INPGI FUTURO, ASTENSIONE SUL BILANCIO: L’ISTITUTO SI LIBERI DALLE SCELTE ABUSIVE DELLE PARTI SOCIALI

“Da un deficit di un milione di euro a un rosso di 106 milioni in quattro anni. Basta questo andamento record negativo della gestione previdenziale dell’Istituto a spiegare perché i consiglieri di Inpgi Futuro hanno deciso oggi di astenersi nel voto sul consuntivo 2015 e sul preventivo 2016, come già avevano fatto da soli un anno fa in questa sede”. Comincia così il documento messo a verbale dell’odierno Consiglio generale Inpgi presentato dai consiglieri di Inpgi Futuro, la lista sostenuta da Puntoeacapo.
“L’Inpgi è entrato in crisi soprattutto perché si sono consentite alle parti sociali scelte abusive sugli stati di crisi, sulle pensioni di anzianità, sugli ammortizzatori sociali, che hanno portato la situazione economico-finanziaria dell’istituto ai risultati che abbiamo sotto gli occhi. Nel silenzio dei più.
“I segnali prospettici contenuti nel bilancio di previsione 2016 sono meno negativi. E questo anche grazie alla riforma previdenziale cui il Consiglio ha lavorato con serietà e alla quale anche la nostra parte crede di avere dato un contributo non insignificante.
“Gli effetti della riforma sono indicati sia dalla relazione del presidente che da quella della direttrice generale. Tutti, tranne il prelievo forzoso sulle pensioni, misura a nostro avviso, e non solo nostro, con profili di incostituzionalità.
“I bilanci di assestamento e preventivo non affrontano una seria revisione della spesa di molte voci, compresa quella dei compensi di alcuni amministratori come il presidente e come componenti del comitato amministratore di Inpgi 2 che possono arrivare a guadagnare in un anno più dei vicepresidenti.
“In definitiva, la previdenza riparte se riparte il mercato del lavoro, ma questi dati confermano quello che solo alcuni dicono. E cioè che la partita si gioca su altri tavoli rispetto all’Inpgi, quelli delle parti sociali, che dovrebbero da un lato far ripartire gli investimenti, dall’altro difendere i posti di lavoro esistenti, non attizzando pericolose guerre generazionali.
“Spetta infatti alle parti sociali attuare o sollecitare la politica su una serie di provvedimenti, dall’allargamento della base contributiva ai giornalisti non correttamente riconosciuti contrattualmente; dalla redistribuzione delle risorse pubblicitarie agli aiuti pubblici all’editoria, per arrivare a una seria rivalutazione dei carichi di welfare che gravano sul nostro istituto visto che il settore risente di epocali processi di trasformazione.
“Riteniamo doveroso accendere, dentro e fuori l’istituto, una luce su questa situazione. Ed è per questi motivi che confermiamo la nostra astensione sui bilanci della gestione principale 2015-2016”.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


11 − uno =