INPGI FUTURO, LE DOMANDE CHE HO FATTO IN CONSIGLIO GENERALE AI VERTICI DELL’ISTITUTO

di Luciano Borghesan*

In consiglio generale sui bilanci di assestamento 2015 e di previsione 2016 mi sono astenuto, con Inpgi Futuro e Puntoeacapo . Vorrei condividere con voi le riflessioni che ho esposto.

Il bilancio Inpgi per il 2015 potrà chiudersi come è noto con un attivo di 22 milioni grazie alla rivalutazione del patrimonio immobiliare costituito in un apposito Fondo, ma la gestione previdenziale è in passivo per 106 milioni di euro (aumentano i pensionati e prepensionati, calano i posti di lavoro e le retribuzioni).
Dapprima ho richiamato i punti programmatici del neosegretario della Fnsi Raffaele Lorusso, enunciati all’ultimo congresso di Chianciano (gennaio 2015):
“Bisogna ragionare diversamente – aveva esortato Lorusso -. Bisogna ragionare di Rai e di assetto del sistema radiotelevisivo, di riequilibrio del mercato pubblicitario, di provvidenze per l’editoria nel suo complesso, di riforma degli ammortizzatori sociali, di tutela del diritto d’autore, anche attrraverso la tassazione dei motori di ricerca, come avviene in altri paesi europei”.
Io condivido, ho sempre sostenuto questi intenti, ma dirli nel 2015 suona come il riconoscimento della colpa di chi nel sindacato non li ha perseguiti per tempo. Dopo aver invitato a unire le forze della  categoria (Inpgi, Ordine, Fnsi, Casagit), di Fieg e rappresentanti del governo (che siedono nel cda Inpgi), ho indicato le necessità di:

  1. allargare la base contributiva ai giornalisti non correttamente riconosciuti contrattualmente (uffici stampa, precari etc), ai Vespa-tv, ai talk show condotti giornalisticamente senza riconoscimento di contributi all’Inpgi.
  2. ridistribuire le risorse con la riforma dell’editoria (416 compresa): o con tetti pubblicitari sulle tv nazionali, oppure con contributi stabili recuperati dal canone Rai (tanto più se si va verso la tassa sulla fornitura di corrente elettrica) e dalle concessioni ai privati (Mediaset paga 9 milioni l’anno, Berlusconi deve dare 18 milioni, il doppio, all’ex moglie); si tratterebbe di investimenti volti a favorire anche la trasformazione multimediale e ad acquisire i giovani lettori (in Francia i 18enni possono scegliere, gratis, un abbonamento a un giornale).
  3. i diritti d’autore: internet è pieno di articoli e video realizzati da gruppi editoriali e da giornalisti, serve una tassazione in favore dei media che li producono. Mediaset ha raggiunto con Google un accordo milionario (500?), ma questo deve avvenire per tutti i diritti d’autore, ci vuole una legge.
  4. impegnare il Parlamento a rivedere i carichi di welfare sul nostro istituto visto che il settore risente di epocali processi di trasformazione, oltre alla crisi generale.

Infine, ho posto alcune domande al presidente dell’Inpgi, Andrea Camporese.

Presidente Camporese, che cosa farà in caso di rinvio a giudizio per la vicenda-Sopaf?
“Io – ha risposto Camporese – non ho ricevuto nessuna comunicazione su richieste di rinvio a giudizio, se ci sarà leggerò le motivazioni. Sono tranquillo perchè non ho fatto alcunchè di quanto uno mi accusa, secondo questi ci sarebbe un conto svizzero intestato ad altra persona, conto bancario che non ha nulla a che fare con me, così come i danari che sarebbero stati versati su tale conto che, secondo quanto mi fu comunicato dal pm, sarebbero provenuti  quattro anni fa dalla fantomatica vendita di un mio appartamento. Tale vendita, infatti, è avvenuta solo nelle scorse settimane”.
In caso di rinvio a giudizio, l’Inpgi si costituirà parte civile?
“Spetterà al cda decidere, non a me”. Qui sono intervenuti anche il vicepresidente Paolo Serventi Longhi e il consigliere del cda, Claudio Scarinzi, per esprimere piena solidarietà a Camporese e per respingere ipotesi di “parte civile”.
Aggiungo le domande poste per i “contributi di solidarietà” chiesti ai pensionati Inpgi. I pensionati di Torino contestando “il contributo disolidarietà”  hanno scritto al presidente Inpgi, il quale aveva promesso una risposta: c’è la risposta?
“Avevo promesso una risposta – ha spiegato Camporese -, ma non ho ritenuto di darla poichè dopo aver letto con più attenzione la lettera l’ho considerata offensiva”.
Ultima domanda: all’Inpgi c’è trasparenza? Le richieste riguardano gli atti del cda, i verbali e la riforma pensioni, anche sui 23 milioni pubblici dati a Lavitola per ‘L’Avanti”, io – come membro della Commissione Vigilanza – avevo chiesto di sapere quanti erano i contributi pagati all’Inpgi, ma mi è stato risposto che c’è la privacy.
“I verbali del cda sono secretati per legge”.

*Vicepresidente della Commissione Vigilanza dell’Inpgi, eletto con Inpgi Futuro

 

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


10 − 7 =