere che il lavoratore fruisca delle ferie arretrate entro la percentuale prevista, ponendolo forzatamente in ferie qualora il dipendente non appronti la dovuta pianificazione. Di riflesso, è  pero’ da escludere che l’accordo attribuisca all’azienda il potere di collocare in ferie il lavoratore in misura superiore alla percentuale prefissata”. Una sentenza che può interessare centinaia di giornalisti coinvolti in stati di crisi e in via di uscita dalle rispettive aziende.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


diciannove − cinque =