INPGI, CHIANURA: ISTITUTO INCUDINE DELLE PARTI SOCIALI. ECCO PERCHE’ MI ASTENGO

di Carlo Chianura*

Annuncio subito la mia astensione sia sul bilancio di assestamento 2015 che sul preventivo 2016.

Ha ragione il presidente Camporese: le attuali condizioni dell’Inpgi sono preoccupanti. Preoccupanti e drammatiche, aggiungo. Dovremmo intenderci sulle cause di questa situazione, ma qui ripeterei una analisi antica: l’Inpgi è stato incudine perché si è consentito alle parti sociali di essere martello, imponendo scelte abusive che hanno portato la situazione economico-finanziaria dell’istituto ai risultati che abbiamo sotto gli occhi. Nel silenzio dei più.
Se posso parafrasare lo slogan di uno spot: i posti di lavoro vanno difesi, non rimpianti. Non sono stati difesi, presidente, non vorrei che ci limitassimo a rimpiangerli.
Come forse il Consiglio ricorderà, mi sono astenuto sia sul preventivo che sul consuntivo 2015. Oggi scopriamo addirittura che i conti sono peggiori delle previsioni: meno 7 milioni di ricavi, più 8,5 milioni di costi per quanto riguarda la sola spesa previdenziale. E questo fa salire il rosso dai 90,7 milioni previsti ai definitivi 106,5. Con un rapporto tra prestazioni ed entrate che ha addirittura sfondato quota 133 per cento. Un massacro.
Devo dire che i segnali prospettici contenuti nel bilancio di previsione 2016 sono meno negativi. E questo anche grazie alla riforma previdenziale cui il Consiglio ha lavorato con serietà e alla quale anche la mia parte crede di avere dato un contributo non insignificante.
Gli effetti della riforma sono indicati sia dalla relazione del presidente che da quella della direttrice generale. Tutti tranne che il prelievo forzoso sulle pensioni, forse per un soprassalto di pudore. Si prevede nella prospettiva del 2018 una crescita notevole delle entrate previdenziali totali e una riduzione del rapporto prestazioni/entrate a 115,85 per cento. Nel frattempo però siamo stati costretti a smobilizzare il patrimonio mobiliare perchè manca la liquidità necessaria a pagare le pensioni o l’anticipo della ex fissa agli editori. E l’effetto negativo lo vedremo nel 2016 con il calo drammatico dei proventi della gestione mobiliare dagli 85 milioni del 2015 a 29.
Sono segnali che ci indicano quello che pensiamo tutti, e cioé che la previdenza riparte se riparte il mercato del lavoro, ma conferma quello che solo alcuni dicono. E cioé che questa partita si gioca su altri tavoli rispetto all’Inpgi, quelli delle parti sociali, che dovrebbero da un lato far partire gli investimenti, dall’altro difendere i posti di lavoro esistenti, non attizzando pericolose guerre generazionali.
Ritengo doveroso accendere, dentro e fuori l’istituto, una luce su questa situazione. Ed è per questi motivi che confermo la mia astensione sui bilanci della gestione principale 2015-2016.

* Cda Inpgi per Inpgi Futuro, portavoce di Puntoeacapo

Sintesi dell’intervento al Consiglio di amministrazione dell’Inpgi nella discussione sul bilancio dell’istituto. Il bilancio è stato approvato con l’unica astensione di Chianura.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


cinque × 5 =