CASAGIT, ROSSO IN AGGUATO. PRONTA UNA MANOVRA EQUA E RESPONSABILE. CHE COSA CAMBIA

di Rossella Lama *

Novità in arrivo sul fronte Casagit. Già in occasione dell’assemblea di bilancio di maggio è risultato chiaro che delle decisioni andavano prese, e in tempi rapidi , perchè la crisi del nostro settore continua  a  pesare duramente sui conti della cassa.   Crescono le prestazioni, perché la nostra popolazione invecchia, e calano i contributi, perché gli stipendi  dimagriscono per via dei  blocchi di straordinari, festivi e contratti integrativi. Le nuove assunzioni sono pochissime e a bassissimo costo per gli editori.

La cosa preoccupante è che non si intravede nessuna inversione di tendenza, niente che faccia presagire la fine della stagione dei prepensionamenti di massa e l’avvio di una fase di ripresa.  E c’è anzi la prospettiva di un altro rinnovo di contratto ancora in perdita. Secondo stime egli uffici di Casagit  la dinamica prestazioni/contributi ci porterà, in assenza di correttivi ad un rosso che sfiorerebbe i 3 milioni di euro l’anno prossimo,   e che  continuerebbe a crescere  fino a mangiarsi nel 2020 quasi l’intero nostro patrimonio.  E’  possibile che questo scenario sia un po’ troppo pessimistico?  Siamo in attesa delle previsioni dell’attuario, ma dobbiamo essere realistici. Già quest’anno i conti di Casagit sono stati salvati dalla buona redditività del patrimonio investito, che ha permesso di limitare a le perdite a 757 mila euro, mentre lo sbilancio tra contributi e prestazioni ha sfiorato i 2 milioni di euro. E’ a questo dato, quello tra entrate e uscite nella nostra attività che dobbiamo guardare, solo un equilibrio su questo fronte ci permette di andare avanti con una Casagit in buona salute.
Per questo il prossimo consiglio di amministrazione di novembre, varerà una manovra correttiva dell’ordine di 4,3-4,5 milioni di euro. Le linee guida sono state tracciate in due giorni di serrato confronto tra  il vertice della Cassa e la struttura tecnica guidata dal direttore Matteoli.  E’ chiaro che tagliare è sempre difficile, che chiedere sacrifici non fa piacere a nessuno, ma quando la coperta diventa troppo corta non ci sono alternative. Per due giorni, e continuiamo a farlo ancora in vista della decisione finale del prossimo cda, abbiamo ragionato su come farlo, partendo dalla convinzione, e su questo siamo sempre  tutti d’accordo, che di fronte a problemi gravi di salute la Cassa non deve venir meno al suo ruolo di supporto al collega in difficoltà. E deve mettere in campo tutte le sue risorse per farlo. Il “senza badare a spese” non può però essere una regola che vale in ogni caso, per il semplice motivo che non possiamo più permettercelo. Non possiamo più permetterci per esempio gli enormi costi per fisioterapia.  Ben il 75% delle sedute che Casagit rimborsa riguarda la riabilitazione “lieve e funzionale”, in una dimensione spesso più di benessere che di esigenza di cura in senso stretto.  
La fisioterapia sarà uno dei campi sui quali si concentrerà la sforbiciata delle prestazioni, sempre salvaguardando integralmente, però le situazioni acute e gravi. Si va anche verso una franchigia sulla diagnostica, altra voce di spesa altissima sui conti Casagit,  e una riduzione della quota di rimborso dei farmaci di fascia C, oggi  rimborsati al 70%,  senza toccare  quelli  di fascia A, per i quali Casagit rimborsa il ticket per intero.  Molto probabilmente sarà introdotto un tetto al  rimborso per la procreazione assistita, e nel caso di ricoveri ospedalieri sarà eliminato il rimborso sulle imposte di bollo e sull’Iva . Niente cambierà invece per i cosiddetti “ ricoveri a pacchetto”,  quelli per i quali Casagit  ha preventivamente contrattato il costo con le cliniche , e  la cui spesa è ben controllata dalla Cassa. Sono alcuni dei punti della manovra che assumerà l’aspetto definitivo il 12 novembre, con il varo da parte del consiglio.  E che sarà  illustrata nei  dettagli nell’assemblea nazionale dei delegati di inizio dicembre. Vi terremo informati.

 * Cda Casagit, consiglio consultivo di Puntoeacapo

 

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


19 − 15 =