INPGI, REPORT DEL FONDO: CALANO LE CASE SFITTE. CONFERMATA VALIDITA’ DELLE PROPOSTE DI PUNTOEACAPO

Una migliore e più attiva strategia di gestione del patrimonio immobiliare dell’Inpgi ha permesso, nonostante la crisi economica, di ottenere significativi risultati nel calo del numero degli immobili che rimangono sfitti.

E’ quanto emerge dal report delle attività della SGR del fondo immobiliare ‘Giovanni Amendolà, che l’Istituto ha costituito non solo per motivi fiscali e di bilancio ma anche per conseguire una gestione più dinamica e redditizia dell’enorme patrimonio immobiliare dell’Istitituto che sfiora , in valore, il miliardo di euro.
Negli anni passati , la gestione diretta da parte dell’Inpgi aveva fatto emergere molte criticità sfociate soprattutto in un alto tasso di immobili sfitti, unito anche ad un notevole tasso di morosità.
Più volte Puntoeacapo aveva sollecitato una politica più dinamica nel settore volta ad adeguarsi alle richieste del mercato, sia in termini di taglio degli appartamenti e della loro gestione, sia con contratti più contenuti in cambio di ristrutturazioni a carico del locatario. Nella penultima riunione della commissione Alloggi, tra l’altro, la vicepresidente Stefania Conti ha fatto notare come a fronte del cambio di politica dell’istituto sugli affitti degli immobili rimasti nella gestione Inpgi, si registravano significativi ritardi in questa direzione da parte del Fondo Giovanni Amendola.

Il Fondo – che per ora ha in gestione solo una parte degli immobili dell’Inpgi – ha in seguito modificato le politiche di affitto, ottenendo risultati decisamente incoraggianti.

Infatti, a partire dallo scorso maggio, il trend negativo del tasso di sfittanza non solo si è interrotto ma ha subito un drastico calo: dopo un picco di 110 immobili sfitti segnato ad aprile, a maggio gli immobili non locati erano scesi a poco più di 90 .
Questi risultati – sottolinea il report – sono stati raggiunti con una attività commerciale molto intensa che si è incentrata su diversi fattori:

  1. una massiccia campagna pubblicitaria su vari veicoli ;
  2. un elevato numero di unità immobiliari messe in commercializzazione (solo nel mese di marzo 49 unità andate in bando);
  3. la revisione al ribasso di alcuni canoni, allineandoli a quanto previsto dal business plan 2015;
  4. evoluzione del portale ‘affittofacile.com’ con nuove funzioni, tra cui la geolocalizzazione, pagina Facebook dedicata e servizio virtual tour delle unità ristrutturate sul canale Youtube;
  5. avvio di diversi interventi di manutenzione straordinaria sulle parti comuni dei fabbricati;
  6. frazionamento di unità di eccessive dimensioni rispetto alla domanda del mercato;
  7. proposta di alcune unità arredate che ha consentito di intercettare una differente area di mercato finora inesplorata.

Le iniziative nuove non si fermano qui: pur rimanendo nei limiti del budget, il Fondo intende proseguire con lo scopo di incrementare il numero di nuovi contratti e di diminuire il numero dei recessi.
Tali progetti prevedono di offrire agli inquilini dei nuovi servizi come assistenza medica e paramedica a domicilio, con presidi ambulatoriali nelle zone a maggiore densità di inquilini;  sistemi centralizzati di TV-Sat a fibra ottica; sistema di illuminazione a Led nelle parti comuni; sistema di contabilizzazione di ogni forma di energia; rinnovamenti degli impianti condominiali per una maggiore efficienza ed una minore spesa.
Si dimostra così che valorizzando e gestendo in modo flessibile il patrimonio immobiliare, superando le inerzie del passato, i risultati si cominciano a realizzare.

(a.s.)

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


20 + 2 =