INPGI, CHIANURA: MANCE ELETTORALI INACCETTABILI, PERCHE HO VOTATO NO

di Carlo Chianura *

Come nei peggiori momenti della Prima Repubblica, oggi ho avuto modo di assistere nell’ultimo Cda Inpgi della consiliatura 2012-2016 alla elargizione di una serie di mance elettorali ad associazioni regionali della stampa e a organismi di base della Fnsi.

Ho votato contro, insieme alla consigliera di Inpgi Futuro Silvana Mazzocchi. La novità è che non siamo stati soli, perché su tutti i provvedimenti tranne due si è astenuto il rappresentante della Presidenza del Consiglio Mancinelli e in alcuni casi ha votato contro o si è astenuto il consigliere Roberto Carella. Dunque, la prima notizia è che non siamo rimasti da soli.

Dico poi che non l’ho fatto per insofferenza o pregiudizio verso il sindacato ma proprio per il motivo opposto: vorrei più sindacato, ma un sindacato di servizio, forte e conflittuale con gli imprenditori. E’ per questo motivo che come portavoce di Puntoeacapo ho promosso nella scorsa primavera l’iniziativa di Puntoeacapo Tutela, una realtà che opera in tre grandi città del Paese, che ascolta e difende i diritti dei giornalisti e che tanto seguito sta registrando. E non ho certo chiesto contributi all’Inpgi per le nostre iniziative, visto che per esempio la complessa presentazione del progetto di tutela è costata il nostro lavoro volontario e 20 euro in fotocopie.

Ho amici nelle associazioni a cui ho bocciato il contributo e mi chiedo perché si siano sottoposti a questa procedura umiliante. Il sindacato deve essere forte perché ha molti iscritti che pagano le quote e gli consentono di agire e lottare, non perché l’istituto di previdenza della categoria dà un contributo peloso. E’ il sindacato che vorrei.

Ho chiesto per quale motivo si continua a dire che anche questi circa 90mila euro elargiti alla vigilia delle elezioni sono soldi frutto di “liberalità” delle due banche tesoriere dell’istituto. Circostanza vera, ma con un avvertenza: questo denaro, anche se non va a bilancio, entra nello stato patrimoniale dell’istituto. E mi piacerebbe che fosse utilizzato diversamente, per esempio a favore dei disoccupati. Con “liberalità”.

Ho ricordato che anche in passato ho votato contro certe elargizioni. Poi però, non da solo, ho cercato di distinguere: e su un paio di iniziative di Stampa Romana, come per esempio la seconda edizione del premio Miriam Mafai, indimenticata presidente della Fnsi, ho votato a favore. Così come ho votato il finanziamento alla fondazione Paolo Murialdi per la storia del giornalismo, iniziativa che coinvolge Inpgi, Ordine dei giornalisti, Fnsi e Casagit. O per l’organizzazione Carta di Roma.

Dico pacatamente che è stata una brutta pagina, che l’Inpgi che vorrei si occupa di pagare le pensioni e le prestazioni, di valorizzare il patrimonio, di difendere la propria autonomia dalle incursioni interessate delle parti sociali. E che soprattutto, finalmente, non faccia più mercato dei soldi dei colleghi.

* Cda Inpgi per “INPGI FUTURO”, portavoce di Puntoeacapo

P.S. A proposito della serie di elargizioni decise dal cda dell’Inpgi devo dare atto all’Associazione stampa toscana e al suo presidente Sandro Bennucci di non avere richiesto alcun finanziamento diretto o indiretto. Bennucci si è infatti limitato a testimoniare che l’Ast ha appoggiato e non richiesto fondi per la iniziativa Digit, dedicata al giornalismo digitale e promossa dal presidente di Lsdi e consigliere generale Inpgi Pino Rea. Circostanza che non risultava né dall’ordine del giorno sottopostoci né soprattutto dal testo della delibera e che dunque mi sembra doveroso segnalare adesso.

 

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


1 × due =