FNSI SENZA PACE: FUMATA NERA PER IL NUOVO PRESIDENTE. LA FOTOGRAFIA DI UN SINDACATO AGONIZZANTE

di Alessandra Spitz *

Non c’è più pace nella Fnsi: la successione allo scomparso (e compianto) Santo Della Volpe ha innescato nel gruppone di maggioranza del sindacato una clamorosa spaccatura sulla indicazione del nuovo presidente della Federazione.

Una spaccatura che si è tradotta nella pantomima di un Consiglio nazionale che si è riunito inutilmente – visto che è stato fatto mancare il numero legale necessario alla assemblea per deliberare – e che ha lasciato un quadro desolante dello stato di salute del sindacato unico dei giornalisti.

Ma come si è arrivati a questa situazione? Questa estate, poche settimane dopo la scomparsa di Della Volpe, comincia ad emergere la candidatura di Giuseppe Giulietti – storico segretario dell’Usigrai e poi deputato per cinque legislature – come soluzione di prestigio e di garanzia. Contemporaneamente, però, la corrente di “Informazione@Futuro” lancia la candidatura di Paolo Butturini, ex segretario della Associazione stampa romana.
Di fronte a quello che comincia a profilarsi come un braccio di ferro, viene chiesto a Butturini di ritirare la propria candidatura per non spaccare la maggioranza emersa al congresso di Chianciano. Butturini risponde che sarebbe disponibile a ritirare la propria candidatura ma chiede di confrontarsi con Giulietti per “comporre il dissidio”. Lo schieramento che sostiene Giulietti, a questo punto, decide di andare avanti perchè non intende “sottostare agli aut-aut della minoranza”.
Si arriva così a poche ore dalla riunione del Consiglio nazionale. Nel corso della nottata i due schieramenti vanno al muro contro muro che risulta così devastante e sterile che si decide di uscire dall’impasse con una sorta di Aventino, pare dei sostenitori di Giulietti, che fanno mancare il numero legale. In modo da evitare l’elezione risicata di un presidente che vorrebbe e si vorrebbe al di sopra delle varie componenti, pur essendo espresso a maggioranza dalle piccole associazioni stampa e dall’Usigrai.
A questo punto, Giuseppe Giulietti ha ritirato la propria disponibilità e nessuno sa quale sbocco avrà la vicenda. La riunione è stata rinviata a fine mese.
Le uniche certezze sono, a nostro avviso, due: la nuova caduta di credibilità di un sindacato che da diversi anni non ha più la fiducia della maggioranza dei giornalisti e, ultimo ma non ultimo, i soldi buttati al vento per organizzare un Consiglio nazionale che è riuscito a certificare solo un fallimento.

 

* Esecutivo di Puntoeacapo

 

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


tre × uno =