INPGI, SEI DOMANDE (FACILI) SUGLI ERRORI DELLA MAGGIORANZA IN TEMA DI PENSIONI E RIFORMA

 

di Pierluigi Franz *

 

Dal 1° gennaio 2017 l’INPGI intende di nuovo tagliare d’ufficio le pensioni di 4.489 giornalisti di importo superiore a 57 mila euro lordi l’anno per ottenere così un risparmio annuo calcolato in 5 milioni 200 mila euro. 

 

L’attuale taglio delle pensioni INPGI di importo superiore ai 91 mila 250 euro, previsto dalla legge di stabilità per il 2014, dovrebbe scadere definitivamente il 31 dicembre 2016, in quanto sembra che il Governo Renzi non avrebbe più alcuna intenzione di prorogarlo anche per adempiere a quanto statuito nella sentenza della Corte Costituzionale n. 173 del 2016.

 

Di conseguenza un nuovo taglio delle pensioni INPGI appare di dubbia legittimità perché non verrebbe imposto da una legge dello Stato, ma da una delibera dello stesso ente previdenziale debitore con effetto penalizzante sui beneficiari, delibera che per entrare in vigore dovrà essere comunque convalidata dai ministeri del Lavoro e delle Politiche Sociali e dell’Economia e delle Finanze.

 

Per tutto il 2017 resta, invece, ancora operante il nuovo blocco della perequazione delle pensioni conseguente alla sentenza della Consulta n. 70 del 2015 e alla successiva legge n. 109 del 2015 di conversione del decreto-legge Poletti-Renzi n. 65 del 2015. Nei prossimi mesi si dovrà comunque pronunciare la Corte Costituzionale. Come è noto tale blocco della perequazione non riguarda più le pensioni INPGI di importo più basso, ma solo quelle di importo medio e alto.

 

Negli ultimi 5 anni i pensionati INPGI hanno complessivamente già fatto risparmiare all’ente (che, peraltro, non li ha neppure ringraziati) circa 30 milioni di euro (nella lettera dell’INPGI non vi è alcun accenno a questo importante dato) tra blocco della perequazione sui loro vitalizi e taglio delle pensioni superiori ai 91 mila 250 euro lordi l’anno. In entrambi i casi queste misure penalizzanti erano state, però, introdotte dal Parlamento, e non dall’INPGI che alla fine ne ha comunque potuto beneficiare.

 

Stavolta, invece, vi è un’importante novità perché si ipotizza che l’ente (tenuto per legge al puntuale pagamento della pensione pattuita) possa addirittura sostituirsi al Parlamento, introducendo tagli per 5 milioni 200 mila euro l’anno dal 2017 e per la durata di più anni!

 

E per ottenere il via libera è stato chiesto il parere anche alle Parti Sociali in base al decreto 509 del 1994.

 

C’è, però, da chiedersi:

1) il taglio obbligatorio delle pensioni INPGI di 4.489 giornalisti rientra davvero tra le competenze della FNSI e della FIEG in base al decreto 509 del 1994? Ma FNSI e FIEG non dovrebbero forse esprimere pareri solo sui contributi a carico dei lavoratori in attività di servizio e delle aziende, e non anche sui trattamenti di chi è già in quiescenza? Insomma, questa materia – per competenza – non dovrebbe rientrare esclusivamente nelle prerogative delle Camere?

2) Come ha utilizzato l’INPGI sinora il ricavato (circa 30 milioni di euro) derivante sia dal blocco della perequazione, sia dal taglio delle pensioni di importo più elevato?

3) Sarebbe rispettata alla lettera la recente sentenza della Cassazione n. 12338 del 15 giugno 2016, scaricabile dal sito http://www.italgiure.giustizia.it/xway/application/nif/clean/hc.dll?verbo=attach&db=snciv&id=./20160616/snciv@sL0@a2016@n12338@tS.clean.pdf , che ha, invece, bocciato le tesi della Cassa Dottori Commercialisti che intendeva introdurre un analogo contributo di solidarietà? E perché allora l’INPGI finge di ignorare questa pronuncia?

4) Perchè non è stato previsto un taglio delle pensioni su base esclusivamente volontaria, anzichè obbligatoria?

5) Perché la delibera del CdA sulla riforma delle pensioni non sarà neppure portata alla ratifica del Consiglio Generale dell’Istituto, massimo organo deliberante dell’ente, come è avvenuto in analoghe occasioni durante la Presidenza di Gabriele Cescutti?

6) Come mai l’INPGI ha cambiato idea, visto che il 23 giugno scorso, l’UNGP – Unione nazionale giornalisti pensionati (vedere notizia scaricabile dai siti

http://www.fnsi.it/giornalisti-pensionati-lungp-non-sono-previsti-interventi-sulle-prestazioni-in-esseree http://www.ungp.it/Pagine/C_legginews.asp?ID=760  e http://www.ungp.it/Pagine/C_legginews.asp?ID=760 ) aveva, invece, assicurato che non ci sarebbero stati tagli sulle pensioni dei giornalisti? Che è successo allora in questi tre mesi estivi?

 

* Sindaco Inpgi 1, comitato consultivo di Puntoeacapo

 

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*