INPGI, IL DISASTRO DI UNA STAGIONE DI CRISI NEI BILANCI 2015 E 2016

di Alessandra Spitz *

Per l’ Inpgi, purtroppo, le cattive notizie sono sempre in agguato e, ancora una volta, arrivano dai numeri del bilancio. Che vanno sempre peggio, proprio come aveva previsto Puntoeacapo quando negli anni scorsi ha sollecitato più volte la dirigenza dell’Istituto ad intervenire con rapidità per correggere una tendenza che, altrimenti, rischierebbe di trascinare l’Inpgi nel baratro.

E la dimostrazione che Puntoeacapo aveva ed ha pienamente ragione la forniscono i dati del bilancio di assestamento del 2015, un anno su cui la manovra decisa lo scorso luglio dal Cda – ed ancora in attesa del via libera dei Ministeri vigilanti – non ha ovviamente alcuna influenza.
Giusta dunque la decisione di Carlo Chianura, consigliere di amministrazione di Inpgi Futuro, di confermare l’astensione sia sull’assestamento 2015 che sul bilancio preventivo 2016. Sono stata impossibilitata a partecipare alla riunione della commissione Bilancio di lunedì scorso, ma avrei espresso anche io lo stesso voto.

L’assestamento 2015 evidenzia che, nonostante le previsioni già pessimistiche del bilancio preventivo, i fondamentali dell’Istituto peggiorano ancora. La gestione previdenziale, infatti, ha registrato minori ricavi del previsto e maggiori spese rispetto a quanto preventivato con il risultato che da un deficit previsto di circa 91 milioni di euro il bilancio negativo si è invece assestato a 106,5 milioni di euro.
Il risultato economico complessivo è fortunatamente migliore del previsto di circa 10 milioni di euro (si indica un avanzo di circa 22 milioni di euro) ma solo grazie all’effetto dei maggiori guadagni realizzati dalla gestione patrimoniale ed in particolare di quella mobiliare. Ma si tratta di un exploit eccezionale che non è certo ripetibile negli anni seguenti.
In ogni modo, per capire la preoccupante situazione dei numeri fondamentali dell’Inpgi basta esaminare l’andamento negativo della gestione previdenziale negli ultimi cinque anni:

 

I BILANCI INPGI DEGLI ULTIMI ANNI (dati in milioni di euro)

2011              2012               2013              2014             2015

 
                         Consuntivo     Consuntivo       Consuntivo       Consuntivo      Assestamento
                          – 1,303            – 7,391             – 51,649            – 81,620              – 106,471
 

       
Un andamento che è conseguenza del crescente e continuo ricorso agli ammortizzatori sociali da parte delle aziende editoriali (prepensionamenti, dimissioni incentivate, contratti di solidarietà e cassa integrazione), determinando anche nel 2015 una contrazione delle entrate contributive.
Solo nel primo semestre dell’anno, va sottolineato, i rapporti di lavoro sono diminuiti di circa 900 unità che si vanno ad aggiungere alle migliaia persi negli anni precedenti.
Il resto del bilancio, rispetto a questo trend della gestione previdenziale, risulta quasi ininfluente, anche se va segnalata l’assenza di una seria spending review nei costi di mantenimento e gestione complessivi dell’ Istituto. Che dire ad esempio dei circa 500.000 euro che si continuano a spendere ogni anno alla voce “Manutenzione e assistenza tecniche e informatiche”: poca cosa rispetto alla voragine dei conti, molto in termini simbolici, considerando il crollo dei costi delle apparecchiature informatiche e il livello a volte antidiluviano della dotazione hardware e software dell’istituto.

Come non sono stati tagliati due milioni e mezzo di euro (soldi di tutti i giornalisti) che l’Inpgi versa ad un sindacato cui ormai  aderisce solo una ristretta minoranza di colleghi.
Di fronte a questo quadro, è stata approvata una riforma delle prestazioni cui Inpgi Futuro, la lista sostenuta da Puntoeacapo, ha dato un contributo non insignificante. Una riforma necessaria, considerando la drammaticità della situazione, i cui effetti i sentono a livello di segnali prospettivi per i prossimi anni. Speriamo che non sia troppo poco, rispetto a una situazione che è stata compromessa dalle scelte scellerate delle parti sociali negli ultimi sei anni.
In compenso, la maggioranza del Cda dell’ Istituto (che coincide con la maggioranza della Fnsi) ha ritenuto di legare una riforma necessaria ed urgente a un prelievo sulle pensioni in essere, un prelievo che l’Inpgi per statuto non può adottare e che è a forte rischio di incostituzionalità, tanto da aver determinato l’astensione del rappresentante del Ministero del Lavoro.
Una scelta, a nostro avviso, demagogica ed irresponsabile che rischia di compromettere l’adozione di quei correttivi necessari e urgenti. Se si parla di patto generazionale, bisognerebbe rispettarlo in modo serio e concreto e non mettendo a rischio quelle azioni che garantiscono le pensioni del futuro.
* Commissione Bilancio Inpgi, esecutivo di Puntoeacapo

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


16 − sette =