INPGI, PENSIONI: FIRME ECCELLENTI (E SORPRENDENTI) NOPRELIEVO

 

C’è la grande firma e il giovane cronista. Il segretario storico dell’Usigrai e la ex leader della Fnsi. L’esponente di punta di Autonomia e due fondatrici di Puntoeacapo.

Tante sorprese nell’elenco delle firme di adesione all’appello contro il prelievo sulle pensioni Inpgi inviato ai ministri vigilanti Pier Carlo Padoan e Giuliano Poletti.

Una iniziativa trasversale, cui Puntoeacapo ha dato la sua adesione, che ha visto fin dal primo momento partecipare tutte le anime del giornalismo e del sindacalismo italiano.

Le firme e i volti. Davvero difficile citarli tutti, sono tantissimi. Basti citare Alberto Statera o Andrea Purgatori, Daniele Mastrogiacomo o Toni Capuozzo, Massimo Franco o Giovanni Valentini. E poi in ordine sparso Paolo Brogi, Francesco La Licata, Roberto Martinelli, Giuseppe Sangiorgi, Pietro Veronese, Emanuela Audisio, Nicola Caracciolo, Alberto Stabile, Antonello Valentini, Luigi Ferrajolo, Valeria Gandus, Paola Pilati, Francesco Damato, Paolo Conti, Armando Sommajuolo, Giovanni Cerruti, Massimo Lugli, Carlo Fusi, Gianni de Felice, i quirinalisti dei due principali quotidiani Marzio Breda e Umberto Rosso, Fabrizio Ravelli, Marcello Veneziani, Giulietto Chiesa, Rinaldo Gianola, Leonardo Coen, Erica Arosio, Roberto Bencivenga, Giuseppe Columba, Livio Caputo, Alfio Caruso, Paolo Chiarelli, Paolo Francia, Nadia Tarantini, Raffaele Garramone.

La pattuglia Rai. Numerosi sono i giornalisti Rai che hanno aderito. Citeremo tra i tanti Giancarlo Santalmassi, Maurizio Torrealta, Enzo Nucci, Aldo Forbice, Mario Giobbe, Duccio Guida, Daniela Brancati, Mariella Milani, Fabio Cortese. Mettiamo nel capitolo Rai anche la firma del consigliere di amministrazione Giancarlo Mazzuca, ex direttore del Carlino.

I giornalisti in attività. Tantissime le firme dei giornalisti che hanno ben compreso come i rischi del prelievo non riguardino gli attuali pensionati ma anche loro stessi. E che il problema non stia nella entità del prelievo, ma nel fatto che si mette in pratica il principio che le pensioni di oggi e del futuro si possono tagliare di 1 euro come di 1.000.

Da Virginia Piccolillo a Maria Novella De Luca, da Sandro Petrone a Michele Smargiassi, da Emilio Carelli a Marco Frittella. E ancora: Alessandra Longo, Angelo Lupoli, Marino Bisso, Fiammetta Cucurnia, Emiliano Scalia, Gabriella Lepre.

La squadra dei direttori. Una rappresentanza autorevole di direttori non è una cosa usuale. Vediamo allora che nell’elenco compaiono i nomi di Ernesto Auci, Vera Montanari, Maria Luisa Agnese, Enrico Romagna Manoja, Gennaro Malgieri, Giampiero Gramaglia, Lorenzo Mondo, Mauro Bene, Matteo Cosenza, Beppe Lopez, Vittorio Stamerra, Giancarlo Minicucci, Paolo Figus.

Segnali dall’Ordine. Molte le firme di rappresentanti regionali e nazionali dell’Ordine dei giornalisti. Citeremo quelle di Antonio Farné, Lorenzo del Boca, Bruno Tucci, Gerardo Bombonato, Carlo Picozza.

Un appello trasversale. Ma la novità politicamente più rilevante riguarda l’adesione di rappresentanti di tutte le anime del sindacato e dell’associazionismo. C’è stata l’adesione di Silvana Mazzocchi e Cinzia Romano, due delle fondatrici di Puntoeacapo, così come di molti altri esponenti della nostra associazione. Ma a sorprendere sono state altre firme. Come quella, convinta, di Giorgio Balzoni, già segretario dell’Usigrai. O di Roberto Carella, ex consigliere di amministrazione dell’Inpgi che di recente ha annunciato le sue dimissioni dalla Fnsi. E ancora di Guido Columba, storico presidente dell’Unione nazionale cronisti, o di Luigi Ferrajolo, presidente dell’Unione stampa sportiva. O di molti altri, come Cesare Gerosa, Giorgio Frasca Polara, Roberto Mostarda, Luca Frati, Clara Zagaria. Firme alle quali si aggiungono quella prestigiosa di Giuliana Del Bufalo, storica segretaria della Fnsi, del torinese Salvatore Rotondo (sua l’iniziativa di diffidare l’Inpgi sul primo tentativo di prelievo), o quelle della nutrita pattuglia dell’Unione nazionale pensionati (Baggiani, Bartoloni, Corsi, Corti, Longo), di Massimo Alberizzi di Senza Bavaglio.

Ma le firme più gradite, se permettete, sono quelle non citate: di quei colleghi che hanno vinto la letargia che da sempre caratterizza la nostra professione e che hanno lanciato un messaggio chiaro ai ministri e allo stesso Inpgi: non se ne staranno con le mani in mano se la delibera sul prelievo forzoso, o se preferite sulla finta solidarietà, dovesse passare.

 

 

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


8 − sette =